Percorso: ilMac.net > Scuola di Mac > Spiegazioni > PCI-X scoperta di una nuova tecnologia


PCI-X scoperta di una nuova tecnologia

I vantaggi ed una spiegazione pratica

E così, dopo lunga attesa, ci siamo.
Apple ha presentato le nuove macchine e, tra le tante novità, una di quelle che saranno destinate a cambiare l'andamento dei prossimi mesi del mondo dei computer, contrariamente a quanto si possa pensare, non sono tanto i nuovi e potentissimi G5, ma l'inclusione di un nuovo protocollo di comunicazione, il PCI-X.

PCI-X, questo sconosciuto

Ma da dove proviene questo protocollo? Quali vantaggi offre rispetto al classico e oramai diffusissimo PCI?
Cominciamo con il dire che il PCI-X è stato stato sviluppato dallo stesso consorzio che nel 1992 predispose il protocollo PCI che si è poi evoluto fino al livello raggiunto oggi.
Il progetto del PCI-X è nato dalla necessità di sviluppare un successore del bus PCI che sopperendo alle sue mancanze permettesse, nel contempo, di conservare il patrimonio di lavoro e di conoscenze sviluppato su di esso.
L'obiettivo del gruppo di lavoro era di sviluppare un'architettura capace di offrire ampi margini di miglioramento e di crescita delle prestazioni, ridurre il consumo di energia pur aumentando la capacità trasmissiva complessiva a tutto questo era destinato il progetto PCI-X, vediamone nel dettaglio le caratteristiche essenziali.

PCI-X prestazioni superiori

Quali sono i vantaggi diretti del passaggio da PCI a PCI-X? In primo luogo prestazioni più elevate e vediamo nel dettaglio di cosa parliamo. Il bus PCI, nella sua implementazione a 32 bit, quella più diffusa su gran parte dei computer, è in grado di garantire al massimo una capacità di trasmissione, condivisa tra più canali, di 133 MB/s, inferiore, già oggi, alle necessità della FireWire 800 o di una Gigabit Ethernet. Viceversa il bus PCI-X 66 offre 266 MB/s di capacità condivisa nell'implementazione a 32 bit e 533 MB/s nell'implementazione a 64 bit. Ma sono disponibili ulteriori specifiche che consentono di offrire prestazioni ancora superiori fino ad arrivare, con il bus PCI-X 533 a 64 bit ad oltre 4 GB/s per singolo canale consentendo di gestire volumi di dati davvero impressionanti. Ma c'è dell'altro. Il PCI-X non è offre solo una maggiore capacità di trasmissione, ma lo fa anche in maniera più efficiente, ovvero è in grado di sfruttare al meglio tutto il potenziale di cui dispone. Per rendere più semplice il concetto basta dire che il tempo di latenza, ovvero il tempo necessario al bus per raggiungere la sua piena capacità di trasmissione è stato ridotto della metà.

PCI-X il vero successore di AGP

Oltre che sostituire l'oramai vetusto PCI il bus PCI-X si propone di sostituire anche il più recente bus AGP principalmente utilizzato per connettere schede video. Infatti anche rispetto al più recente AGP 8x il PCI-X garantisce da subito il doppio della banda e delle prestazioni con possibilità maggiori e già sviluppate di aumentare ulteriormente le prestazioni nei prossimi mesi.
Perchè utilizzare oggi PCI-X? I motivi a favore di questa scelta, pur molto rischiosa ed innovativa sono molteplici. Intanto il bus PCI-X mantiene la compatibilità con gran parte delle schede già esistenti, pur consentendo, installando nuove schede predisposte per il nuovo standard, di sfruttare al meglio le sue caratteristiche più avanzate in termini di capacità di trasmissione, efficienza e riduzione dei consumi. Inoltre con la forte crescita e sviluppo del mercato dell'audio e del video digitale, in cui Apple vuol giocare un ruolo da protagonista, è sempre più impellente la necessità di superare i vincoli posti dal bus PCI alla capacità di trasmissione da e per la scheda madre di grossi volumi di dati. Avendo ridisegnato la scheda madre per ottenere il massimo delle prestazioni ha molto senso puntare su un'interfaccia nata proprio per offrire il massimo agli utenti professionali pur avendo costi di produzione e di implementazione non troppo lontani da quelli offerti dal bus PCI tradizionale.

Apple, ancora una volta prima.

Fino ad oggi, nonostante la disponibilità delle prime specifiche di PCI-X da molti mesi, nessun produttore aveva trovato il coraggio e la forza di proporre una soluzione che utilizzasse a pieno questo nuovo BUS sfruttandone le caratteristiche più innovative. C'è da scommettere che, dopo il rilascio di queste macchine, la tecnologia PCI-X, come tante altre lanciate negli ultimi anni da Apple (a partire dall'USB passando Airport normale ed Extreme fino alla Firewire 800) , vedrà una rapida adozione da parte dei principali attori del mondo PC, che dovranno integrarla rapidamente per ridurre il vantaggio di prestazioni garantito ad Apple dalla nuova tecnologia. Di una cosa possiamo essere certi, grazie a questa nuova tecnologia avremo computer più potenti e probabilmente, anche più compatti e meno affamati di energia. Per il resto vedremo cosa ci diranno i prossimi mesi.

Data di pubblicazione: 21-07-2003

L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.