Percorso: ilMac.net > Scuola di Mac > Spiegazioni > Le Flashcard


Le Flashcard

Uno degli accessori chiave per le fotocamere digitali

Compact Flash Card

Abbiamo parlato, negli articoli precedenti, della scelta di una macchina fotografica digitale. Indipendentemente dalla scelta che farete, per marca e modello, vi troverete, quasi certamente, nella necessità di acquistare una memoria aggiuntiva per espandere le capacità della vostra macchina e non trovarvi a dover continuamente riversare le vostro foto sul computer, soprattutto quando non avete un computer a portata di mano.
Il principale strumento di archiviazione, presente sulla stragande maggioranza delle fotocamere, è la compact flash. Altri strumenti sono le multimedia card, le memory stick ed i microdrive di IBM e di altri produttori. Visto che le compact flash sono le più diffuse, ci concentreremo su di esse. Rispondendo a due domande chiave:

  1. Ma le compact flash sono tutte uguali?
  2. Quanto spazio è necessario avere per poter archiviare le vostro foto?

Le compact-flash tanti tagli e tante dimensioni

Lo standard delle compact-flash è abbastanza "definito", tuttavia, nonostante lo standard, rimangono molte differenze a livello di prestazioni tra le varie schede ed ogni produttore tende ad "esaltare" le prestazioni teoriche del proprio prodotto pur se, nell'utilizzo quotidiano, questo livello di prestazioni non sia raggiungibile.
Ma cosa voglio dire?
Nel mondo delle schede compact-flash, esistono prodotti che sostengono di arrivare a velocità fino a 28 volte più veloci delle schede comuni, ma quanto di questo incremento è effettivamente ottenibile con gli strumenti che adoperiamo quotidianamente?
Quanto ai tagli disponibili sono in arrivo le schede da 1 GB, mentre disponibili sul mercato ci sono schede in tagli da 8 fino a 512 MB.

Quale dimensione scegliere?

Il mio consiglio è questo: se avete macchina dai 2 Milioni di Pixel in sù, considerate l'acquisto di una scheda da almeno 256 MB, se la risoluzione della macchina è intorno al milione di pixel, allora potete accontentarvi anche di una scheda da 128 MB.

Quanto è importante la velocità?

E veniamo a noi, con il test, tra le due schede compact flash. La prima marchiata Datafab e la seconda Ridata. Quest'ultimo prodotto sembrava essere estremamente interessante visto che vantava prestazioni fino al 500% superiori alle compact flash comuni (ovvero quelle più economiche). Abbiamo fatto dei test e posso subito dirvi che il tanto reclamizzato 500%, non c'è, ma, comunque, vi sono delle differenze.

Il test

compact,flashcard,fotocamere digitali accessori,macchina fotografica digitale compact,flashcard,fotocamere digitali
Scheda Datafab Scheda Ridata Adattatore Compact flash

HO testato due schede compact flash e l'abbiamo fatto sia con un adattatore, sia con un lettore di schede USB. I risultati dei test, li ho sintetizzati in una tabella.

Tipo di test Datafab Ridata
Accensione macchina digitale 4 sec 3 sec
Registrazione di una foto alla massima qualità (5MB) 40 sec. 35 sec.
Registrazione di una foto con compressione JPEG (800K circa) 9 sec. 8 sec.
Copia di un file da 22,2 MB dal computer alla scheda via USB (MacOS 9) 74 sec 0,3 MB/s 25 sec. 0,89 MB/s
Copia di 44 foto (29,8 MB) dal computer alla scheda via USB (Mac OS 9) 106 sec 0,28 MB/s 35 sec. 0,85 MB/s
Copia di 11,8 MB (24 foto + 45 file) dal computer alla scheda (MacOS X) con adattatore compact-flash 46 sec. 0,26 MB/s 23 sec 0,52 MB/s
Copia di 11,8 MB (24 foto + 45 file) dalla scheda la computer (MacOS X) con adattatore compact-flash 12 sec. 1 MB/s 12 sec. 1 MB/s

La macchina fotografica utilizzata per il test è la mia Nikon 950. E' importante considerare che, le macchine più recenti, sono state pensate per sfruttare meglio le caratteristiche delle schede di memoria più avanzate ed è quindi probabile, come mi è capitato di leggere nei risultati di altri test, che offrano risultati migliori.

Commenti al test

E' interessante notare come, grazie alla maggiore efficienza di MacOS X e dell'adattatore compact flash, rispetto all'interfaccia USB, i dati di traferimento delle immagini tendono a migliorare pur mantenendo inalterati i risultati di fondo e le distanze tra le schede.
La cosa più interessante da notare è che la scheda Ridata vince, nella velocità di scrittura del file, ovvero quando i dati sono trasferiti nella scheda dal computer, mentre non riesce ad emergere quando il percorso è inverso, ovvero si tratta di trasferire i dati sul nostro Mac.
Ovviamente, visto che la machina digitale "scrive" nella scheda le informazioni, la superiorità nella scrittura è comunque molto importante.

Conclusioni e consigli

Personalmente, ho acquisto la scheda Ridata perchè ero allettato dalle prestazioni che sembravano significativamente superiori a quelle ottenibili con altre schede e, sebbene non siano risultate così superiori, devo ammettere di aver visto un miglioramento nella gestione della mia fotocamera.
Se non vi spaventa l'acquisto online e volete dare più spazio alle vostre immagini, il mio consiglio è di acquistare in questo sito Australiano, da cui ho acquistato sia la scheda che l'adattatore (che fino ad esaurimento scorte offrono gratuitamente) spendendo molto meno che in Italia e con un servizio di ottimo livello; a fine indicativo una scheda da 256 MB costa, consegnata con corriere Federal Express in 3-4 giorni, circa 135 €, laddove, in Italia, il prezzo offerto dal rivenditore online Silene è di circa 260 €
Sempre sullo stesso sito, per chi lavora molto con le immagini, è possibile acquistare un interessante prodotto, chiamato Image Bank, che consente di archiviare, su di un disco rigido, il contenuto di vari tipi di memorie.
E' importante rimarcare, a scando di equivoci, che le macchine fotografiche digitali non riescono a sfruttare a pieno le caratteristiche della shceda Ridata, ma che, visto che la differenza di costo non è significativa mi sento di consigliare a tutti questo acquisto.



Data di pubblicazione: 21-07-2002
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.