Percorso: ilMac.net > Scuola di Mac > Spiegazioni > Da PC a Mac


Da PC a Mac

Cosa c'è dentro un computer Apple

Questa vuole essere una panoramica veloce per quanti si chiedono (o forse si sono chiesti): cosa rende differente un Mac da un PC? Che sistema operativo utilizza, e soprattutto: che cosa porta in dote? Piccole questioni che alcuni forse si saranno posti, dopo aver sentito parlare della nostra piattaforma; e perciò ne vogliono sapere di più.
Chi poi è alla vigilia della "Grande Decisione" (voglio comprare un computer: cosa scelgo?), ha la necessità, dato l'investimento in danaro che comporta, di sapere cosa offre il mercato, se esistono delle alternative allo standard di fatto di Windows. Perché perfino nel nostro Paese ci si sta accorgendo che non c'è solo Microsoft.

Diversi si nasce

Uno degli aspetti positivi della nostra piattaforma, è che esiste un'azienda, e una sola (la Apple Computers, appunto), che produce sia l'hardware (cioé le macchine), che il software (ciò che le fa funzionare: il sistema operativo). Questo permette di avere computers con una configurazione ottimizzata, e unica, mentre in Windows ci sono decine di produttori di computers che offrono decine di differenti configurazioni (diverse schede grafiche, differenti schede audio, processori AMD, Intel Pentium, Intel Celeron, ecc), provocando nell'utente confusione. E l'abbondanza dell'offerta non è detto che sia sempre la miglior cosa. Non solo: parecchi conflitti che si verificano su macchine Windows sono causati proprio dalla minore "armonizzazione" che c'è tra software e hardware.

Quale scelgo?

acer.jpg

Avere ampia possibilità di scelta, è bello. Ma a volte può essere controproducente. Tra le tante serie che propone "Acer", quale sarà quella che fa per me? Beh, con un po' di fortuna riuscirò a comprare quello che mi serve sul serio.

Questo o quello

apple.jpg

Sul sito della Apple Italia, i portatili si dividono in due serie: quella professionale (i PowerBook), e i modelli di fascia bassa (gli iBook). Ciascuno poi disponibile con diverse configurazioni, ma anche un inesperto comprende sin da subito verso cosa può indirizzare la scelta.

Sistema Operativo

Il cuore, quello che rende un computer diverso da uno scaldavivande, è il sistema operativo, che in Macintosh si chiama Mac OS. Qualche distribuzione Linux si può installare con successo anche sulle macchine Apple, ma questo è un altro discorso. Sino a poco tempo fa, le macchine della Apple giravano su Mac OS 9.2; questa è stata l'ultima versione di questo sistema operativo, vecchio di più di dieci anni e ormai in pensione. Quello nuovo ha come nome Mac OSX: la X corrisponde al numero romano dieci. Dimenticavo: non pensate che la Apple abbia copiato da Windows XP; è piuttosto vero il contrario. Siamo alle solite, insomma ...

Le necessità spicciole

Un sistema operativo ha successo per ciò che mette a disposizione: vale a dire le applicazioni. Non vale la pena fare l'elenco di tutti i software che girano su Mac (Adobe, Macromedia, Maya, Office, giochi, utility le più differenti ecc.), ma ci concentreremo sui programmi di cui un utente casalingo ha bisogno per essere modestamente produttivo.

Internet. I navigatori per Mac sono molti, ormai: c'è solo l'imbarazzo della scelta. "Safari", in fase di beta, prodotto dalla stessa Apple. E poi: Internet Explorer (preinstallato su alcune macchine), Netscape 7, Mozilla, Chimera (tutti gratuiti); iCab, OmniWeb e Opera (questi invece a pagamento).

Posta elettronica. Il primo è "Mail", della Apple (compreso nel sistema operativo). A seguire dobbiamo citare "Eudora"; "Mailsmith", "Entourage" (questi due a pagamento). Ricordiamo inoltre che sia Netscape che Mozilla comprendono un programma di posta elettronica.

Ma scendiamo un po' nel dettaglio. Il sistema operativo Mac OSX arriva corredato con un buon numero di software:

iMovie. Collegate la vostra videocamera al Mac e trasferite i vostri filmini delle vacanze sul computer, e quindi montateli aggiungendo titoli, sonoro, effetti speciali. Sul Web è possibile scaricare (gratis), altri effetti speciali da aggiungere a quelli già disponibili di serie.

iTunes. Con iTunes potrete ascoltare i vostri brani musicali preferiti, convertirli in formato MP3 e creare così la vostra raccolta di musica preferita da ascoltare mentre navigate sul Web. Oppure, creare CD (con un semplice clic), che si possono poi ascoltare in un qualunque lettore CD (auto, stereo). Inoltre, con iTunes è possibile collegarsi a centinaia di radio che trasmettono su Internet. Gratis.

iPhoto. Per gestire le proprie immagini digitali. Anche qui, basta collegare la propria fotocamera digitale al Mac, trasferirle e catalogarle, oppure apportare piccole modifiche (togliendo l'effetto "occhi rossi", per esempio).

iChat. Con questo programma potete entrare velocemente in contatto con amici, parenti, ecc., scambiando messaggi istantanei grazie all'Instant Messenger di AOL. Magari non vi piace? ICQ allora, oppure MSN Messenger, Yahoo Messenger.

AppleWorks. Un programma che comprende un elaboratore di testo, un foglio elettronico, un modulo per le presentazioni, un altro per il disegno, uno per la grafica, un database. Apre e converte i lavori salvati in Word ed Excel. Attenzione: manca sulle macchine professionali. Ci sono poi programmi alternativi alla suite della Microsoft, come "ThinkFree Office", ad un costo inferiore agli 80 Euro. Non mancano poi programmi shareware, che per pochi Euro permettono di aprire i lavori in Word o Excel, e modificarli, senza dover comprare l'intera suite Microsoft.

iCal. Chi non si organizza è perduto. iCal è un calendario che permette di programmare e tenere traccia dei propri impegni, scadenze, sia della vita professionale, che (soprattutto), di quella familiare.

iDVD. Se il Mac che acquisterete sarà dotato di SuperDrive, iDVD è il software vi permette di crearne di nuovi dove raccogliere foto o filmati, visibili sulla maggior parte dei lettori DVD domestici.

Rubrica Indirizzi. Avete bisogno di catalogare nominativi e indirizzi di amici e/o colleghi? Ecco l'applicazione che fa per voi.

iSync. Permette di aggiornare e trasferire i vostri dati dalla Rubrica Indirizzi (o da iCal), all'iPod, o ad un palmare con sistema Palm OS oppure ad un telefonino. Il download di questa tecnologia è gratuito.

Smanettoni, questo è per voi.

AppleScript. Spesso sul computer si ripetono ogni giorno le stesse operazioni. Sarebbe bello automatizzarle, facendole fare alla macchina invece che a noi. AppleScript è un piccolo linguaggio che fornisce istruzioni alle applicazioni, oppure indica loro come comportarsi in determinati casi. Per esempio: ogni volta che vi collegate al Web visitate per primo un certo sito? Bene, con AppleScript potete compilare un piccolo script per richiamare l'home page del sito senza lanciare il bowser, né digitarne l'indirizzo: fa tutto lui. Di serie all'interno del sistema operativo Mac OSX.

Developer Tools. Se una piattaforma non attira sviluppatori, muore. Con Mac OSX arriva un CD che contiene gli strumenti per sviluppatori (in erba, oppure già "professionisti"), per realizzare nuove applicazioni per X con AppleScript Studio. Quest'ultimo è una versione "turbo" del precedente Applescript.

Unix. Il fondamento di Mac OSX è proprio lui, Unix. Non solo garantisce grande stabilità, ma potrete (se ne avrete voglia), addentrarvi attraverso quella mirabolante applicazione chiamata "Terminale". Il terminale permette di usare una interfaccia a linee di comando (vale a dire: senza icone da cliccare, solo comandi da digitare), e vi darà la possibilità di sfruttare i programmi BSD Unix. Da maneggiare tuttavia con estrema cura. Se non sapete cosa fate, state lontani dal terminale: ci vuole poco per produrre disastri inenarrabili.

Non è finita, a dire il vero. Nella prossima puntata vi illustreremo le tecnologie contenute all'interno di Mac OSX.

Link Utili:

Apple Italia. La pagina dove trovare ulteriori informazioni sui computer Mac.

ThinkFree Office. Il sito della società "Active Software", dove trovare la versione in italiano di questo programma.



Data di pubblicazione: 05-09-2003
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.