Percorso: ilMac.net > Scuola di Mac > Spiegazioni > ADSL ed oltre


ADSL ed oltre

Presente e futuro dei collegamenti

Probabilmente non tutti se ne rendono conto, ma Internet è in continuo cambiamento. Ho sottomano degli screenshots di alcune pagine web, pubblicati sul mio primo numero di Macintosh Magazine che ho comprato nel 1995. Tutta un'altra cosa: sfondi grigi, testo (quasi tutto) nero, pochissime GIF a 16 colori, di banner neanche l'ombra, figuriamoci mp3 o lo streaming video! I pochi in Italia che all'epoca possedevano un modem, viaggiavano nel cyberspazio ad una velocità media di 9,6 kbps... Oggi la velocità media dei modem è di 56 kbps, che sono davvero pochi se pensiamo a cosa ci aspetta. Il futuro è la banda larga: cavi in fibra ottica per i computer e standard UMTS per i cellulari. Ciò significa una velocità minima di 2 Mbps, cioè 2.000 kbps! La diffusione di questi collegamenti veloci avrà un notevole impatto sullo sviluppo della Rete, perché permetterà di accedere sempre a più contenuti multimediali e, soprattutto di farlo in tempo reale, abbattendo i noiosi tempi di caricamento. In attesa che ogni angolo della penisola venga cablato con la fibra ottica, i collegamenti con tecnologia ADSL colmeranno il gap tra i modem lumaconi da 56 kbps e i fantastici 2 Mb/sec. della fibra ottica. Guardandoci alle spalle notiamo come la Rete, da veicolo di sola informazione scritta (testo), sia diventato, in meno di un decennio, veicolo di immagini, video, animazioni, musica. Ciò grazie, da un lato, all'incremento della velocità dei modem, e, dall'altro, all'invenzione di straordinari metodi di compressione del materiale multimediale. Se non avessero inventato metodi di compressione come il .jpeg, tuttora, si farebbe comunque fatica a scaricare un'immagine 800*600, perché occuperebbe alcuni MB! Idem per il celeberrimo formato mp3, che ha fatto esplodere la musica in Rete. Fino a qualche anno fa era impossibile immaginare di scaricarsi un brano di 3 minuti dalla Rete (non compresso occupa 30 -35 MB). L'unica soluzione era quella comprimerlo in formato AIFF MACE con un rapporto di compressione 6:1, ottenendo un file di oltre 5 MB , con i modem da 9,6 o 14,4 kbps comunque non era una piuma da scaricare, e per di più ottenendo una qualità scarsissima. Ringraziamo poi mamma Apple per aver svolto, con QuickTime, un ruolo fondamentale nello sviluppo dello streaming video via Internet.


ilBusiness...
Nel corso del 2000, le compagnie telefoniche come Telecom (mediante la controllata Seat-Tin.it) e Infostrada, (mediante Libero-iOL) hanno proposto delle offerte ADSL a 640 kb/sec, ma i costi elevati non hanno permesso il decollo delle sottoscrizioni, se non presso le aziende. Le due società hanno così modificato la loro strategia: dimezzata la velocità ed i prezzi , puntano ora sul mercato domestico. Diamo uno sguardo alle due offerte più recenti delle principali compagnie telefoniche italiane.

 

 

Partiamo dall'offerta di Telecom Italia, realizzata in collaborazione con Virgilio. Si tratta di BB·B (Broad Band Box), l'offerta ADSL rivolta alle famiglie. E' una soluzione completa: accesso ADSL, modem, filtri, installazione, configurazione del PC e guida al mondo dei contenuti multimediali di Internet.

Ecco tutte le caratteristiche dell'offerta:
- accesso ad Internet con tecnologia ADSL che consente di essere collegati 24 ore su 24 con una velocità fino a 256 Kbps in download e 128 Kbps in upload;
- modem e filtri;
- consegna ed installazione a domicilio del modem e dei filtri;
- 20 MB di spazio web;
- configurazione del pc a casa del cliente
- accesso a contenuti multimediali di Virgilio X
- 1 casella e-mail da 10 MB;
- sconto del 40% per acquistare una webcam e una cuffia con microfono
- help-desk telefonico gratuito;
- gadget vari (mouse pad, t-shirt dell'azienda)

Ad oggi l'ADSL di Telecom Italia è disponibile in oltre 150 città che diventeranno 400 (70% della popolazione) a fine anno e 600 (80% della popolazione) entro il 2002.


I costi:

- Il contributo di attivazione è pari a 250.000 lire + IVA.
- il canone mensile è di 83.000 lire + IVA





Passiamo ora all'offerta 'entry level' proposta da Infostrada, denominata Libero ADSL Light, che comprende:

- Modem ADSL in comodato d'uso
- 1 filtro ADSL
- Consegna a domicilio del kit di attivazione
- Connessione Internet illimitata 24 ore su 24
- Accesso con tecnologia ADSL a Internet, con velocità fino a 300 Kbps in ricezione e 128 Kbps in trasmissione, senza limiti di traffico
- 1 Casella di posta elettronica da 30 MB per ricevere e inviare posta elettronica con protocolli POP3, SMTP ed IMAP4
- spazio web illimitato su Digiland
- Libero Wap Mail: casella di posta di Libero ADSL direttamente sul cellulare Wap
- Assistenza tecnica telefonica gratuita 24 ore su 24 per 365 giorni all'anno.
- Accesso ai servizi Libero e iOL


I costi:
Libero ADSL Light con modem ADSL:
- il contributo di attivazione è pari a 299.000 lire + IVA
- canone mensile di 79.000 lire + IVA


Queste sono le due offerte. La differenza di prezzo tra i due canoni è minima a favore di Infostrada, ma Telecom fa pagare meno il contributo di attivazione. Se Infostrada offre una velocità di 300 kbps a fronte dei 256 kbps di Telecom, bisogna dire che l'ex monopolista offre una maggiore copertura del territorio. A voi la scelta.



Nota bene: kb VS KB
Per concludere, terrei molto a fare una precisazione.Spessissimo gli utenti confondono i Kb (Kilobit), cioè le unità di misura della velocità dei modem, con i KB, che sono invece KiloByte. Avere un collegamento ADSL a 256 kbps significa avere la possibilità di scaricare files a 32 KiloBytes al secondo, E NON, come molti erroneamente credono a 256 KB al secondo! Quei 256 , sono infatti kilobit. Un bit è l'ottava parte di un 1 Byte, quindi, ogni volta che incontrate una velocità espressa in kb, ricordatevi di dividerla per 8.
Alcuni esempi:

* un modem 56 kbps può scaricare al massimo: 56 : 8 = 7 KB al secondo
* un modem ISDN 128 kbps può scaricare al massimo: 128 : 8 = 16 KB al secondo
* con un collegamento in fibra ottica da 2 Mbit/sec si possono scaricare al massimo: 2048 : 8 = 256 KB/sec

Ho scritto 'al massimo' perché la velocità effettiva del collegamento dipende, naturalmente, dal traffico in Rete.



Approfondimenti
Chi volesse può leggere le impressioni d'uso di un nostro amico circa l'ADSL di Telecom Italia. Le trovate al seguente link: http://ilmac.net/scuola_di_mac/spiegazioni/adsl.htm


Data di pubblicazione: 08-07-2001

L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.