Percorso: ilMac.net > Scuola di Mac > Consigli > Come scegliere un Mac


Come scegliere un Mac

Parte II - Il Mac mini


Avvertenza. Questa è la seconda parte della guida preparata da ilMac.net su come scegliere un Mac. E' possibile leggere la prima parte prima di procedere.

La scelta, e l'acquisto del Mac passa sostanzialmente attraverso due elementi:

  • i propri bisogni;

  • il budget a disposizione.
  • Sul secondo qualcosa abbiamo già scritto la scorsa volta: ci sono cioè alcuni acquisti che occorre fare (un disco rigido esterno per il backup), e altri da rimandare (Apple Care, per esempio). Ma sul primo?

    Qui non posso dire molto, perché ciascuno ha i suoi. Di certo è bene prendersi del tempo, e vedere se la macchina su cui puntiamo la nostra attenzione è in grado non solo di calzare a pennello; ma è in grado (almeno per un po'), di evolvere assieme a noi, ai nostri interessi. E' risaputo che spesso un computer risveglia, o sveglia attitudini sopite, vecchie passioni: è bene quindi fare in modo di scegliere una macchina che ci offra qualche margine di crescita, senza diventare in breve tempo una sorta di "collo di bottiglia" per la nostra nuova voglia di fare. No, non è semplice. Ma conoscere qualcosa delle macchine Apple aiuta a capire cosa attendersi, e quindi cosa scegliere.
    Premessa doverosa: qui non si parla di prestazioni, velocità, benchmarks. Il Web è pieno di queste cose. Proverò invece a ragionare, mostrando pro e contro dei vari modelli di computer Mac. Stavolta parleremo del Mac mini.

    Il Mac mini


    Piccolo (ricordate che l'alimentatore è compreso nella confezione, ma è esterno al computer vero e proprio), elegante, è la soluzione ideale se avete tastiera, mouse e uno schermo PC. Il Mac mini fornito di adattatore DVI/miniDVI, 5 porte USB 2.0, una FireWire 800, Gigabit Ethernet, Bluetooth 2.1 + EDR, e AirPort Extreme 802.11n.
    C'è anche la mini DisplayPort, la nuova uscita video ormai presente su quasi tutti i Mac, e compatibile con gli schermi Apple Cinema Display. Attenzione però: il cavo per poterla usare è venduto a parte, così come è a parte e opzionale il modem USB.
    Avviso per gli utenti Windows: niente Blu-Ray. Non solo su questo Mac, ma su tutti i computer Apple il Blu-Ray non c'è. L'unità ottica del computer è un SuperDrive 8x che supporta dischi a doppio strato DVD±R DL/DVD±RW/CD-RW.

    La scheda grafica del Mac mini


    La scheda grafica è condivisa in entrambi i modelli; significa che parte della RAM con cui la macchina viene venduta verrà usata dalla NVIDIA GEForce 9400M.
    Un consiglio spiccio, anzi due: se scegliete il Mac mini pensate subito ad aggiornare la RAM al suo massimo (4 GB).
    Secondo consiglio: non compratela sull'Apple Store. E' decisamente cara. Tenete poi presente questo aspetto, che non è secondario in questa piccola, grande macchina: il Mac mini ora è in grado di gestire due schermi, sia in modalità "mirror" (o duplicazione che dir si voglia), che in modalità estesa.

    Qualche limite


    Un elemento debole di questa macchina: il disco rigido. Entrambe le configurazioni offrono un hard disk a 5400 giri al minuto. Se optate per il modello base, ricordo che ha solo 120 GB: davvero troppo poco.
    Apple permette al momento dell'acquisto di configurare il processore, la RAM, e il disco rigido (questo però solo col modello più economico).
    Ovviamente il Mac mini ha il suo simpatico altoparlante. Ho scritto "simpatico", perché non sono riuscito a scovare un altro termine più adeguato. La qualità del suono (se acquistate musica dall'iTunes Store), vi deluderà. D'altra parte, da un computer che pesa meno di 1,5 kg non si può onestamente pretendere molto.
    Badate a questo: l'adattatore mini-DVI/VGA è venduto separatamente.
    Della memoria ho già accennato in precedenza parlando della scheda grafica. Il modello base viene venduto con 1 GB di RAM, il secondo con 2 GB.
    Molti obietteranno che aprire questa macchina così compatta non è alla portata di tutti, e spesso si finisce con l'aggiornare questo elemento importante al momento dell'ordine, sull'Apple Store.
    Nessuno vi vuole obbligare a fare in un modo piuttosto che in un altro. Rammento solo che YouTube offre una ricca scelta di filmati (molti in inglese), che illustrano proprio come procedere. Prima di decidere, fate una ricerca su quel sito, e vedete se le operazioni necessarie per aprire il Mac mini e aggiornare la RAM sono alla vostra portata.

    Perché il Mac mini?


    E' una soluzione di compromesso, ma nel senso migliore del termine: pochi fronzoli, qualche limite, tante qualità.
    Se desiderate affidare al Mac la gestione di compiti semplici, che non richiedano troppo alla macchina, il Mac mini (soprattutto il modello da 599,00 Euro), fa proprio per voi. Toglietevi dalla testa però giochi quali Call Of Duty o World Of Warcraft: se siete dei giocatori non è la vostra macchina.
    La gestione invece di una piccola impresa può essere agevolmente effettuata ricorrendo a questa macchina: niente antivirus, firewall integrato, l'applicazione Boot Camp compresa in Mac OS X, grazie alla quale potrete usare, tramite la virtualizzazione, Windows sul vostro Mac. Unica seccatura (se userete appunto Boot Camp): dover riavviare per passare da un sistema all'altro. Se viceversa acquisterete un'applicazione come Parallels Desktop (oppure se ricorrerete a VirtualBox di Sun, Open Sorce, gratuito e attualmente in beta), vi sarà risparmiato questo passaggio.
    Altro pregio di queste due soluzioni: permettono la virtualizzazione anche di Linux (mentre Boot Camp no).


    schermatavirtualbox

    VirtualBox (al momento in beta), è la soluzione di Sun "Open Source" per portare su Mac sistemi Windows, Solaris e Linux.

    La conclusione


    Se la vostra scelta quindi è il Mac mini, significa che avete bisogno di una macchina poco performante dal punta di vista della grafica, che vi permetta magari di riciclare tastiera e mouse (e anche schermo eventualmente), del vostro vecchio PC. Il processore con cui viene venduto è un Core 2 Duo a 2.0 oppure a 2.26 GHz con un bus a 1066 MHz: più che decente per quello che sarà chiamato a fare.
    Lato software, oltre ad un sistema operativo (Mac OS X 10.5 "Leopard") di prim'ordine, avrete anche iLife '09. E' una suite che racchiude iMovie, iPhoto, GarageBand, iWeb e iDVD. In pratica tutto quello che vi serve per realizzare filmati, creare album di foto, musica, siti Web, o masterizzare DVD.

    Aggiornate la RAM al massimo possibile, e il Mac mini vi renderà felici.

    Leggi I pregi e i difetti dell'iMac

    Data di pubblicazione: 21-04-2009

    L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori. Semplitech srl - P.IVA 02472850300