Percorso: ilMac.net > Scuola di Mac > Archivio > MacOS X eBook


MacOS X eBook

2.2 - I pilastri: Quartz, Open GL, QuickTime

Il secondo livello riguarda la gestione del sistema grafico e multimediale. Chi utilizza un Mac, sa che Apple è de facto lo standard di produzione grafica e DTP.
Per mantenere questo primato gli ingengneri di Cupertino hanno diviso il cuore grafico di Mac OS X in tre parti.

Quartz

È il motore grafico dell’ interfaccia di Mac OS X e come tale si occupa di tutta la grafica 2D. Gestisce, renderizza, aggiorna le finestre, consente gli effetti di ingrandimento del Dock, la miniaturizzazione delle finestre stesse …
Una novità da segnalare è che Quartz non utilizza più la vecchia concezione per gestire le finestre, secondo la quale un pixel all’ interno del display poteva appartenere a una e una sola finestra (swicht model), ma anzi, grazie all’ introduzione del video mixer consente attraverso l’uso di trasparenze e canali Alpha di creare finestre che lascino intravedere il contenuto di quelle sottostanti, dando così vita a tutti gli affascinanti effetti di trasparenza che consentono ad un qualsiasi pixel dello schermo di appartenere contemporaneamente a una, due o più finestre.
Uno degli altri punti di forza che merita di essere citato consiste nel’ integrazione delle liberie PDF all’ interno di Quartz. Il sistema oltre ad utilizzare componenti in PDF che ridurranno il quantitativo di memoria necessario per il caricamento dell’ interfaccia, rende semplicissima la creazione e il salvataggio di documenti in formato PDF che portanno facilmente essere scambiati con chiunque. La creazione di file PDF ‘al volo’ e dall’ interno di qualsiasi applicazione risulterà particolarmente comoda ai professionisti i quali potranno in un attimo creare un’ anteprima di stampa … finalmente realistica !

Open GL

OpenGL è una robusta e potente libreria software 3D che offre una vasta gamma di funzionalità di rendering, texture mapping ed effetti speciali. Oltre ad essere pienamente compatibile con i più potenti hardware di accelerazione grafica, OpenGL è riconosciuta dagli sviluppatori 3D quale API preferenziale per la messa a punto di applicazioni 3D allo stato dell’ arte e detiene una posizione di privilegio per poter trarre vantaggio dall’ evoluzione nel settore dell’ hardware grafico. Open GL è quindi lo standard universalmente riconosciuto per la grafica tridimensionale, bel lo sapranno tutti gli appassionati di video games, i quali da oggi troveranno in Mac OS X il sistema idele per i giochi. Incredibile fluidità e velocità di rendering noteranno anche tutti coloro che anche se non interessati ai giochi utilizzano applicazioni di modellazione 3D, CAD/CAM e tutto ciò che si basa sul 3D con standard Open GL.

Quick Time

Eccoci giunti all’ illustrazione dell’ ultima libreria grafica, quella destinata al trattamento dei contenuti multimediali. Apple ha integrato in Mac OS X un motore d’avanguardia, una tecnologia proprietaria che ha contribuito a renderla famosa: Quick Time, che da più di dieci anni oramai domina i nostri desktop grazie alla sua capacità di riprodurre, registrare, modificare, salvare e conservare i più noti file con contenuti multimediali, quali filmati, presentazioni (AVI, DV, Flash, MPEG) supportando anche diversi standard di compressione (Cinepak, Sorenson, Qualcomm e molti altri) e grazie all’ introduzione di una tecnologia che vanta moltissimi tentativi di imitazione – più o meno riusciti – è possibile esplorare ambienti virtuali a 360° detta QTVR nella quale Apple è stata pioniera.
Quick Time non si limita a questo! Ma grazie alla disponibilità di questo software per diverse piattaforme (Mac OS 8, Mac OS 9, Windows 95, Windows 98, Windows ME, Windows 2000, Windows XP) si rivela il sistema migliore per lo scambio di contenuti multimediali tra differenti ambienti operativi.
Nelle ultime versioni di Quick Time troviamo anche il supporto per lo streaming Web che consente a Quick Time di supportare e visualizzare più dell’ 80 % dei contenuti multimediali presenti su internet. Tutto ciò lo trovate perfettamente integrato in Mac OS X.



Data di pubblicazione: 14-04-2002
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.