Percorso: ilMac.net > Recensioni > Programmi > Web Confidential


Web Confidential

Sul Web con fiducia

L'idea che è alla base del successo di un programma, la si può applicare con identici esiti anche ad altri campi. E' il caso di Web Confidential, dello stesso autore di URL Manager Pro (recensito qui), Alco Blom. Che con questa applicazione si è misurato con qualcosa di più complesso. Vale a dire, la gestione delle password.

Prima di cominciare.

La sicurezza dei dati affidati ai computer (e difesa appunto da password), è divenuto un argomento popolare. Questo è un bene; i calcolatori hanno un peso così preponderante nella vita quotidiana, che sottovalutare ancora questo aspetto, sarebbe folle. Purtroppo, molte persone credono che basti installare un programma (magari costoso), per essere al riparo da ogni rischio. Errore: l'essenziale è usare sempre e in dosi possibilmente massicce il proprio cervello. Se affido la protezione del mio lavoro a password balorde (la mia data di nascita), anche il software più potente non sarà in grado di tenere alla larga dalla mia macchina i malintenzionati. Da ciò possiamo concludere che anche un programma dal costo contenuto, può svolgere egregiamente il suo lavoro. Purché l'utente faccia bene il proprio.

Primo contatto.

Web Confidential (la versione da noi testata è la 3.0.5), lo si può scaricare dal sito di Italiaware, che nel nostro Paese ne cura sia la distribuzione, che la localizzazione. Terminato il download, avremo una cartella del peso di 4,7 MB circa (l'applicazione vera e propria pesa 1,9 MB). Ne esiste una versione anche per Mac OS 9, 8, per i palmari Palm e per i computer Windows.
Prima si è scritto che Web Confidential ha come cuore l'idea che ha fatto la fortuna di URL Manager Pro. Cioé concentra in un unico file i codici PIN, le password, gli user ID, i numeri di serie, le chiavi software, i nomi di account dell'utente, e altro ancora. Spesso questo tipo di dati o viene affidato alla memoria, o a foglietti (con tutti i contrattempi e i rischi che simili soluzioni comportano). Ma se fosse tutto qui, non varrebbe nemmeno la pena di parlarne. Il programma infatti si incarica di proteggere i dati dell'utente affidandosi all'algoritmo Blowfish, un tipo di criptazione a carattere industriale molto potente e sicuro. Se siete interessati (e fate bene), a saperne di più, potete visitare il sito (in inglese), per ottenere ulteriori informazioni.

Pronti ... Via!

Una volta scompattata, l'applicazione troverà il suo posto nella cartella "Applicazioni". Il programma installerà nella cartella "Components" (contenuta nella "Library"), un file che risponde al nome di "Menu Shared Components". E' un menu che si va ad aggiungere a quelli del browser (non di tutti, alcuni navigatori non supportano questa funzione), ritagliandosi un po' di memoria per funzionare; permette di avete facile accesso ai vostri files. Indipendentemente dal browser usato. E' possibile, tramite il pannello delle preferenze del programma, disabilitare questo menu: l'applicazione funzionerà comunque.
Prima di procedere, è consigliabile una piccola operazione: creare nella cartella "Documents" una chiamata "Password", e al suo interno ancora altre due: "Elementi di avvio" e "Cabinet". Domanda d'obbligo: perché? Con "Elementi di avvio" (una funzione che si può disabilitare tramite le "Preferenze" del programma), ogni volta che lancerete Web Confidential il programma caricherà le password che vi avrete sistemato. Se queste sono criptate, dovrete prima sboccarle per renderle visibili. "Cabinet" consente di accedere in modo veloce alle proprie password direttamente dall'interno del browser, sfruttando il menu "Card" che fa bella mostra di sé nella barra del navigatore. Ma l'accesso alle password è possibile anche dal Dock di Mac OSX; mentre si naviga infatti, con un semplice "control-click" sull'icona del programma, appariranno le cartelle in cui sono conservate le password.

Visto da vicino.

Al lancio del programma, appare una finestra con tanto di icone, denominata "Esempio", che vi permetterà di iniziare subito a prendere confidenza con il programma. Per mettere al sicuro le vostre password, è necessario creare per ciascuna di essa una scheda (basta cliccare sull'icona "Aggiungi"); compare una finestra con alcuni campi di testo da riempire. Ogni password deve essere sistemata in una categoria propria e ben definita: dati personali, chiavi software, carte di credito, eccetera. Web Confidential ne ha 14, più che sufficienti per coprire tutte le necessità dell'utente. Cliccando sul menu popup a sinistra si può scegliere la categoria più indicata per la vostra password. Piccola annotazione; se la vostra memoria fa decisamente acqua, dal menu "Preferenze" dell'applicazione è possibile inserire una piccola icona a forma di occhiali all'interno della scheda; passandovi sopra il cursore apparirà in chiaro la vostra password. Da evitare però se la vostra macchina viene usata anche da colleghi di cui volete arginare la curiosità.
Una volta che le vostre varie password saranno state ordinate e immagazzinate, occorrerà scegliere una 'frase chiave' (non banale), premendo sull'icona "Chiave", per criptare tutti i dati sensibili inseriti. Sarà lei a proteggere e custodire tutto quanto; se la scordate, avrete perso tutto per sempre. Una volta scelta, il programma vi chiederà ancora di confermarla; quindi, i vostri dati saranno finalmente al sicuro. Ogni volta che lancerete il programma, potrete accedere al suo prezioso contenuto solo dopo aver digitato correttamente la vostra frase chiave all'interno della finestra che apparirà. Comunque, si può creare una scheda ex novo per una nuova password senza passare attraverso l'autenticazione.
L'icona "Cancella" e "Registra" non hanno bisogno di molte spiegazioni. "Cerca" è una piccola manna, soprattutto se avete a che fare con un bel numero di password e dovete trovarne una velocemente; svolge ottimamente il proprio lavoro. "Copia" permette di copiare negli appunti la propria password, e poi incollarla nel documento che si desidera, senza doverla digitare. L'icona "WWW" permette di lanciare le proprie applicazioni Web dall'interno del programma. "Vai" collega il navigatore all'indirizzo Web specificato nel secondo campo di testo della scheda.

Il tempo è danaro.

Un programma non si può solo giudicare da ciò che fa; ma anche da quanto tempo permette di risparmiare all'utente liberandolo da operazioni certo non pesanti, ma ripetitive. Un esempio: molti di noi accedono a particolari servizi offerti da certi siti Web, dopo aver digitato o password, oppure password e ID. Web Confidential inserisce queste informazioni con un semplice clic del mouse, evitando per sempre sia il "copia&incolla", che il digitare le frasi in questione. Non solo. Questo programma permette anche il logging automatico a certe pagine Web protette da password, in una modalità semplice ma efficace. Occorre creare una nuova scheda, digitare l'url della pagina in questione, la password e l'UserID; quindi cliccare sul menu popup a destra della finestra e spuntare l'opzione "Accesso Automatico". La pagina potrà essere lanciata premendo l'icona "Vai" nella barra della finestra; Web Confidential si incaricherà di espletare il processo di autorizzazione al posto vostro.

Molta sostanza, niente fronzoli.

Come si può ben comprendere, il programma bada al sodo, senza funzioni inutili o fronzoli che possano appesantire inutilmente l'interfaccia. Le guide in PDF sono come da tradizione esaustive e chiare.
Fin qui, si è illustrato a grandi linee come il software lavora; vediamo adesso cosa nasconde. Web Confidential usa per criptare i files, l'algoritmo "Blowfish"; ma l'utente può scegliere di usare invece l'algoritmo PGP. Basta andare nelle "Preferenze", e spuntare ciò che si preferisce. Naturalmente, è prevista anche l'opzione per il backup dei dati, e anche di bloccare un documento dopo un determinato tempo (stabilito dall'utente), di inattività. La vostra fantasia in fatto di scelta delle password fa pietà? Non disperate: il programma porta in dote la funzione "Genera Password". L'utente deve solo fissare i parametri (la sua lunghezza, se deve contenere o no caratteri esadecimali, ecc.), e Web Confidential si incaricherà del compito. L'opzione "Agli appunti" che appare nella finestra, serve per permettervi di incollare la password creata dal programma, all'interno degli Appunti del Finder; altrimenti non la conoscerete mai!
Un programma del genere non avrebbe molta utilità se non proponesse anche l'opzione di importare dal "Portachiavi" di Mac OSX le varie password già immagazzinate; Web Confidential lo fa in maniera veloce ed efficace. Dall'interno del programma, e tramite anche le scorciatoie da tastiera, l'utente può lanciare le proprie applicazioni Web: programma di posta elettronica, browser, news, login, FTP. Superfluo inoltre (ma comunque è bene ribadirlo), sottolineare che il programma lavora in simbiosi perfetta con il già citato Url Manager Pro.

Le immagini
con un click puoi ingrandire le immagini

Immagine 1Immagine 2Immagine 3Immagine 4

Ritorna all'inizio


Scheda del prodotto
Descrizione Voto
Produttore Web Confidential
Categoria Utilities
Versione 3.0.5
Lingua Italiano
Distributore Italiaware
Prezzo 20 Euro 10/10

n.d.=non disponibile

Requisiti hardware
Minimi Consigliati Voto
Sistema operativo OS 8 9xx, X 8/10
Processore Power PC n.d. 10/10
RAM n.d. n.d. 10/10
Spazio su Disco n.d. n.d. 10/10
Altro n.d. n.d.
n.d.=non disponibile

Ritorna all'inizio

Giudizio finale

Il programma si è dimostrato stabile ed efficiente. Si "sposa" perfettamente con Mac OSX, senza alcun crash o malfunzionamento. Se a Web Confidential accoppiate anche l'altro programma di Alco Blom, cioé URL Manager Pro, avrete due piccole ma buone utility per gestire sia password, che bookmark, in modo semplice e sicuro. Inoltre, potete scaricarli dal sito di Italiaware e provarli, e poi decidere se acquistarli.

Velocità 10/10
Semplicità d'uso 10/10
Interfaccia 10/10
Stabilità 10/10
Voto 97/100
I pregi:

In italiano. Semplice ed intuitivo nell'uso. Minime richieste di sistema. Files compatibili con Web Confidential per Windows.

I difetti:
Guide in PDF in inglese (e scaricabili dall'Internet).

Ritorna all'inizio



Data di pubblicazione: 24-12-2003
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.