Percorso: ilMac.net > Recensioni > Programmi > Virtual Sound Canvas 3.0


Virtual Sound Canvas 3.0

L'audio digitale professionale sul Mac

Le immagini | Scheda del prodotto | Requisiti hardware | Giudizio finale

La Virtual Sound Canvas non è altro che un emulatore software, molto ben realizzato, di uno strumento fisicamente esistente, che è stato definito dalla maggioranza dei musicisti come lo standard per la riproduzione di basi musicali, nei vari formati midi. Tale software permette infatti di riprodurre le basi musicali con una qualità davvero eccezionale e pienamente conforme allo standard General Midi e General Midi 2 di recente introduzione. Quando mi è arrivato il software la prima cosa che ho fatto, dopo essermi gustato la bella scatola, di colore bianco, con i lati blu (io sono un maniaco delle scatole che contengono software ed hardware) ed essermi letto le note riportate sul retro ho installato il software, tramite l'apposito installer, il quale in pochi istanti mi ha fatto trovare il tutto bello e pronto. Dopo avere controllato da curioso l'interno di ogni cartella ho deciso di caricare uno dei file midi di demo contenuto nella cartellina SMF, ed alzare il volume del amplificatore a cui è collegato il mio benamato mac.
Il risultato ottenuto mi ha lasciato immediatamente a bocco aperta per la sua sonorità, essa non aveva niente di che invidiare ai CD audio in mio possesso, e la cosa sinceramente mi ha dato di che pensare. Il merito non è solo della VSC ma anche dalla la cura con cui sono stati realizzati i brani forniti nel CD-ROM, circa un centinaio.

Una volta reperito un brano di mio gradimento ed averelo accuratamente posto ad esame d'ascolto sulla VSC, ho deciso di fare riprodurre lo stesso brano alla mia tastiera di fiducia, per cui ho preso la base midi, l'ho spostata su un dischetto da 720K (dato che molte tastiere hanno tale unità a drive) è ho provato a far suonare il brano. Come risultato, ho riscontrato che la VSC si è classificata al primo posto in tutti i test anche se la differenza tra la contro parte hardware in mio possesso è stata davvero minima, cosa dovuta all'età del mio strumento con i suoi timbri datati. Tra le note positive del software va anche segnalata la possibilità di esportare, le nostre basi in formato audio digitale, in modo da poterle trattare in maniera apporpriata con tutte le possibilità ed i vantaggi dati da tale formato.

Insomma dopo svariate ore d'ascolto di basi, ho potuto riscontrare che i suoni sono davvero belli, e la faciltà d'uso nel utilizzo come player è davvero ottima, in quanto esso ha un'interfaccia gradevole e modulare, che permette di modificare gli strumenti che eseguno la musica ed altri parametri come effetti e pan degli stessi. Per quanto riguarda la possibilità di integrazione della VSC con un relativo sequencer software, per la realizzazione di basi musicali proprie, la cosa potrebbe essere un pochino più "complessa" per coloro che non hanno molta familiarità con l'OMS, ed il programma di sequencing. Infatti la comunicazione tr i due software è possibile, ma richiede un minimo di attenzione nella configurazione del sistema di gestione midi (OMS), e necessità la conoscenza dei pannelli di configurazione della VSC e del relativo programma di sequencing. Ad ogni modo i passi sono, abbastanza standard per tutti gli applicativi, anche se non vengo illustrati in questa sede per motivi di brecità. Per coloro che non volessero usare l'OMS, per i più svariati motivi, è presente la compatibilità anche con i formati FreeMIDI e MIDI Manager.

Qui di seguito ho voluto riportare alcune immagini che renderessero l'idea di come è stato strutturato lo strumento:

Questo pannello è il punto in cui si "appoggiano" le varie sezioni di seguito riportate. Tramite questo pannello è possibile monitorare le tracce utilizzate, il livello di polifonia possibile e l'impegno della CPU del sistema host da parte della base suonata. Il carico sulla CPU può essere regolato dal utente tramite le pagine di setup del software, che sono molto complete.

roland midi, virtual sound canvas

Questa sezione della sound canvas, come è facile intuire, permette di mandare in play il brano selezionato, il quale verra presentato nel apposito display, inoltre sarà possibile variarne la velocità (cursore tempo) e l'intonazione (cursore key). Da qui è anche possibile accedere alla play list ed alla sezione di conversione della base in formato audio oltre a poter accedere al setup del programma.

midi, emulatore roland, sound canvas

In questa sezione sarà possibile cambiare molti parametri dello strumento come ad esempio i suoni delle singole tracce, la posizione nel panorama stereofonico delle stesse ed eventuali volumi ed effetti. Oltre a ciò nella parte bassa della finestra è presente la possibilità di selezionare il protocollo midi, come il GS o il midi 2. Anche da questa sezione è possibile accedere alle impostazioni del programma tramite l'apposito tasto setup.

midi, roland, recensione roland

Infine questa è la sezione che contiene la play list dei vari brani caricati, ascoltati e da ascoltare. Da questa immagine si può notare come sia stata data la possibiltà di conversione da base midi a file audio, oltre all'aggiunta e cancellazione di brani dalla play list la quale a sua volta potrà essere salvata e caricata in momenti sucessivi.

sound canvas

NOTA IMPORTATE:

Si avvisa anche che la Virtual Sound Canvas (VSC-88H3A) non funziona ove sia presente la VSC-88 o la VSC-55, questo dato è reso noto dal produttore e riportato anche sul retro della scatola del software.

Specifiche tecniche:

  • 128 note di polifonia (dipende ad ogni modo dal sistema Host).
  • 16 parti disponibili.
  • 902 suoni presenti.
  • 26 set ritmici.
  • Gli effetti disponibili sono Riverbero, Chorus e Delay.
  • Possibile esportazione della base midi in formato audio AIFF per MacOS e WAV per Windows.

Extra nel CD-ROM:

  • Sono date a corredo oltre 100 basi midi di buona fattura.
  • Il disco è multipiattaforma Mac/PC.

Scheda del prodotto
Descrizione Voto
Produttore Roland
Categoria Emulatore
Versione 3.0
Lingua Inglese
Distributore Edirol
Prezzo 99.000 circa 10/10

n.d.=non disponibile

Ritorna all'inizio

Requisiti hardware
Minimi Consigliati Voto
Sistema operativo 7.6 n.d 10/10
Processore 603a a 133 Mhz G3 o Sup. 9/10
RAM 10 Mb n.d. 9/10
Spazio su Disco 25 Mb n.d. 10/10
Altro Unità CD-ROM n.d.

n.d.=non disponibile

Ritorna all'inizio

Giudizio finale

Velocità 9/10
Semplicità d'uso 9/10
Interfaccia 9/10
Stabilità 9/10
Voto 95/100
I pregi:
Eccellente qualità sonora ed ottima qulità del prodotto. Notevole dotazione di basi midi demo.

I difetti:
Nessuno riscontrato.

Ritorna all'inizio




Data di pubblicazione: 02-04-2001

L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.