Percorso: ilMac.net > Recensioni > Giochi > Theme Park


Theme Park

Una parco giochi simulato

Una creazione della Bullfrog che pur essendo del '94 è sempre un validissimo gioco, anche perché è unico nel suo genere. Si tratta di una simulazione di un parco giochi, cioè in questo gioco si è i proprietari di un Luna Park e si deve provvedere a tutto ciò che riguarda la sua gestione e il suo ampliamento, sempre però tenendo un occhio fisso sul denaro disponibile in casa.

theme park, recensione simulazione luna parkrecensione gioco macintoshIniziamo a costruirerecensione gioco macintosh

Ma procediamo con ordine. All'inizio si deve scegliere il nome del Luna Park, il nostro nome, il livello di difficoltà del gioco (che include difficoltà di gestione, umore/carattere dei visitatori del parco ecc.). Poi si inizia e si deve scegliere dove aprire il parco, in che parte del mondo, la prima volta la scelta è limitata alla sola Inghilterra, perché i soldi a disposizione sono pochi e comperare i terreno costa molto. Una volta scelto il luogo e comperato il terreno si deve incominciare a costruire il parco, da zero naturalmente.
I fondi disponibili derivano in buona parte da un prestito bancario che ci viene concesso in automatico fin dall'inizio (ma attenzione agli interessi!). Allora bisogna incominciare a costruire i vialetti dove i visitatori dovranno camminare per vedere il nostro parco. Sopra i vialetti è possibile disegnare delle segnaletiche e piantare dei cartelli che consigliano ai visitatori dove andare. Ovviamente si devono anche collocare le giostre e i chioschi, altrimenti nessuno viene a visitare il parco (e quindi non paga neanche il biglietto d'ingresso). In questo gioco le giostre che comperiamo per il parco sono a ingresso gratuito mentre i chioschi e le bancarelle ci fanno guadagnare.

A parco pronto

Chiaramente i chioschi vanno riforniti, e dato che attingono i prodotti dal magazzino vanno ordinate le scorte per il magazzino;bisogna ricordare che non tutti i negozi usano il magazzino come fonte, ma solo quelli che distribuiscono cibi (patatine, gelati, coca-cola...). Bisogna però effettuare in tempo gli ordini della merce se no si rischia di trovarsi senza prodotti da vendere nei chioschi, e quindi non ci sono entrate con cui riempire le casse; ma altresì bisogna stare attenti di non ordinare prodotti in eccesso, perché se non stanno in magazzino finiscono sprecati, con una perdita di prodotti e denaro.Si possono modificare a piacere tutti i prezzi, le dosi di prodotto venduto, la probabilità di vittoria nelle gare (es.tiro a segno).
Fortunatamente abbiamo sempre in fondo allo schermo un aiutante che ci avvisa su tutto ciò che accade nel nostro parco e su cosa dobbiamo fare per una sua buona gestione (se si è sufficientemente bravi si può anche escluderlo e fare tutto da soli....anche se non lo consiglio).
Purtroppo il parco ha sempre bisogno di manutenzione, perciò siamo costretti ad assumere del personale che tenga in ordine il parco, si possono assumere spazzini/giardinieri, meccanici, clown e agenti di sicurezza. Gli spazzini si occuperanno di tenere sempre pulito il parco, i meccanici ripareranno le giostre quando si romperanno, i clown attireranno maggior pubblico e in caso di maltempo distribuiranno ai visitatori degli ombrellini in modo che questi non lascino in parco neanche con la pioggia, e infine gli agenti della sicurezza si occuperanno di buttare fuori dal parco i visitatori sgraditi, quali i teppisti. Sfortunatamente di tanto in tanto ci sono i sindacati che si fanno sentire, per far pagare di più operai e merci; allora si deve cercare di trattare per il minor aumento di prezzi possibile, ma bisogna star bene attenti a non farli arrabbiare, altrimenti tutti i dipendenti del parco si mettono a manifestare sull'ingresso e le merci ordinate non arrivano.
Per far progredire il parco è necessario finanziare delle ricerche per poter ottenere nuove giostre, bancarelle, autobus più capienti (per portare al parco più pubblico), personale più efficiente, un magazzino più grande. Alla fine di ogni anno c'è la premiazione delle migliori caratteristiche, cioè se si riesce ad avere un parco divertente, sicuro, moderno, pulito, popolare ecc. allora si possono vincere dei premi in denaro, che se ben investito può far vincere anche il premio per le azioni più quotate in borsa (sfortunatamente però in questo caso non si vincono soldi ma solo una coppa che non vale nulla).
In questo gioco è anche possibile giocare in borsa comperando e vendendo le azioni di altri parchi e le proprie, ma bisogna fare molta attenzione se no si rischia di finire sul lastrico. Quando poi si ritiene di avere un parco sufficientemente grande, o si sta per essere sommersi dai debiti è possibile vendere all'asta il proprio parco, per poi ricominciare magari in un'altro paese.

recensione gioco macintoshtheme park, recensione simulazione luna parkrecensione gioco macintoshrecensione gioco macintoshIn conclusionetheme park, recensione simulazione luna parktheme park, recensione simulazione luna parkrecensione gioco macintosh, luna park

Questo gioco è molto realistico e curato nei minimi particolari, è possibile controllare e gestire letteralmente qualunque cosa, dalla quantità di ghiaccio da mettere in ogni coca-cola, fino alla scelta delle azioni da comprare; è talmente ben fatto che se si rimane in passivo fino alla fine dell'anno il proprietario del parco (che poi sareste voi) si suicida. Forse l'unico difetto è l'impossibilità di girare la mappa per poter vedere il proprio parco in tutte le sue visuali, e quindi poterlo gestire meglio. Bisogna anche dire che questo gioco è stato scritto quando ancora la velocità dei processori non superava gli 80 MHz e quindi su un Mac recente, con una velocità superiore a questa, il gioco diventa troppo veloce, e di conseguenza ingiocabile in alcuni casi; a meno di non possedere un utility SpeedChopper che permette di settare la percentuale di utilizzo della CPU, rendendo così "lento" anche il più veloce dei PowerMac (ndr.anche se credo che quest'ultima non sevirà a molti ;-)). Essendo un gioco un po' datato la grafica e le musiche non possono certo confrontarsi con i giochi di ultima generazione, ed è proprio per questo che dovremmo spronare la la Bullfrog ad aggiornare questo già ottimo prodotto, e magari anche a tradurlo in Italiano, cosa che credo si molto gradita a tutti.

Ecco alcune immagini di Theme Park:

Un piccolo Luna-Park L'umore dei clienti
I fondi per la ricerca Riassunto delle spese

Voto: recensione gioco macintosh, luna parktheme park, recensione simulazione luna parkrecensione gioco macintosh+

(voto massimo 5)



Data di pubblicazione: 11-04-1999
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.