Percorso: ilMac.net > Recensioni > Libri > Fare musica con il Mac


Fare musica con il Mac

Il Mac come studio di registrazione


Adesso che le tecnologie sono a portata di tutti, e i costi (hardware e software), sono scesi parecchio rispetto a pochi anni fa, attrezzare uno studio di registrazione in modo da produrre musica di qualità in casa non è un'utopia. Ma come riuscirci nel modo migliore? E se si è utenti Mac, quali sono le scelte giuste da compire, per non trovarsi con attrezzature o macchine inadatte allo scopo?


Il Mac e la musica


A queste domande risponde Giuliano Michelini che per la casa editrice Hoepli ha curato il libro "Fare musica con il Mac".
L'argomento come si può ben immaginare non è esattamente semplicissimo, ma l'autore oltre a essere tra i fondatori del portale Musimac.it, è soprattutto esperto di tecnologie legate all'audio, al video e a tutto ciò che è legato al suono.
Nove densi (ma non pesanti), capitoli per sapere come muoversi per arrivare a produrre qualcosa di qualità in un campo (quello della musica), che se da una parte ha aperto le porte a tanti (grazie per esempio a GarageBand di Apple), dall'altra ha mostrato anche come l'improvvisazione abbia un costo. Meglio allora affidarsi a chi ha l'esperienza per guidare e consigliare


Scegliere un Mac è meglio


L'autore di questa completa guida, nel suo giro d'orizzonte mai superficiale, inizia proprio... dall'inizio. In pratica viene spiegato i motivi per cui è bene scegliere i computer della mela mordicchiata (senza passare sotto silenzio gli svantaggi), si passano in rassegna i modelli di computer, si affrontano tutta una serie di "passi" per aiutare chi ha deciso di produrre musica su Mac a compiere le scelte migliori. Senza commettere errori dettati dalla fretta, o da consigli superficiali o interessati.
Anche le connessioni e i cablaggi, l'espansione della RAM, i monitor, l'ottimizzazione del sistema operativo, e la sua configurazione, ricevono il giusto risalto. Sì esatto: è davvero una guida completa.
I primi tre capitoli di fatto sono dedicati solo a questo genere di argomenti: e non sono né inutili, e neppure noiosi. Chi scrive ha la capacità di coniugare la propria competenza approfondita con una divulgazione mai pedante e sempre attenta alla comprensione.


Preparare l'ambiente adatto alla musica


Se si decide di fare musica sul serio, sono tanti gli elementi di cui occorre tenere conto; ed è un bene, perché solo chi li affronta, e li supera, è davvero guidato da passione e merita quindi il successo.
Un intero capitolo quindi viene dedicato allo pianificazione dello studio, e nulla viene lasciato al caso.
Si prendono in esame le esigenze più comuni (occorre tenere conto che ovviamente, ne esistono poi di particolari), e si spiega come e cosa tenere in considerazione, senza mai rinunciare (ad esempio), a spiegazioni anche tecniche, solo a prima vista aride. E' bene ricordare che la struttura dei suoni, impedenza, cablaggi e cosa si deve registrare sono argomenti solo a prima vista semplici e banali; se si desidera andare lontano è bene sapere tutto.


L'avventura della musica (su Mac)


Il software protagonista di questo libro è Logic Studio, quindi dal capitolo 7 in poi è la il protagonista. E' bene che sia così.
L'autore non fa mai mancare, soprattutto qui, la sua esperienza maturata sul campo, svelando di questa importante applicazione (per chi se lo fosse dimenticato: appartiene proprio alla società di Cupertino), ogni aspetto. Oltre infatti alle immancabili, piccole ma utili schermate del software, l'autore ne spiega e illustra caratteristiche e pregi in maniera piana e comprensibile. Per esempio: come ripristinare velocemente Logic Studio in caso di problemi!
Siamo alle prese con un libro dedicato a chi ha deciso di lasciarsi alle spalle improvvisazioni, e anche GarageBand (pure ottima applicazione per quanti decidono di effettuare il "primo contatto" con la musica), e provare a misurarsi con qualcosa di più importante.
Ed è qui forse la parte più ghiotta di questa guida: accanto all'esperienza di chi scrive, appare evidente anche la superiorità della piattaforma Mac, capace di tenere sempre testa alle esigenze più "spinte" ricorrendo anche ad hardware "minore". Come il Mac mini, per esempio.


Per chi fa musica, un libro da avere


"Fare musica con il Mac" colma non un buco, ma una voragine nel panorama della bibliografia dedicata al Mac. Spesso in libreria si trovano i "soliti" libri e le consuete guide su come avviare o usare il sistema operativo di Apple. Tutta roba utile, e spesso di ottimi livello.
Ma esistono in realtà interi settori che lavorano con i computer sfornati da Cupertino, e uno di questi è proprio quello della musica. Sino ad oggi non mi risulta che nel nostro Paese ci fosse qualcosa di appositamente pensato e scritto per chi desidera saperne di più. Onore quindi alla casa editrice Hoepli per aver creduto in questo progetto (e colmato almeno in parte la voragine di cui sopra).
E onore anche all'autore. Riuscire a "comprimere" in un formato di libro di fatto tascabile una così importante mole di informazioni (sempre quelle giuste, senza eccedere in tecnicismi o perdersi in sciocchezze), richiede non solo competenza e passione per la materia trattata. Ma anche un desiderio di condivisione della conoscenza acquisita non da poco.
Da segnalare infine, la disponibilità di ulteriore materiale online, a questo indirizzo. Qui è offerto un capitolo in più, dedicato ai pacchetti aggiuntivi di Logic Studio, e a molto altro ancora.


L'autore desidera ringraziare la casa editrice Hoepli per la disponibilità dimostrata



Titolo Fare musica con il Mac
Autore Giuliano Michelini
Editore Hoepli
Pagine 312
Prezzo 16,90 Euro
ISBN 9788820337940

Data di pubblicazione: 13-05-2010

L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori. Semplitech srl - P.IVA 02472850300