Percorso: ilMac.net > Recensioni > Giochi > Civilization 2


Civilization 2

Costruisci un impero che resista alla prova del tempo

Scheda del prodotto
  • Requisiti hardware
  • Le immagini
  • Giudizio finale

    All'interno della confezione troviamo, oltre al Cd del gioco, un manuale di 200 pagine dove è possibile trovare molte informazioni utili e dove vengono spiegate con chiarezza molte delle cose necessarie per giocare, un listino della MacSoft, la cartolina di registrazione ed un poster in cui sono illustrate tutte le scoperte, il modo in cui esse sono collegate tra di loro e le unità che esse permettono di costruire, molto utile quando si tratta di decidere una strategia di gara.

    Installazione:

    Inserito il Cd nel lettore si procede all'installazione. Chiaramente in pieno standard Macintosh il tutto avviene con un doppio click sull'installer. Qui troviamo la prima sorpresa, vi sono tre installazioni possibili. La minima che occupa circa 10 Mega, la standard 54 e la completa che, tenetevi forte, ne occupa circa 430. Quest'ultima però è richiesta solo se non si vuole più utilizzare il Cd, infatti l'installazione completa copia tutti i filmati e le musiche sul disco rigido.

    Iniziamo a giocare:

    In più puro stile Mac, doppio click e via, una breve presentazione e ci appare il primo Menù dove è possibile scegliere se iniziare una nuova partita, iniziare da un mondo già preparato, un mondo customizzato, uno scenario, una partita già salvata o guardare la Hall of Fame e i Credits. Per quanto riguarda gli scenari ne sono presenti due, uno nell'antica Roma e l'altro nella seconda guerra mondiale; sono davvero molto belli, coinvolgenti e difficili. Ma iniziamo un nuovo gioco e vediamo che ci presentano una serie di scelte, ampliata rispetto alla precedente versione, infatti oltre quella dell'ampiezza dell'area di gioco, del livello di difficoltà (ora c'è un ulteriore livello il Deity) e del numero di civiltà, troviamo la possibilità di decidere il livello di attività dei barbari e di giocare con le regole standard o modificarle a nostro piacere.

    Scopo del Gioco:

    Quale è lo scopo del gioco? Beh, con le regole standard le possibilità di ottenere una vittoria sono essenzialmente 2: essere il primo a completare la corsa allo spazio cioé mandare colonizzatori su Alpha Centauri, o più prosaicamente essere il conquistatore del mondo distruggendo tutte le altre civiltà. Gli obiettivi sono semplici, ma raggiungerli sarà estremamente complicato

    In questo gioco è molto importante il lato strategico, dobbiamo sapere cogliere le opportunità favorevoli per concludere alleanze, conquistare città, distruggere i nemici. Un consiglio che appare nella prima schermata recita più o meno così: alleatevi con i forti, distruggete i deboli. E questa è forse l'unica buona strategia, la pace in alcuni periodi è utile per permettervi di ricaricare le forze, fare nuove scoperte e costruire nuove unità.

    All'apparire della prime schermata del gioco, la cosa che più appare sorprendente è la grafica, molto migliorata rispetto al suo predecessore, le unità sono più curate nella grafica e più belle da vedere. tutta la grafica è isometrica, non più quindi quella visione dall'alto poco piacevole, inoltre le caratteristiche dei terreni sono evidenziate con alcune icone (pigna d'uva, spiga ed altre). Ma le novità, come spesso accade, non si esauriscono all'inizio e fortunatamente sono tutte novità piacevoli. Il gioco è molto più complesso e strutturato, vi sono molte più cose da fare e da non fare, ma cominciamo con ordine:

    Le unità militari: sono aumentate in numero e alcune hanno mutato i loro attributi di attacco e di difesa, solo qualche esempio estratto a caso dal corposo manuale che accompagna il gioco: i Settlers (colonizzatori), dopo la scoperta degli esplosivi, vengono sostituiti dagli Ingegneri che sono due volte più veloci di loro nel costruire le opere; un altro esempio, i diplomatici, dopo la scoperta dello Spionaggio, vengono sostituiti dalle Spie, queste ultime sono più veloci, più abili e capaci di creare più danni nelle città dove entrano. Inoltre, finalmente è stata migliorata l'inteligenza del gioco, non capiterà che una BattleShip, con forza d'attacco 18, sia distrutta da una Falange con forza difensiva 2, di più ad ogni unità viene affiancata un'icona che ne mostra la situazione di forza, più vuota sarà la barra, più stanca e debole sarà l'unità.

    I city improvements: anche in questo campo, quello delle opere cittadine, si è avuto un aumento delle possibilità, oltre ad una modifica degli effetti delle opere già esistenti, ma la cosa più importante è che, se nella precedente versione, costruita una qualsiasi opera non la cambiavamo, non avevamo alcunché che ci avvisasse, adesso invece, dopo la costruzione di un'opera veniamo portati in città, ma se non cambiamo l'opera, il computer, in ogni turno successivo ce lo ricorda.

    Le scoperte: sono un punto importantissimo del gioco, sono loro che permettono di accedere alla costruzione di particolari unità militari, di particolari opere. In questo gioco le scoperte rappresentano un punto importante, il mio consiglio è: cercate sempre di essere all'avanguardia per poter battere i vostri avversari, prima che questi abbiano le contromisure adatte, un'arma forte è buona, ma un'arma sconosciuta è micidiale.

    La diplomazia e le alleanze: sì, una piacevole novità è la possibilità offerta dal gioco di concludere alleanze e stipulare patti, ma, e qui interviene un'altra novità, più sarete infedli ai patti precedentemente stipulati, meno popoli troverete disposti a darvi fiducia.

    Le meraviglie del Mondo: queste opere assicurano particolari benefici alla civiltà che le costruisce, ad esempio la grande muraglia fa si che tutte le civiltà vi offrano anche se non vogliono, la possibilità di concludere una pace. Ebbene anche queste ultime sono cambiate, ve ne sono di nuove come la Statua della Libertà, e molte hanno cambiato i loro effetti. Inoltre quando costruite una meraviglia, parte un breve filmato che ne spiega la nascita e la storia.

    I nemici: anche qui i miglioramenti sono tanti, è possibile concludere alleanze, scambiarsi conoscenze, esigere tributi, allearsi contro comuni nemici, molte cose si potevano fare già nella precedente versione, solo ora esiste un altro meccanismo quello della Reputazione che rende il gioco ancora più realistico. In breve se rompiamo troppe volte trattati ed alleanze, avremo una pessima fama e nessuno vorrà concludere accordi con noi:

    Il Commercio: anche le carovane sono state rinnovate, inoltre ogni città produce alcuni beni e può scambiarli solo con città che ne necessitano, altrimenti può scambiare cibo, molto utile per trasferire cibo da città che ne producono tanto a città che non ne producono a sufficienza.

    Ci sarebbero molte altre cose da dire ma occorrerebbe troppo spazio e non riuscirebbero a dare un'idea precisa della bellezza del gioco. Se volete potete vedere altre immagini cliccando nella tabella sotto, trovate un'immagine del Consiglio Cittadino, organismo che vi può aggiornare sui vari aspetti dell'amministrazione, oppure trovate una lista delle scoperte possibili.

    Alcune immagini

    Consiglio Cittadino (28 Kb) Scoperte (8 Kb)
    Mappa Mondiale (40 Kb) Meraviglie del mondo (7 Kb)
    Unità militari (36 Kb) Unità militari (7 Kb)

    Ritorna all'inizio


    Scheda del prodotto

    Descrizione Voto
    Produttore MicroProse
    Categoria Strategia
    Versione 1.0
    Lingua Inglese
    Distributore MacSoft
    Prezzo 130.000 lire circa 5/10

    n.d.=non disponibile

    Ritorna all'inizio

    Requisiti hardware

    Minimi Consigliati Voto
    Sistema operativo 7.0 o sup 7.5 o sup. 10/10
    Processore 68030 o sup. 68040 o sup. 10/10
    RAM 8 Mb 16 Mb 7/10
    Velocità CD-ROM n.d. n.d. */10
    Spazio su Disco 10 Mb 55 Mb 6/10
    Video 256 colori n.d.

    n.d.=non disponibile

    Ritorna all'inizio

    Giudizio finale

    Velocità 10/10
    Semplicità d'uso 8/10
    Interfaccia 9/10
    Stabilità 10/10
    Voto 80/100

    Ritorna all'inizio




    Data di pubblicazione: 19-01-1999
  • L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.