Percorso: ilMac.net > Recensioni > Programmi > Apimac Address Book


Apimac Address Book

La rubrica indirizzi è cresciuta

Il mercato shareware ha da sempre una caratteristica che spesso lo porta ad aver ragione dei software che la Apple rilascia gratuitamente. Cioé, ispirandosi a quanto Cupertino crea, è in grado di confezionare prodotti facili da usare ma più flessibili e completi. Alla fine, toccherà all'utente scegliere se 'sposare' la linea della Apple, oppure dare fiducia (e soldi), all'azienda che ha saputo spingere un po' più in là, migliorandola, l'idea originale.

Alla scoperta del programma

Questa volta parliamo di rubriche indirizzi: chi acquista un Mac trova al suo interno la "Address Book" (contenuta nella cartella "Applicazioni"): gratuita, intuitiva, semplice da usare. Ma se cercate qualcosa che mantenga i pregi della Apple e sia però più completa, probabilmente Apimac Address Book della Apimac fa per voi. Una volta collegati al sito dell'azienda e scaricato il file, avrete a che fare con una cartella di poco più di 13 MB (l'applicazione pesa esattamente 13,2 MB). Al suo interno, il file "Read Me", e il link al sito Apimac. Come sempre, è buona norma installare il tutto (tramite il drag&drop), nella cartella Applicazioni. Al lancio del programma, questo si offre di importare al proprio interno il contenuto della vostra "Address Book" di Mac OSX: il tutto si svolge rapidamente, senza inciampi o errori.

Pieno controllo

Le informazioni di ogni nominativo vengono suddivise in quattro finestre denominate "Name and Phone", "Addresses", "Personal" e infine "Photo and Files". Aggiungere, modificare, togliere o cancellare qualunque elemento è estremamente semplice. Il programma presenta solo una finestra per effettuare qualunque operazione. Per inserire un nuovo contatto è sufficiente creare una nuova "card", e poi riempire tutti i campi presenti. E sono davvero molti, per tutte le esigenze. L'applicazione porta con sé anche un piccolo ma efficiente motore di ricerca che permette di scovare rapidamente tra i (molti) contatti quello che serve. Non solo: una volta scovato è possibile con un semplice clic (e senza ovviamente chiudere o abbandonare l'applicazione), lanciare il programma di email, o collegarsi al sito di quel nominativo. A destra della finestra, le lettere dell'alfabeto consentono con un click di accedere velocemente ai nominativi della rubrica. Molto utile poi il campo "Personal" che permette di avere sottomano le date più importanti delle persone con cui si lavora (e non solo!), per ricordare la data di un compleanno o di un anniversario importante. Di ogni contatto poi, Apimac Address Book fornisce anche, se lo si desidera, una "Overview", un veloce riassunto delle informazioni salienti di quel certo contatto.

Non solo rubrica

Ma sino ad ora, il programma ha mostrato di essere una buona rubrica indirizzi, e non molto altro. In verità basta andare un po' oltre le apparenze per scoprire che è in grado di fare di più. Nella cartella "Preferenze", si scopre che è possibile mantenere sincronizzati i dati tra l'Address Book di Mac OSX e il programma della Apimac. Inoltre, se si modifica qualunque cosa nella Rubrica Indirizzi di Mac OSX, il programma avviserà dei cambiamenti facendo apparire una finestra e invitando quindi l'utente ad aggiornare anche l'applicazione della Apimac. Il pulsante "Print", non è solo per stampare, anche se è quello che fa. In verità Apimac Address Book permette di scegliere cosa stampare di ogni contatto (vale a dire l'indirizzo completo o solo il nome e cognome, e così via), e anche su quale supporto farlo, fornendo inoltre una chiara anticipazione di come sarà la stampa. Non finisce qui: permette di posizionare in modo esatto ciò che si andrà a stampare, regolandone quindi con precisione l'indirizzo sulla busta o su qualunque altro supporto cartaceo si desideri usare.

Altre funzioni

Apimac Address Book importa ed esporta i contatti in formato testo oppure nel più usato e pratico vCard. Con questo formato (supportato da Rubrica Indirizzi di Mac OSX), scambiarsi dati, o importare ed esportare indirizzi è più rapido e pratico. Di ogni contatto è anche possibile caricare una foto, o aggiungere (oppure rimuovere), files come ad esempio immagini. I numeri di telefono si possono (ovviamente), leggere, ma anche farli leggere direttamente dal programma. In inglese, però.

Le immagini
con un click puoi ingrandire le immagini

Immagine 1Immagine 2Immagine 3Immagine 4

Ritorna all'inizio


Scheda del prodotto
Descrizione Voto
Produttore Apimac
Categoria Utilities
Versione 5.6.1
Lingua Inglese
Distributore Apimac
Prezzo 24,99$ 10/10

n.d.=non disponibile

Requisiti hardware
Minimi Consigliati Voto
Sistema operativo OS 9.xx/ X n.d. 9/10
Processore n.d. n.d. 10/10
RAM n.d. n.d. 9/10
Spazio su Disco n.d. n.d. 10/10
Altro n.d. n.d.
n.d.=non disponibile

Ritorna all'inizio

Giudizio finale

Apimac Address Book si è rivelato un programma onesto, che mantiene le promesse. Non tragga in inganno il fatto che in fondo è "solo" una rubrica indirizzi: riuscire a costruire qualcosa di intuitivo non è poi così scontato e semplice come può apparire di primo acchito. Avere un solo programma cui affidare la gestione dei propri contatti, anziché lasciarli a fogli, foglietti, post-it o aziende cartacee è una bella comodità. Se poi siete possessori di un portatile, e viaggiate molto, la necessità di avere sempre sottomano indirizzi, numeri di telefono e quant'altro, sarà per voi irrinunciabile. Il software in questione potrebbe allora fare il caso vostro.


Velocità 10/10
Semplicità d'uso 10/10
Interfaccia 10/10
Stabilità 10/10
Voto 98/100
I pregi:

Software semplice da usare. Disponibile sia per Mac OS 9 e X.

I difetti:
In inglese

Ritorna all'inizio



Data di pubblicazione: 26-02-2004
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.