Percorso: ilMac.net > Notizie > Ma G1 non è l'anti-iPhone
Nuovi articoli
FileMaker Pro 11
(Parte II)
Fare musica con il Mac
(Il Mac come studio di registrazione)
I Nostri Servizi
[!--Messaggio di benvenuto --]
> Il widget per Dashboard (per leggere in tempo reale le nostre notizie)
> Il nostro feed RSS (per essere sempre aggiornato sulle ultime notizie)
> E-mail (per metterti in contatto con il Team)

Buydifferent.it

Qui trovi RAM per MacBook  a prezzi incredibli. 

Cerchi Pen Drive USB oppure sei alla ricerca  di  RAM per Mac Pro ? La convenienza ti stupirà in ogni caso.





Realizzazione grafica:
Andrea Del Ponte

Ma G1 non è l'anti-iPhone
Mercoledì, 24 Settembre 2008 (Marco Freccero)

La premessa (ovvia e doverosa, ma è sempre bene farla), è che un prodotto bisogna averlo in mano, provarlo, per poter emettere un giudizio onesto e per quanto è possibile preciso. Ma sul cellulare G1, presentato da Google, si è letto (e scritto) molto ma questo molto non fotografa la situazione. Che è di una semplicità disarmante.
G1 non è il concorrente dell'iPhone di Apple. E le indicazioni in tal senso ci vengono già solo dal suo design. Non si dica (ancora!), che non è importante, poiché da anni si snobba questo elemento cardine dei dispositivi elettronici con cui abbiamo a che fare ogni giorno. E poi ci tocca spiegare perché quella tal cosa bella, soprattutto bella, si venda a carrettate.
Il design del G1 è banale: vero è che HTC (la società che lo produce), è solo la prima; altre ne seguiranno nei mesi prossimi, e speriamo (ma non troppo), in un guizzo di fantasia. Da quanti anni è in giro l'iPod? Tanti: ma di lettori mp3 decenti ancora non se ne sono visti.

Il sistema operativo: è Android certo, che ha dalla sua un elemento assolutamente positivo (è Open Source), e quindi ampi margini di crescita. Perché da quel poco che si è visto e dalle impressioni di chi ci ha messo le mani sopra, l'interfaccia è di una povertà disarmante. Non solo: le schermate si differenziano tra di loro, mettendo l'utente in difficoltà. Manca l'attenzione ai dettagli che Apple invece persegue in modo quasi militaresco; ecco perché l'iPhone piace e ha iniziato a vendere sin da principio, e nella sua versione 3G sta vendendo ancora di più.

Appare evidente che Google ha spinto troppo l'acceleratore per arrivare sul mercato con "qualcosa" e poi, cercare di migliorare, affinare e rendere infine migliore il proprio prodotto. Che per essere attivato necessita di un account GMail, e solo uno.
Che è privo di un software di sincronizzazione (ci penseranno gli sviluppatori?).
Che ha YouTube (e ci mancherebbe, visto che appartiene proprio a Google); ma nessun lettore video è incorporato (ci penseranno gi sviluppatori?).
Lo schermo ovviamente non è multi-touch, anche se Google non esclude che un giorno possa evolvere in quella direzione (ci penseranno gli sviluppatori?).
C'è un'uscita mini-USB: a parte è venduto un adattatore per l'uscita minijack per collegare il cellulare alle proprie cuffie. Eppure dovrebbe essere un cellulare destinato a tutti: o no?
Gli 8 GB dell'apparecchio sono riservati, e occorre una scheda mini SD (da comprare a parte), per immagazzinare e vedere (o ascoltare) i file audio e video. Ciliegina sulla torta: T-Mobile si riserva il diritto di ridurre la velocità di trasferimento a 50 Kbps se l'utente supera il limite mensile di 1 GB di dati. Quasi quasi Telecom Italia ridiventa simpatica...

G1 può crescere, certo; ma visto le premesse, a essere preoccupato non sarà certo Apple e il suo iPhone. Personalmente non credo che abbiano mai trattenuto il fiato a Cupertino, temendo l'arrivo del cellulare di Google. Di sicuro ora che è arrivato il più "temibile" candidato dell'iPhone, questo continuerà a macinare cifre di vendita di tutto rispetto: recessione permettendo.
Sia chiaro: G1 rispetto alla media dei cellulari è un passo avanti gigantesco. E saranno proprio i cellulari comuni a essere "cannibalizzati" dalla creatura di Mountain View. Ma, lo ripeto, recessione permettendo, l'iPhone continuerà a viaggiare col vento in poppa.

Fonte: Vimeo.


Ultime Notizie
Vuoi vendere il tuo Mac?
BlackFridays TrenDevice - al via da domani alle h 9.00
Dentro iOS 10: Messaggi e i nuovi effetti
Perché fidarsi di un iPhone ricondizionato?
Dentro iOS 10: le emoticon
Dentro iOS 10: l'app Messaggi e gli strumenti per le foto
Dentro iOS 10: l'app Messaggi e le foto
Dentro iOS 10: l'app Messaggi
Cerchi un iPhone SE ricondizionato?
Dentro iOS 10: eliminare le app di sistema


[!--Messaggio finale --]