Percorso: ilMac.net > Economia digitale > Articoli > La rivoluzione della musica


La rivoluzione della musica

Internet, mp3 e Vitaminic

Vi siete mai chiesti quanto l'mp3 stia rivoluzionando Internet? Se non siete amanti della musica, oppure non sapete neanche di cosa sto parlando, vi garantisco che è una vera e propria rivoluzione sulla Rete, esplosa da un anno e mezzo a questa parte. Dietro a una sigla, simile alle forse più note .zip, .exe, .gif ecc., si nasconde il mondo della Musica On Line. L'mp3 ha portato la musica nel silenzioso mondo della Rete. Cerchiamo di capire cosa significa questa sigla. Come saprete, un CD contenente circa 74 minuti di musica, se riversato sull'Hard Disk del vostro Mac occuperà ben 650/700 MB. Una canzone di 2/3 minuti, in qualità CD, 44.1 KHz stereo a 16 bit, occupa quindi 20/30 MB. Esistono molti metodi di compressione (per farvi un'idea provate quelli messi a disposizione da QuickTime), che possono dimezzare o portare a un quarto queste dimensioni, pena una notevolissima perdita di qualità dell'audio in modo proporzionale al grado di compressione scelto. Il "miracolo" dell'mp3 è quello di riuscire a ridurre di ben 10/12 volte la dimensione di un file audio con perdita davvero minima della qualità.
"Come è possibile?" vi chiederete. Allora, mp3 sta per MPEG - Layer 3 , ed è una compressione parente a quella video MPEG utilizzata per comprimere i film archiviati sui DVD. L'algoritmo MPEG, (il Layer 3 è una evoluzione) per ottenere questi risultati, sfrutta la ridondanza informativa dei dati (meccanismo utilizzato anche nella compressione dei file in formato ZIP, che consiste nel cancellare i dati più volte ripetuti) ma soprattutto le teorie della psicoacustica, il computer cioè si occupa di eliminare, in tempo reale i suoni che in ogni istante vengono coperti da altri e tutti quelli che sono su frequenze non percepibili dall'orecchio umano.
E così ecco che una canzone di 3 minuti riesce a occupare circa 3 MB, che con un modem 56 kbps possiamo scaricare in pochi minuti. I player per l'ascolto degli mp3 (tra cui QuickTime 4), sono facilmente reperibili sulla Rete e sono in genere freeware o shareware. Io ritengo che il migliore mp3 player per Mac sia Audion e consiglio a tutti di scaricarlo, ne vale proprio la pena.

Business is business.
E questo è bastato a far scoppiare un traffico di musica digitalizzata su Internet, la maggior parte della volte però, illegale per via della violazione del Copyright. Alcuni artisti sono giunti a compromessi con i siti di download degli mp3: loro autorizzano la distribuzione dei brani dietro il compenso del 50% dei ricavi pubblicitari di questi siti molto frequentati. Altri cantanti hanno invece fiutato l'affare e stanno sfruttando la Rete come mezzo di vendita: è il caso di Tori Amos, Alanis Morisette, Mick Jagger, Jovanotti, dove a volte l'mp3 diventa il formato per la distribuzione della versione demo delle canzoni in vendita sul sito (in genere a metà brano una voce vi avvisa "this is a demo from Internet"...).
E veniamo alle cifre del giro d'affari. Secondo la Forrester Research, nel 2003 il business della musica on line ammonterà, solo negli USA a 2000 miliardi di lire e a quattro volte tanto nel 2005. In Italia, per l'anno in corso, si prevede una spesa complessiva di 400 miliardi di lire per gli acquisti musicali on line. Cifre di tutto rispetto.

Uno sguardo a Vitaminic
Il binomio Internet-mp3 sta poi moltiplicando le possibilità di successo ai nuovi talenti.
Nel mondo della musica on line stanno riscuotendo un enorme successo le vetrine virtuali, dove gli esordienti possono "esporre" le loro canzoni al mondo intero, allo scopo principale di farsi conoscere e, in un secondo tempo, di guadagnare con la vendita on line dei brani.
E in questa area nicchia di business on line si colloca Vitaminic, leader Europeo nella promozione degli aspiranti musicisti. Vitaminic è infatti presente anche nel Regno Unito, in Francia, in Spagna, in Olanda, in Svezia, in Germania e negli USA. E a pochi mesi della sua nascita (finanziata dal fondo Kiwi di Elserino Piol che ha finanziato anche Tiscali) già punta alla quotazione in Borsa, che avverrà la prossima estate. La scorsa settimana infatti l'assemblea della Internet company, ha deliberato la richiesta di ammissione delle azioni ordinarie al Nuovo Mercato e ha reso noti degli ottimi dati: 6.500.000 di impressions (pagine viste) mensili, 1.000.000 di richieste di ascolto brani, 800.000 download, e ben 70.000 utenti registrati. Davvero non male quindi i risultati dell'azienda guidata dal trentaduenne Gianluca Dettori manager esperto di Internet. Ora resta da valutare l'azienda per poi venderne una quota agli investitori, ma fino all'estate c'è tempo...
Il sito Vitaminic.it, oltre ai file mp3 degli aspiranti musicisti, è ricco di contenuti: recensioni di mp3 player, di lettori mp3 portatili, consigli per creare i propri files mp3, newsletter aggiornata con tutte le novità sul mondo mp3, FAQ sui diritti d'autore, informazioni e link su tutti i generi musicali. Vitaminic raccoglie brani dalla musica classica alla country, dalla dance alla hip hop, dal jazz al punk, per un totale di circa 150 generi musicali. Una vera chicca sono poi le etichette discografiche da scaricare e stampare...


Data di pubblicazione: 02-04-2000

L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.