Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > La Mela si è scolorita?


La Mela si è scolorita?

Come cambiano le cose

Secondo voi è cambiata la nostra amata Mela negli ultimi tempi?
Beh secondo me sì, perché? Non a caso ho scelto il titolo di questo articolo, infatti la Mela si è scolorita davvero, è passata dai suoi mitici sei colori al monocolore e non sto parlando solamente del marchio Apple che è un dettaglio in fin dei conti, ma sto parlando della filosofia in generale.
E’ vero i Mac sono stati i primi computer colorati, ed il colore è passato dalla Mela ai case delle macchine, inizialmente infatti i primi iMac erano di un solo colore e non come quelli, lasciatemelo dire, un po’ pacchiani di adesso, ma ad ogni modo ognuno ha i suoi gusti.

Passiamo oltre sempre seguendo la bella filosofia Think Different (pensa differente) che Apple ha inventato e seguito fino ad un certo punto abbiamo visto comparire i nuovi Mac con la tastiera QWERTY (americana o da PC che dir si voglia) e così anche la tastiera italiana QZERTY, segno distintivo dei Mac è scomparsa...
Come se ciò non bastasse in MacOS 9.x nel pannello di controllo scelta tastiera compare il nuovo layout, per le tastiere QWERTY di recente introduzione, con la scritta tastiera italiana PC!!!
Ma vi pare possibile, su un Mac viene scritto che la tastiera è PC??? Lo so che PC significa in realtà Personal Computer però noi Mac-user per PC intendiamo la piattaforma Wintel, e ci vediamo comparire sui nostri computer, da sempre antagonisti a Wintel/PC, una scritta che ci dice che stiamo utilizzando una tastiera PC.
Certo sarà per le economie di scala, sarà perché vogliono standardizzare i Mac a livello mondiale, sarà tutto ciò che volete, anche il fatto che gli utenti PC che passavano alla nostra piattaforma si trovavano un po’ spaesati con anche una tastiera diversa però... sarà anche che un logo a sei colori costava sicuramente di più di un logo monocolore però...
Proseguiamo nella nostra analisi. Solitamente MacOS funzionava sempre con le sue estensioni e librerie di base e solo per particolari esigenze era necessario installarne di altre; alcuni giorni fa ho installato le demo di tre applicativi ebbene tutti tre gli applicativi hanno richiesto l’installazione di librerie o estensioni aggiuntive in cartella sistema, e non sto parlando di CAD o applicativi estremi, ma due di questi applicativi erano giochi!
Aspettate un attimo, ma sbaglio oppure c’è già un sistema operativo in giro che da sempre a ogni nuova installazione di software richiede l’installazione di librerie aggiuntive... credo si chiamino DLL e mi pare che tale sistema si chiami W...W...Windows forse?
Siccome però noi siamo buoni chiudiamo un occhio anche su questo e proseguiamo.
MacOS X, come potrei non tirarlo in campo, il nuovo campione di Apple, solo questo richiederebbe un articolo a parte che probabilmente scriverò, ma qui mi limiterò a citarne una sola caratteristica (perdonatemi se non è proprio la migliore) la cartella sistema! Ma quale cartella sistema? In MacOS X infatti non c’è cartella sistema, o meglio non c’è cartella sistema così come noi utenti Mac l’abbiamo sempre intesa, quella cartella che se la conoscevi abbastanza bene ti permetteva di uscire dai guai senza il necessario interventi di un tecnico, o senza riformattare; come mai questo? Ovvio no, MacOS X è un sistema che devista da UNIX e da quando in qua sotto UNIX esiste una cartella sistema? Mai, non è mai esistita e allora? Allora niente noi tutti ci limiteremo ad installare applicativi senza sapere precisamente cosa è successo al nostro sistema operativo dopo l’installazione (aggiunta di librerie, modifica di file ecc.). Opps, mi sembra che ci siano altri sistemi operativi del genere, forse si chiamano proprio UNIX e Windows; certo due cose diverse come il diavolo e l’aqua santa (non ho sbagliato di scrivere ;-)) però il comportamento è questo.
Ma scusate la filosofia di base non è Think Different?

Tranquilla Apple noi siamo buoni e quindi facciamo buon viso e cattiva sorte e chiudiamo un occhio sulla Mela scolorita (infondo è solo un dettaglio), facciamo finta di non accorgerci che la nostra tastiera è diventata improvvisamente Americana/PC, non ci curiamo del fatto che il nostro MacOS somiglia sempre più a Windows e lo conosciamo (in profondità) sempre meno... lasciate però che vi dica una cosa dalle mie parti si dice che uno può essere buono, buono, ma uno che è tre volte buono è stupido.
Ed ora che l’ho scritto e vi ho annoiato anche troppo vi lascio con questo dilemma, vogliamo fare la figura di quelli tre volte buoni?

Potrei continuare ancora in questa elencazione, ma ora voglio sentire il vostro parere, scrivetemi!

Ecco le vostre opinioni pubblicate; prima e seconda parte.



Data di pubblicazione: 07-04-2001
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.