Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > MacWorld 2002: New York


MacWorld 2002: New York

15-19 Luglio arriva la fiera dell'Estate. Cosa ci attende?

Novità ed attese

Come ogni vigilia di fiera che si rispetti, cominciano a comparire nei siti le indiscrezioni più disparate, alcune molto probabili, altre possibili, alcune improbabili ed altre, francamente, impossibili.
Prima di avventurarmi in queste previsioni, vi posso già dire che, qualunque cosa presenterà Steve Jobs dal palco ci sarà sempre qualcuno che rimarrà scontento, qualcuno che voleva qualcosa di più, di diverso, di fatto meglio o che, avendo seguito tutti i siti dedicati alle indiscrezioni, si era praticamente convinto che quel prodotto sarebbe stato presto in vendita.
Un'altra nota importante: non ho "gole profonde" a Cupertino che possano passarmi informazioni riservate, quindi non vi aspettate rivelazioni clamorose. Un po' di razionalità e qualche piccola concessione ai sogni.

I nuovi computer

Sicuramente saranno presentate delle nuove macchine, visto che, almeno per l'iMac ed i G4, l'ultimo trimestere non è stato certamente ricco di soddisfazioni. Per rendere più facile la consultazione ho diviso le riflessioni per singolo prodotto:

  1. iMac. Per il piccolo di casa Apple, detto l'iLamp, per la sua inconfondibile forma, potremmo attenderci, un aumento della velocità del processore e, forse, un taglio al prezzo di listino, grazie anche alla discesa dei prezzi della RAM e dei dischi rigidi e, stando alle prime indiscrezioni, anche a quella dei monitor LCD. Si potrebbe anche ipotizzare il lancio di una versione SE con monitor LCD a 17", ma non tratterrei il fiato attendendola. Non ipotizzo cambiamenti significativi ad un computer nato per durare a lungo, forse un aggiornamento del bus di sistema, oppure un aggiornamento della scheda video.
  2. G4. E' la linea professionale quella che da maggiori pensieri ai vertici di Cupertino. Usciti i processori dall'imbarazzante blocco sotto il GHz, si attende un aggiornamento, ma il problema è capire se verrà attuato nel contesto del MacWorld o posticipato al SeyBold di Agosto, manifestazione dedicata ad un'utenza professionale, quindi più in target con i computer professionali.
    I G4 potrebbero presentarsi, all'appuntamento in veste completamente rinnovata. In sostanza molto dipende dalla tempistica attesa per l'introduzione dei G5, ovvero dei processori di nuova generazione. Stando alle notizie attualmente presenti in rete, non si prevede il lancio dei G5 prima della metà del 2003, questo potrebbe spingere Apple a rilasciare nuove macchine aggiornando non solo il processore, ma anche la scheda madre, inserendo, eventualmente, la nuova Firewire 2, USB 2(anche se dubito fortemente che Apple favorisca uno standard concorrente), Bluetooth, Airport 2 e soprattutto le memorie DDR, che hanno fatto il loro esordio sull'Xserve ed il bus di sistema piùveloce.
    E' possibile anche che, qualora il G5 fosse atteso per l'inizio del nuovo anno, Apple possa aggiornare nuovamente le macchine esistenti, senza significativi mutamenti, per concentrare tutte le innovazioni sull'ipotetico G5 per dotare le macchine di tutte le innovazioni possibili.
  3. iBook. Questa linea è stata aggiornata da poco, quindi è molto improbabile che Apple la ritocchi nuovamente. E' possibile che l'iBook venga aggiornato in occasione dell'Expo di Parigi del prossimo settembre, per posizionarsi al meglio in vista delle vendite natalizie.
  4. TiBook. Anche per il Titanium, come per l'iBook, non si prevedono aggiornamenti significativi, molto più probabile che ci siano novità ad Agosto o più avanti. L'ultimo aggiornamento è infatti stato effettuato agli inizi di Maggio.
  5. eMac. Anche per la macchina educational, non si prevedono significativi cambiamenti. Forse, un aggiornamento del processore e della dotazione, ma nulla di significativamente diverso da quanto disponibile oggi.
  6. Nuova linea di computer. Al momento non sembra esserci una "sesta linea" in arrivo. Alcuni parlano di un portatile ultraleggero, pensato per i mercati dell'estremo oriente e per le aziende, magari da accompagnare all'Xserve, ma anche in questo caso, non sembrano esserci basi solide per queste ipotesi.

Gli altri prodotti.

Apple, oramai da tempo, ha ridato enfasi alla presentazione di software che offrano qualcosa di nuovo e di diverso rispetto a quanto disponibile sul mercato. E' il caso di iTunes, per la gestione degli MP3, cui poi si è accompagnata la presentazione dell'iPod, di iPhoto, probabilmente uno dei più semplici programmi per la gestione delle immagini ottenute da fotocamere digitali, di iMovie per la gestione di filmati digitali e di iDVD per la creazione di DVD su macchine dotate di masterizzatore DVD. Da non dimenticare poi, l'onnipresente QuickTime di cui da poco è stata presentata in anteprima pubblica la versione 6.
Con queste premesse, cosa potrebbe presentare Apple sul palco di NewYork?
Anche qui, per semplicità, ho raggruppato gli argomenti per prodotto:

  1. iTunes ed i Pod. La versione 2 ha portato moltissime novità dall'equalizzatore a miglioramenti nella gestione del programma. Potrebbe essere maggiormente integrato con QuickTime per la gestione del suono. Difficile, ma non impossibile, che venga presentata una versione per Windows qualora venisse rilasciato un iPod per Win. Naturalmente, in quest'ultimo caso, la versione per Win sarebbe meno completa di quella per Mac.
  2. iMovie. Possibile preview del supporto di iMovie per il MPEG-4, ovvero il futuro standard di compressione per il video digitale in streaming.
  3. iPhoto. Possibile un aggiornamento del programma che porti nuove funzioni e corregga alcune incongruenze, come la necessità di avere un'unica librera con tutte le immagini oppure nuovi strumenti di correzione delle foto.
  4. MacOS X. Di sicuro si vedrà qualcosa in più di Jaguar. Che ovviamente girerà a velocità elevatissima sulle nuove macchine. Qualche altro dato sulla penetrazione del nuovo sistema operativo, su eventuali nuove applicazioni di terze parti e poco altro.
  5. Altro. E' in questa casella che si raccolgono le indiscrezioni più disparate. A partire dal mai troppo duro a morire mito del palmare Apple, che Jobs stesso ha più volte smentito, passando per un nuovo browser, iBrowse, fino a nuovi programmi per la gestione del 3D (che più probabilmente vedremo al Seybold ad Agosto) o, ancora, all'Apertura di Negozi Apple in Europa ed in Giappone.
    E possibile che Apple presenti qualche nuova periferica che si inserisca nella sua strategia di Hub digitale, tuttavia, non si è in grado di prevedere in quale area questa possa apparire.
    Dovrebbe essere un settore con queste caratteristiche: possibilità di essere innovativi, possibilità di essere profittevoli, possibilità di un mercato ampio ed in forte crescita.
    Mi verrebbe in mente una macchina fotografica digitale, ma non so cosa Apple potrebbe aggiungere di davvero "rivoluzionario". Una tavoletta che funga sia da libro di appunti che da tavoletta grafica e che sfrutti il riconoscimento della scrittura che verrà inserito in Jaguar.

Tante idee, ma una realtà

Apple, deve sempre innovare. E' la sua necessita e la sua scelta. Non può e non deve fermarsi sulle posizioni raggiunte perchè solo l'innovatività delle sue soluzioni ed il mantenere un significativo distacco dai suoi concorrenti può consentirle di sopravvivere e di continuare nella sua strategia di crescita.
Innovazione non è un processore più veloce, o una porta di comunicazione avanzata, è riuscire a rendere una certa attività più veloce ed efficiente, magari anche esteticamente più gradevole.
Queste sono le mie indiscrezioni, nulla di fantascientifico, ma qualcosa di molto concreto. Tuttavia, vi confesso che mi piacerebbe, essere "sorpreso" dagli annunci del MacWorld. come?
Se lo sapessi, non sarebbe una sorpresa, no?



Data di pubblicazione: 07-07-2002
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.