Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > I progetti della comunità Mac Italiana


I progetti della comunità Mac Italiana

Un gruppo carico di idee

Chi c'è dietro le mele in Italia.

Quando si parla di Macintosh, molti utenti Windows sbarrano gli occhi e dicono le solite frasi fatte: "E' solo per grafici", "non ce ne sono in giro" e le altre solite canzoni. Invece il gruppo degli utenti Mac in Italia esiste e, nonostante sia piccolo, è molto dinamico ed affiatato e pronto, spesso, a superare barriere geografiche ed a divenire importante; questa è, ad oggi, la comunità Mac in Italia.

In questo articolo facciamo una panoramica delle iniziative attualmente presenti in Italia e lanciamo uno sguardo al futuro, ma analizziamo le varie articolazioni e conosciamo un po' chi c'è dietro.

I gruppi di Utenti.

Qua è là, nel lungo stivale italiano, vi sono piccoli gruppi di utenti Mac che condividono la passione per questo computer, ma, quando si parla di gruppi organizzati, la prima sigla da pronunciare è POC, ovvero PowerBook Owner Club.
Nonostante il nome, molto americaneggiante, si tratta di un gruppo fondato e guidato interamente da italiani con sede a Milano, ma con soci sparsi in tutta Italia ed in minima parte nel resto del mondo. Il gruppo è nato, nel Novembre del 1998, da un'idea di "pochi" intimi e può contare oggi su circa 800 soci ed è, forse, il maggior gruppo al mondo, quanto ad utenti registrati; proprio questa dimensione lo ha fatto considerare anche da Apple che lo considera un riferimento importante.
Il POC organizza iniziative, riunioni e "pizzate" oramai divenute proverbiale ed in una di queste, il meeting di Pesaro di Settembre scorso, il gruppo ha ottenuto la presentazione, in anteprima italiana ed europea, del nuovissimo iBook.
Iscriversi al gruppo è semplice e, nonostante il nome, non è necessario possedere un portatile; comunque tutte le informazioni le potete trovare sul loro sito.

I siti e i rivenditori.

La comunità italiana non si esaurisce solo nel POC; vi sono, infatti, molti siti dedicati ad agli italici melomani. Siti come: Accomazzi.net, Italiamac, Macity, Macprof, Tevac solo per citarne alcuni, sono una fonte di notizie continue ed aggiornate e di interessanti approfondimenti.
Un terzo pilastro, anche se a volte pericolante, è offerto dai rivenditori coloro cioé che, quotidianamente, cercano di evangelizzare gli utenti PC e servire sempre meglio tutti gli appassionati del Macintosh. Anche in questo gruppo ci sono le pecore nere, ma anche molti esempi di professionalità, competenza ed amicizia. Cito solo tre negozi, con i quali ho avuto ottime esperienze: MacatWork, MacPoint, Active-Software, ma molti, che non ho avuto il piacere di conoscere, svolgono il loro lavoro nell'ombra e con grande passione.

Ma al di là del Mac?

Questa è una domanda che tendiamo a farci di frequente e che solo raramente trova risposte soddisfacenti; ci dicono, infatti, che il Mac è solo dei grafici, ma io ho conosciuto librai, studenti, verniciatori, giornalisti, fiorai, ristoratori che lo usano quotidianamente; tutte queste persone rappresentano la "maggioranza silenziosa", quel gruppo di persone che, a volte, ha scelto il Mac perché "evangelizzata", ma che non hanno ancora imparato a trarre dallo stesso ciò che ha, a mio parere, di più bello, l'amicizia e la disponibilità degli altri utenti.

Ed il futuro?

Molto sta cambiando in tutto l'universo Mac, sia localmente che a livello mondiale. Apple prosegue nella sua riscossa ed i suoi utenti, rinvigoriti e rinfracati da ciò, sono ripartiti all'attacco della roccaforte Wintel. Molte iniziative vedranno la luce nei prossimi mesi e di una di queste, il MIM, saremo noi gli artefici. Ma non siamo solo noi a muoverci, Dada, il provider fiorentino, lancerà, probabilmente, un canale tematico del suo motore SuperEva, dedicato esclusivamente ai possessori di Macintosh e molte altre iniziative stanno fiorendo, il futuro sembra roseo.
Non so se se vi ho incuriosito con questa anticipazione del MIM, ma se l'ho fatto, perché non mi scrivete per dirmi cosa pensate che sia? Ora vi saluto e vi aspetto la prossima settimana.



Data di pubblicazione: 20-05-2000
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.