Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > Intervista a Luciano Pecorella


Intervista a Luciano Pecorella

Editor in Chief di Games4Mac

Luciano Pecorella è Editor in Chief di Games4Mac, sito -come dice in maniera eloquente il nome- interamente dedicato ai giochi per Mac. Dopo qualche chattata su ICQ, dato l’interesse di molti di voi per l’argomento, mi sono accordato con lui per una breve intervista nella quale, oltre a spiegarci l’attività del portale, ci rivela in anteprima alcuni progetti per il futuro. Ma passiamo subito alle domande...

Luciano, puoi descriverci quali sono le vostre linee guida? Qual è l’attività principale di Games 4 Mac?

Games4Mac è il "seguito" di un progetto nato inizialmente freeware, lucianop.it, nel quale venivano offerte delle localizzazioni di giochi Mac nella nostra lingua. A questo punto abbiamo deciso, vista la scarsa attenzione del mercato italiano, di creare con Games4Mac un portale verticale dedicato interamente alla comunità mac gamers, aggiornato quotidianamente con notizie, recensioni e tutto quello che possa fornire informazione agli utenti italiani circa l'industria dell'intrattenimento su Mac. Ancora adesso, l'attività principale di Games4Mac, è quello di fornire quante più localizzazioni di giochi sia possibile, così da rendere l'esperienza di gioco dei mac gamers italiani, molto più eccitante, ma soprattutto comprensiva!!!

• Da quanto tempo siete on line?

Il progetto Games4Mac è nato nel 2000, séguito di lucianop.it. La storia inizia durante il 1999 con il rilascio della nostra prima localizzazione, Age of Empires. Da quel momento non ci siamo mai fermati, cercando di implementare tutti i nostri servizi, ed offrendone al navigatore altri aggiuntivi.

• Parlaci un po’ dello staff che lavora per il portale.

Pochi ma buoni. Persone che meritano ed hanno dimostrato molteplici volte la fiducia che gli ho riposto. Tra queste persone c'è il Marco "Cascius" Cascioli, web engineer del progetto Games4Mac. È stato grazie a lui che il portale ha raggiunto livelli professionali fino ad un tempo impensabili, con lo sviluppo di motore per l'aggiornamento dinamico dei suoi contenuti. A seguire, Chiara "Nina" Pecorella, che si occuperà dei rapporti con i clienti dello Store4Mac. Vorrei senz'altro citare alcuni ragazzi che stanno liberamente facendo molto per aiutare a far crescere la Comunità Macgamers italiana. Tra questi Andrea Piccinin, Clan Master del primo clan Macgamers italiano, ed ufficiale di G4M. Paolo "Macman" Barni, anche lui fortemente impegnato nelle localizzazioni di alcuni titoli, tra i quali Age of Empires 2.

• In Italia ci sono realtà in grado di creare software ludico capace magari di imporsi all'estero, oppure dobbiamo rassegnarci per sempre all'importazione?

In Italia ci sono molti creativi, capaci di sviluppare titoli forti, quanto o più di quelli americani od europei. Tempo fa fui contattato da alcuni ragazzi di Roma, che chiedevano il supporto di Games4Mac per la promozione di un loro gioco d'azione 3D. Ho anche ricevuto una semplicissima demo di quello che doveva essere la base dell'engine grafico. Purtroppo poi la cosa è sparita nel limbo, almeno così penso. Forse in italia ci sono delle barriere che ostacolano la voglia di diventare game developers, 3D artists, Level Developers e così via. Se poi sommiamo a questo anche la mancanza di investimenti nel settore (considerando che la licenza del motore grafico di Quake 3 Arena potrebbe superare di molto i 500 mila dollari), potremmo dire che queste barriere diventano montagne invalicabili. Tuttavia con l'introduzione dei mod o Total Conversion (basate su giochi come Unreal Tournament 2003, Quake 3 Arena, Half Life, ecc.), potrebbe esserci un'inversione di tendenza. Basti solo pensare ai quei ragazzi francesi che hanno sviluppato il mod Tactical Ops per Unreal Tournament, diventato adesso prodotto commerciale della lineup di Infogrames.

• Il tuo è un sito animato da tanta passione, e si vede. Ma i rapporti con Apple Italia ci sono? Qualche riconoscimento, o contatto, un po' di incoraggiamento insomma, è mai arrivato dalla casa madre?

Apple Italia è una grande azienda, con all'interno tante persone animate da una forte passione. Ho avuto spesso dei piacevoli incontri con i PR Managers e Product Managers di Apple Italia, specialmente per Recensioni Hardware o per seguire importanti Eventi Stampa in Italia. Anche se Apple non si muove quasi mai pubblicamente con riconoscimenti o incoraggiamenti, penso che il loro supporto ci sia sempre.

• Con l'avvento dell'ambiente di sviluppo Cocoa, quanto cambierà la localizzazione di software? Si è parlato di scarsa documentazione da parte di Apple, nei mesi scorsi ... Cosa ne pensi?

Io credo molto nelle applicazioni Cocoa, e nel supporto che Apple offre agli sviluppatori. Tuttavia, una Developer House, nel processo di conversione di un titolo da PC a Mac, si trova gran parte del lavoro di localizzazione, già portato a termine. Questo poiché non dovranno più essere compilate più applicazioni, a seconda della lingua che si vuole giocare, ma sarà tutto incluso in quella cartella/applicazione denominata come .app. è stato il caso di MacPlay, che ha rilasciato Giants: Citizen Kabuto in più lingue, tra le quali anche l'italiano. Resta sempre il problema di includere sui CD le fonti audio, che occupano molto spazio, specie se si vuole produrre una sola box per tutto il pianeta!!!

• Progetti per il futuro?

Sicuramente supportare con sempre maggiore passione e tempo la comunità MacGamers italiana. Dare lo starter alla realizzazione del Clan, implementare la distribuzione di videogiochi per Mac in Italia, e riuscire a portare a termine un nostro importantissimo progetto, sul quale stiamo lavorando duramente da circa 6 mesi. Non posso ancora dire molto su quello che riguarda, ma simpaticamente lo abbiamo codificato con il nome di IMC (Italian MacGamers Community), poiché è a loro che è stato dedicato questo nostro nuovo ed enorme sforzo. In avvenire, sicuramente ci sarà anche una partecipazione di G4M nel supportare le Case Distributrici, a rilasciare titoli localizzati nella nostra lingua. Un primo passo è stato già fatto con Max Payne, per il quale abbiamo lavorato a stretto contatto con Feral Interactive, per la localizzazione del gioco nella nostra lingua. Questo, speriamo sia solo l'inizio... =)

Ringrazio Luciano per la sua disponibilità e gli auguro buona fortuna per i suoi progetti!



Data di pubblicazione: 14-07-2002
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.