Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > I ...n hoc signo Vinces


I ...n hoc signo Vinces

La i e la nuova moda nell'informatica

E' passato più di un anno e mezzo dalla rivoluzione dell'iMac. La ricordate la macchina compatta, colorata e translucente, presentata da Steve Jobs in un memorabile incontro?
Ricordate la nascita dei partiti pro e contro l'iMac? Il grande gioco del: «Venderà», «non venderà», «è un'ottima macchina», «no sarà un flop». Oggi quel gioco si è concluso con un risultato chiaro ed eclatante, non solo Apple ha vinto la sua scommessa riuscendo a portare il colore, dopo averlo portato sugli schermi dei computer, anche sulle macchine da scrivania; ma soprattutto ha dimostrato di saper innovare non solo nel software, ma anche nell'Hardware. Certo col senno di poi è facile dire che creare un computer colorato era semplice, oggi cominciano a farlo tutti, da eMachines a Strabilia, ma la differenza tra un artista e gli altri, con una definizione molto originale, è che il primo copia in maniera creativa, il secondo copia e basta.

Oggi è un fiorire di computer colorati, stampanti, lettori CD-Rom, modem e quant'altro, senza contare che non si vede rilasciare un computer importante che non abbia o una i nel suo nome, iPaq?, oppure un design transulcente, Strabilia?.

Apple a questo punto si muove di nuovo avanti, e porta il colore anche sulle macchine definite “serie”, ma non più un colore blu, ma uno stupendo Grafite che dia una forte impronta di alta tecnologia a queste macchine. E' nata una nuova sfida nel design, mentre molte case si affannano a preparare prototipi di computer futuristici, ho visto più di un anno fa un bellissimo prototipo di computer a piramide, nessuno trova il coraggio di prendere queste idee e realizzarle. Negli USA la Gateway ha trovato il coraggio di osare e di proporre un computer da scrivania “alternativo”, 8 all'intraprendenza, 2 all'originalità e sapete perché? Il design del nuovissimo computer sembra ripreso, in moltissimi punti, da uno dei più bei Macintosh mai usciti dalla casa di Cupertino, quel Macintosh del XX° anniversario che è talmente bello da incantare chiunque gli si avvicini.

Insomma dal suo ritorno Jobs ha deciso di Think Different anche riguardo all'aspetto di un computer, il design ha di nuovo guadagnato importanza e su questo Apple sta ricostruendo la sua rinascita. Ora non resta che completare il nuovo sistema operativo per ritrovarsi all'avanguardia in tutti i campi.

Prima di chiudere, a tutti quelli che, come me, hanno avuto problemi con il latino, spiego la frase di testa: Sotto questo segno Vincerai, la frase che l'impertore Costantino disse di aver udito da Gesù prima di una battaglia e che gli fece disegnare su tutti gli scudi dei soldati una Croce propiziatoria. Forse Steve ha pensato alla “i” per distinguersi dagli altri.



Data di pubblicazione: 04-12-1999
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.