Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > Il futuro...


Il futuro...

Visioni di un futuro non troppo lontano

Amo parlare del futuro della tecnologia, immaginare come sarà, quale tecnologia avremo a disposizione, a quanti GHz girerà il nostro nuovo Mac etc. Ogni tanto penso a cinque/sei anni fa, con il mio primo Performa 460, chiuso in sé stesso senza modem, ai filmatini 160x120 QuickTime a 10 frames per secondo. Ora con due click di mouse mi ritrovo davanti alla nuova interfaccia di QT Player: una vera e propria piattaforma multimediale web oriented. Cosa è cambiato in questi anni? Molto.
Così come è cambiato il modo di concepire un player multimediale, è cambiato il modo di concepire il concetto di computer. La maggior parte di coloro che oggi acquistano un computer per utenza domestica, non lo fa con l'intento di usare il foglio di calcolo o di scrivere lettere. Lo fa perché sente parlare della Rete in maniera costante e il computer è lo strumento per accedervi. Il fine dell'acquisto di un computer in casa è l'accesso alla Rete. Qualche anno fa l'accesso a Internet era 'una delle tante cose' che era possibile fare con i computer. Ed è per questo motivo che nei prossimi anni l'accesso alla Rete verrà ancora più facilitato di quanto possa già ora essere collegandosi con un iMac.

Avremo un terminale da collegare alla TV: riceveremo e trasmetteremo dati mediante fibra ottica (vedi articolo e.Biscom) o satellite, ci sarà una convergenza tra la TV tradizionale, il Web e l'home video. Ci sarà la possibilità infatti di decidere noi quale film vedere: in qualsiasi momento avremo a disposizione migliaia e migliaia di titoli, doppiati in varie lingue e li guarderemo con la qualità DVD. In due parole: la TV che verrà sarà digitale ed interattiva. Addio alla passività quindi. Lo stesso "aggeggio" ci permetterà di navigare in una sorta di New Internet che sarà bella, stupenda, che ora ci è difficile immaginare forse. Si farà massiccio uso del linguaggio VRML, che permette di passeggiare in ambienti virtuali ricostruiti in 3 dimensioni, per i quali passeggeremo con l'ausilio di occhiali per la realtà virtuale. Sarà di certo così il negozio on line del futuro: merce esposta in maniera virtuale, ci passeggiamo intorno, con due colpi di mouse/telecomando selezioniamo la merce che vogliamo acquistare, pagamento con carta di credito e consegna reale.
Naturalmente non saremo soli nel negozio del futuro, ma potremo fare anche una voice chat altre persone e vedere la sagoma virtuale degli altri internauti intenti a fare acquisti nello stesso negozio in quel momento. Non strabuzzate gli occhi! Non vi capita mai, mentre scaricate un mp3 (approfondisci) da Napster, di scambiare due chiacchiere con gli utenti collegati in quel momento?
Dieci anni fa, chi avrebbe mai pensato alle comunità virtuali, alle voice chat, alle videoconferenze o a un sistema di navigazione satellitare delle auto? Cose da fantascienza. Durante il TeleGiornale, nel caso in cui una notizia ci interessasse particolarmente, potremo approfondirla con un click di mouse, e in pochi istanti saremo sommersi dalle informazioni relative. I vari secondi di attesa di caricamento delle pagine scompariranno, saranno un ricordo del passato, perché con il collegamento via fibra ottica o satellite, i documenti (testo, immagini etc.) si "materializzano" sullo schermo in maniera istantanea, come avviene consultando un CD-ROM multimediale. Si potrà avere un streaming (ovvero la visualizzazione di un filmato in tempo reale, senza attendere di scaricarlo) di ottima qualità e fluidissimo. Ma quanto costerà tutto ciò? Una tariffa flat mensile ci permetterà di coprire sia costi di connessione dati e voci che di Internet providing.

Parliamo di telefoni cellulari. Già ora si sta verificando una convergenza tra cellulari e Rete: pensiamo ai Wap, ai venturi GPRS, agli SMS che è possibile inviare da Internet ai GSM e alle e-mail che è possibile mandare da questi ultimi verso computer. Tempo tre/quattro anni e con i nuovi cellulari UMTS potremo fare cose impensabili con gli attuali cellulari. Infatti la velocità di trasmissione sarà 40 volte superiore a quella degli attuali modem. Oltre a poterci permettere una velocissima navigazione tra pagine HTML con immagini, suoni e filmati, potremo videotelefonare ma non a una sola persona, bensì si potranno fare delle vere e proprie videoconferenza on the road, grazie alla mini-videocamera incorporata nei nuovi telefoni. Sarà quindi un terminale multimediale anni luce lontano dagli attuali WAP che permettono solo la navigazione in siti dedicati e composti di solo testo. Fungerà da sistema di navigazione personale: noi gli chiediamo un hotel vicino al luogo dove ci troviamo, e lui ci fornisce l'indirizzo e la mappa della strada da seguire.
E c'é addirittura chi parla di una trasmissione di odori a distanza via UMTS, che tra l'altro dovrebbe già essere disponibile tra pochi mesi per gli home computer...



Data di pubblicazione: 08-01-2000
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.