Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > I nuovi iBook


I nuovi iBook

Come saranno e cosa attendere da loro

Apple ha organizzato, per il primo maggio, un evento dedicato alla stampa in cui verranno fatti alcuni importanti annunci.
Come sempre in questi casi la rete è piena di ipotesi più o meno realistiche, in questo marasma è difficile individuare e scindere le notizie realistiche da quelle completamente campate per aria, così ho deciso di concentrarmi su quello che potrebbe essere uno degli annunci più importanti di questa riunione quello dei nuovi iBook, i portatili pensati per un'utenza meno professionale di quella cui sono rivolti gli stupendi Titanium.

I nuovi iBook

Gli iBook che dovrebbero essere pensionati durante la festa dei lavoratori hanno rappresentato una grossa novità portando lo stile degli iMac nei portatili della casa della mela Inoltre queste macchine sono state pensate, finalmente, per quella fascia di utenti che non necessitano di tutte le caratteristiche dei portatili più professionali.
Vediamo quali dovrebbero essere le caratteristiche delle nuove macchine:

  1. Nuovi processori più veloci, l'aumento di velocità non sarà enorme, rispetto ai modelli attuali, ma dovrebbe comunque permettere alle nuove macchine di migliorare le loro prestazioni rispetto ai predecessori.
  2. Una nuovo involucro, più leggero e "serioso" rispetto a quello degli iBook attuali. Lo spessore dovrebbe ridursi a circa 3,5 cm, ed il peso, grazie alla scelta di nuovi materiali, dovrebbe scendere di oltre 1 Kg. Il nuovo materiale dovrebbe essere l'alluminio disponibile in 3-4 colori diversi. Inoltre le dimensioni dovrebbero divenire molto compatte, cercando di trasformare l'iBook in un vero e proprio subnotebook. Apple intende puntare soprattutto al mercato delle scuole e delle aziende.
  3. Maggiore espandibilità e fruibilità, grazie alla maggiore espandibilità in termini di RAM e ad un'ampia dotazione di porte di comunicazione con l'aggiunta di una porta monitor VGA che dovrebbe supportare seppure con risoluzioni non elevatissime, un monitor esterno.
  4. Il monitor, dovrebbe essere da 13,3" o da 12,1", ma rispetto al modello attuale il nuovo monitor dovrebbe avere una risoluzione più alta ovvero 1024x768. La scelta di una dimensione più contenuta del monitor TFT potrebbe essere dovuta alla necessità di mantenere molto piccole le dimensioni ed il peso del computer oltre che a questioni di costo.
  5. Infine una serie di piccole migliorie al disco rigido, al bus di sistema ed al sistema sonoro dovrebbero dare all'iBook un'ulteriore marcia in più. Rispetto al sistema sonoro va detto che anche l'iBook, come il Titanium, avrà un sistema di casse stereofoniche che permetteranno di apprezzare meglio anche i giochi su questa macchina.
  6. Quanto al lettore integrato non è ancora ben chiaro se l'iBook monterà ancora il lettore DVD o se monterà invece uno dei nuovi lettori integrati CD-RW e DVD. Quest'ultimo tipo di lettori potrebbe essere montato sugli iBook Special Edition, mentre la versione più economica quella a 400 MHz dovrebbe montare un più economico CD-RW che permetta di sfruttare al meglio i vari software che Apple va proponendo nei suoi computer.

I nuovi iBook puntano decisamente a riconquistare l'importantissimo mercato delle scuole ed a sfruttare l'appetibilità delle nuove soluzioni basate su MacOS X oltre che la grande immagine conquistata con il Titanium.
Naturalmente fino a lancio avvenuto le caratteristiche che vi ho elencato non possono essere considerate definitive, ma appare chiaro come Apple, dopo il grande successo del Titanium e dopo aver visto la luce nel buio dei processori G4, sembra decisa a rilasciare macchine davvero innovative e che le consentano di riprendere la marcia interrotta con l'infortunio del Cubo.



Data di pubblicazione: 30-04-2001
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.