Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > I nuovi G4


I nuovi G4

Il ritorno alla normalità

La notizia che, in questa settimana, ha catturato di più l'attenzione degli utenti Mac è stata senz'altro quella del rilascio dei nuovi G4. Apple, come ampiamente previsto sin dal lancio delle nuove macchine, ha cancellato l'ultima macchina basata sulla vecchia architettura quella dei G3 ed ha rilasciato una versione potenziata delle macchine rilasciate pochi mesi fa. Ora tutti i G4 sono basati sulla nuova scheda madre, più veloce e performante, dotata di AGP e di tutti quegli accorgimenti che ne dovrebbero garantire una sufficiente longevità.

Una delle cose che ho sentito di più in giro è stata: Io ho comprato da poco un G4/350 basato sulla vecchia architettura e non l'ho ancora ricevuto e già Apple rilascia una macchina che, allo stesso prezzo, offre prestazioni superiori, non è una condotta scorretta?

Allora, sebbene io comprenda pienamente come si può sentire una persona che non avendo ancora ricevuto la macchina, sa già che è obsoleta, dall'altro dico che l'eliminazione del G4/350 era nell'aria sin dal suo rilascio infatti, essendo basato sulla vecchia scheda madre era destinato ad avere una vita breve.

Ma perché Apple ha messo in vendita una macchina ben sapendo che, entro due-tre mesi, l'avrebbe eliminata dalla sua offerta? I motivi sono due:

  1. Apple aveva necessità di offrire una macchina ad un prezzo conveniente che potesse, almeno in parte, assorbire le richieste degli utenti più esigenti, richieste che altrimenti si sarebbero concentrate sulle nuove macchine acuendo ancora di più il problema di disponibilità dei G4 più veloci che, solo in questi giorni, sono finalmente disponibili in numero adeguato.
  2. Le nuove schede e gli accessori da esse utilizzati, non erano, al momento del lancio delle macchine, disponibili in numero adeguato. A ciò si aggiunge la presenza di piccole scorte delle vecchie schede madri e la possibilità di sfruttare una scheda adeguatamente testata e sufficientemente veloce per accogliere i processori appena rilasciati.

Insomma quando Apple sbaglia è giusto rimproverarla, ma ora che rilascia nuove macchine con una velocità finalmente competitiva con quella del mondo PC, non possiamo lamentarci. Erano belli i tempi in cui le macchine restavano in portafoglio per vari mesi, ma erano anche tempi in cui Apple vendeva meno di oggi ed in cui ci si lamentava dei prezzi alti e di tante altre cose. Il nuovo corso a Cupertino ha portato grosse rivoluzioni e non è pensabile un ritorno indietro.

Che dire l'unico consiglio che posso dare ai tanti amici mac-lover è quello di seguire con attenzione ciò che si dice sulla rete e nei tanti siti dedicati al mac. Forse non eviterete una delusione, ma almeno sarete preparati :-))

Ciao.



Data di pubblicazione: 11-12-1999
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.