Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > Verso il fondo e oltre


Verso il fondo e oltre

Apple ancora in caduta, che ne sarà di lei? Le strategie di rilancio

Le peggiori paure, di cui parlava anche l'articolo della scorsa settimana, si sono avverate e Steve Jobs in persona, in una conferenza stampa, ha dovuto fare pubblica ammenda ammettendo e questa è gia una notizia in sé, che la società ha commesso degli errori e che le cose stanno andando peggio di quanto si potesse immaginare; a causa di questo Apple ha dovuto annunciare, per la prima volta in 3 anni, che chiuderà un trimestre in perdita.

Sull'orlo del Baratro

"Abbiamo sbagliato molte cose e queste si stanno ritorcendo contro di noi" questo è il succo delle parole di Steve Jobs che ha trovato anche il tempo, nel momento della sconfitta, per delineare quello che sarà il percorso di recupero di Apple. Tra gli errori più gravi Jobs ne ha elencati tre:

  1. Un errata scelta nella sostituzione della forza vendita pensata per il mercato scolastico una delle fonti primarie delle vendite di Apple
  2. La non presenza, nell'offerta di computer, di computer dotati di lettori CD-RW, ovvero di drive per CD-Riscrivibili che si sono affermati, nell'ultimo anno, come la vera alternativa al Floppy disk.
  3. L'essersi trovato con un magazzino pieno proprio nel momento in cui il mercato ha cominciato a rallentare; nel caso specifico molte persone hanno rinviato l'acquisto di nuovo Hardware fino al rilascio della versione definitiva di OS X.

A questo punto ci sono tutti i motivi per essere preoccupati, sembra di essere tornati indietro nel tempo con un'azienda di nuovo sull'orlo del fallimento e già si levano i cori dei tanti analisti che giurano e spergiurano che, questa volta, per Apple è finita......

Non si può dire Gatto se non ce l'hai nel sacco.

Apple, però, è un pò come l'Araba Fenice, quando credi che sia morta, risorge dalle sue ceneri più bella e più forte di prima. Jobs nel momento stesso in cui ha preso atto degli errori commessi ha anche delineato quella che sarà la strategia di rilancio della società che passerà per una serie di passaggi obbligati, che si vedranno tutti in occasione del prossimo MacWorld di NewYork, dove Jobs dovrà letteralmente rivitalizzare la passione e l'entusiasmo degli utenti della mela, preoccupati per le ultime vicissitudini societarie.
E vediamo quali dovrebbero essere le carte vincenti con cui Apple si appresta ad affrontare questo nuovo Millennio:

  1. Verranno rilasciate macchine che monteranno, di serie, drive CD-RW; non è ben chiaro se questi drive saranno presenti solo come opzione sugli iMac e sui G4 o, come affermano alcune indiscrezioni se monteranno il nuovissimo drive della Pioneer capace di fungere da lettore CD-DVD e anche da CD-RW. Sempre nell'ottica di offrire di più Apple sembra stia preparando un'applicazione ad hoc che dovrebbe consentire di utilizzare e gestire i CD-RW in modo ottimale. Questo programma dovrebbe essere realizzato, a tempo di record, da due team, i programmatori dell'Astarte, acquisiti pochi mesi fa da Apple e quelli della Radialogic, società che le indiscrezioni vogliono sia stata acquisita proprio in questi giorni da Apple, benché entrambe le società non abbiano risposto alle indiscrezioni.
  2. Dovrebbero comparire macchine nuove e più veloci, capaci di dare un motivo valido alle persone per cambiare il proprio iMac prima generazione.
  3. Sarà rilasciata una nuova macchina, che andrà a riempire il buco creatosi all'interno dell'offerta di Apple, nella sua famosa matrice 3x2 che riproponiamo qui sotto:
    Consumer Semiprofessionali Professionali
    iMac Cube PowerMac G4
    iBook ??????? PowerBook
    La nuova macchina potrebbe essere l'erede della serie Duo ovvero di un portatile ultraleggero e compatto, non dotato di tutte le capacità dei PowerBook, ma più leggero eppure molto potente. Da tempo moltissimi utenti della mela richiedono il rilascio di una macchina con queste caratteristiche, saranno accontentati?

MacOS X, e poi?

E' ormai chiaro che moltissimi acquisti sono frenati dall'attesa del nuovo sistema operativo, solo quando le persone potranno vedere il nuovo sistema operativo, almeno in prima versione, potranno convincersi a tornare agli acquisti e potranno riconsiderare anche macchine, come i G4 multiprocessori che l'attuale MacOS 9 non è in grado di sfruttare a pieno. Oramai il dado e tratto ed Apple è, di nuovo in trincea, riprendiamo gli elmetti è tempo di tornare a combattere.



Data di pubblicazione: 01-10-2000
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.