Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > Disabili e Mac


Disabili e Mac

3 - Think different sul serio! - Podcast

Abbiamo già avuto modo di paralre di Podcasting, da iPod e Broadcast (parola inglese che significa trasmissione): è la trasmissione di contenuti audio su internet che può essere fruita tramite computer o lettore MP3; permette agli utenti di ascoltare ciò che vogliono, quando vogliono e dove vogliono.
La diffusione di questo formato, analogamente a tante innovazioni tecniche legate al riconoscimento e alla sintesi vocale, è un grande aiuto per i disabili, non solo non vedenti.
Ciò che contraddistingue il podcast da altre tecnologie è il suo essere comunicazione "pubblica": il fatto di esporsi personalmente; è una grande risorsa espressiva che richiede una certa "esibizione" ed un certo coraggio.

Blog e Podcast: lo spettacolo comincia!

I blog hanno aperto alla scrittura e alla lettura tante persone: da diario intimo e quasi sussurrato si è spesso evoluto in raccolta di editoriali e commentarii, una vera e propria forma di giornalismo. Tutto ciò però sempre per iscritto, discretamente, il podcast invece nasce già "rumoroso", implica l'uso della voce, mette l'autore sotto i riflettori: è in effetti una trasmissione radiofonica. L'uso di tecnologie di sintesi vocale consente di "fare radio" anche a chi voce non ha (o quasi): è il caso del protagonista di questa nostra serie di articoli.

Chicco "al naturale"

Sul suo podcast Chicco dice la sua, con stile semplice e asciutto, in maniera provocatoria e a volte brutale. Si sente la freschezza e la voglia di comunicare troppo a lungo repressa; si sente persino una venatura di legittima vanità, tutto l'orgoglio di urlare al mondo la grandezza del risultato raggiunto!
Superato lo stupore "tecnologico" può sembrare di percepire una certa ingenuità negli argomenti trattati. Chicco stesso dice "potrà sembrare banale parlare di tutto, ma per me, che non posso parlare, vi assicuro che è una cosa molto speciale".

Ma perchè un podcast?

Ma ascoltando meglio si percepisce qualcosa di più profondo, una domanda: perchè di tutto questo sforzo per una cosa così "semplice"?
Perchè coinvolgere tanta gente per una vetrina di concetti normali? Perchè si può, per vanità, per divertimento? Forse, ma non basta.
Mi sono tolto lo sfizio di chiederlo direttamente a Chicco, con cui chatto ogni tanto.
La risposta è stata bellissima: lo faccio per voi!.

L'uomo del Podcast

Non aggiungiamo altro e lasciamo spazio a chi ha dato un contributo fondamentale a questo miracolo di umanità, il realizzatore tecnico del sistema di pubblicazione che usa Chicco: Alessandro Venturi, uno dei fondatori di Radio NK e autore di ToiletteCast, uno dei primi podcast nati in Italia.
Sin da subito, conosciuto Chicco al MacDay di Bologna si è fatto coinvolgere dalla sua vicenda e dai suoi amici, Carlo Caselgrandi e Carlo Filippo Follis. Ecco le sue risposte alle nostre domande.

ilMac.net: Chi sei, quale è il tuo rapporto con il Mac?

A. Venturi:
Sono Alessandro Venturi, più o meno conosciuto nell'ambiente Mac (e non) perché ho scritto un libro sul podcast ("Come si fa un podcast") e ho imparato a fare podcast proprio sul Mac.
Mi piace il Mac, lo uso moltissimo, ci lavoro e fa parte della mia vita. Mi trovo bene ma non sono a livelli estremi come alcuni fanatici della mela morsicata. Ultimamente lavoro all'interno di un importante negozio di San Marino che ha aperto un punto vendita a Bologna.
Diciamo che è entrato nel mio DNA.

ilMac.net: Cosa pensi delle potenzialità dell'informatica in relazione ai problemi dei disabili?

A. Venturi:
E' un mezzo importantissimo, è uno strumento.
Permette di "codificare" i segnali che i ragazzi "meno" abili (preferisco chiamarli così) vogliono esprimere.
Non deve essere un concetto enorme, ma anche la semplice frase "chiudi la finestra" per qualcuno poteva già essere un ostacolo, ora ci sono mezzi per comunicare la medesima frase nello stesso tempo di una persona abile.
Prendiamo l'esempio di Chicco, con il Mac scrive, comunica, pubblica, cosa che prima, senza computer sarebbe stato quasi impossibile.

ilMac.net: Il Mac in tal senso è particolare? Perchè?

A. Venturi:
Permette di fare le cose più semplicemente rispetto ad altri computer. Ha un'interfaccia più intuitiva che è fondamentale quando non si possono utilizzare tutte le periferiche quali tastiere e mouse.

ilMac.net: Cosa è per te il Podcast? Come cambia la fruizione delle notizie e delle informazioni?

A. Venturi:
Il podcast è un sistema che ha fatto parlare di se, come nuovo sistema di comunicazione.
Ha permesso a molti di poter fare cose che prima erano possibili solo ad un numero limitatissimo di persone.
Le notizie vengono divulgate con mezzi diversi e il podcast ha aiutato la fruizione per chi non poteva disporre di quelle informazioni in quei determinati tempi.

ilMac.net: Che ruolo ha la "comunità Mac" nel catalizzare le energie necessarie per raggiungere i tuoi obiettivi?

A. Venturi:
Io mi sono sempre fatto le ossa cercando di capire da solo.
La comunità Mac mi ha molto aiutato nel momento del bisogno così come è molto presente quando c'è da divertirsi.


Data di pubblicazione: 22-11-2006
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.