Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > Non ci capisco un Cube!


Non ci capisco un Cube!

Racconto di una storia vera

Chi di noi utenti Mac può dire di non aver mai cercato di portare un utente Windows sulla buona strada?
Ok, chi può dire di non averlo fatto più di 10 volte?
E chi può dire di esserci riuscito?
Per quanto mi riguarda, ho cercato di convertire migliaia di utenti Windows, ma purtroppo, in questo mondo regna il conformismo, non il Think Different.
Quando ci sono riuscito per la prima volta, circa due mesetti fa, ero orgoglioso più che mai di essere diventato un vero Evangelista del Mac! Infatti, ero finalmente riuscito a convincere mio zio Elio (colgo l'occasione per salutarlo) a mollare quel suo dannatissimo PC per passare ad un Mac. L'ho naturalmente assistito nella scelta del modello, e alla fine ha acquistato il modello che (nel bene e nel male) sta diventando l'icona di Apple in questo periodo: un PowerMac G4 Cube con Apple Studio Display.
A parte il fatto che ho cominciato a tremare per l'invidia (certo quel mostro non ha niente a che vedere con il mio buon "vecchio" iMac 333), sono cominciati a sorgere i primi guai.
Nemico storico della confusione e quindi dei cavi, mio zio ha chiesto di Airport, ma quando il rivenditore gli ha spiegato che sarebbe stato costretto a pagare mezzo milione all'anno di tasse per tenerselo (viva l'italia…poi si chiedono come mai il nostro Paese è peggio del terzo mondo in ambito tecnologico) ci ha ripensato…
Ma vabbè, fa niente. In fondo lo avrebbe avuto con qualche cavo in più, ma un Mac è pur sempre un Mac, è un'opera d'arte di design come il Cube resta tale anche con due o tre cavetti in più!
Finalmente glielo vengono a montare a casa. Mio zio, contentissimo lo accende e (in perfetto stile nuovo utente mac) si sente subito a casa sua e impara ad utilizzarlo dopo 5 o 10 minuti. Dopo 15 minuti… blong! Il Cube si riavvia da solo! Mentre lavorava, così, senza alcuna spiegazione! Ok, forse è nuovo, magari è successo qualcosa, fa niente. Allora aspetta che appaia la scrivania, ma quando ce l'aveva quasi fatta: blong! Ed eccolo che si riavvia di nuovo. "Ma porca miseria, adesso chiamo mio nipote e gli dico che me li rimborsa lui i soldi!".
Sconsolato ricevo la sua telefonata, in cui mi racconta il fatto: mai stato più imbarazzato in vita mia. "Vabbè…ehm…non so…a me questo non era mai successo…prova a contattare il rivenditore". Lui mi risponde che il rivenditore lo aveva già contattato, e indovinate cosa ha fatto! Gli ha inviato una e-mail in cui gli spiega come aprirsi il computer ed aggiustarselo da solo!!!
Ah… come sono lontani i bei tempi (oops… parlo come mio nonno) in cui io da solo a 9 anni montai il mio buon vecchio LC II e imparai ad usarlo dopo 5 minuti col bellissimo dischetto "Benvenuto in Macintosh"(qualcuno se lo ricorda?) in dotazione col System 7.
Mah, Apple, cara Apple…spero che l'evoluzione della tecnologia e del design nei nuovi prodotti non porti ad una drastica perdita della loro storica affidabilità e facilità d'uso. Intanto, per quel che mi riguarda, la prossima volta che avrò una discussione con qualcuno dell'altra sponda (nel senso che usa un altro OS), mi limiterò a dirgli che io mi tengo il mio iMac, ma non gli consiglierò di certo un Cube!

P.S. Se qualcuno ha riscontrato lo stesso tipo di problema con un Cube, può scrivermi, o se preferite,… direttamente a mio zio Elio! (Ndr. questo problema è già stato rilevato su diversi Cube)



Data di pubblicazione: 08-11-2001
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.