Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > La casa tecnologica


La casa tecnologica

Nuove soluzioni per migliorare la casa e la vita

Le nostre case sono l'obiettivo dichiarato di moltissime aziende che puntano, in modo più o meno diretto, a conquistare una fetta sempre maggiore dell'intrattenimento domestico. Da molto tempo, oramai,non esiste più solo la Televisione come mezzo di svago, ma vi si sono affiancati, con il tempo, molti altri apparecchi. Il lettore DVD, il decoder digitale, lo stereo, magari legato oggi ad un iPod, una console per videogiochi.
Tutto scoordinato, spesso gestito con logiche diverse, interfacce tremende (l'iPod fa eccezione) e poco gestibile e coordinabile.

Non che tentativi non ne siano stati fatti nel corso degli anni, ma, se guardiamo le case di oggi, in termini di gestione "automatizzata", non troviamo passi avanti rispetto a 20 anni fa. Perché non è possibile gestire il vostro riscaldamento autonomo dal vostro computer? Oppure la registrazione del vostro programma preferito? O ancora la gestione dell'illuminazione domestica?
Sia chiaro che questa possibilità esiste, ve ne sono delle prove, tuttavia, guardando il livello di diffusione delle stesse si capisce come, di passi avanti, ne siano stati fatti davvero pochi.
La domanda, a questo punto, è: Perché?

Le motivazioni possono essere diverse e tutte probabilmente ci raccontano un pezzo di verità.
  1. E' complicato gestiresistemi così diversi e con specifiche così variabili come possono essere gli elettrodomestici, gli impianti di illuminazione, i televisori, i lettori DVD ecc.
  2. Non si vedono vantaggi in una gestione di questo tipo
  3. Il costo di realizzazione di una "casa" intelligente è ancora molto elevato
  4. Probabilmente non vi sono sul mercato soluzioni semplici che rendano questo procedimento alla portata di molte tasche.
Ho visto in giro molte cose interessanti in questi ultimi anni e di alcune, quotidianamente, vedo applicazioni pratiche che reputo interessanti. Un pannello di controllo per gestire l'illuminazione, il carico elettrico, il riscaldamento ed il condizionamento, il tutto con semplici bottoni. O ancora gente che ha impostato gli ipod come orologi e gestori degli appuntamenti e che ha sfruttato queste funzionalità anche per gestire i programmi TV e le loro registrazioni.
Tuttavia la stragrande maggioranza di chi legge ha, probabilmente, le stesse "sensazioni" di impotenza o ancora peggio non ha realizzato che vi sarebbero tante possibili applicazioni utili per le nuove tecnologie nell'ambiente domestico.

Il futuro: deve ancora arrivare

Ogni tanto leggiamo articoli che magnificano innnovazioni domestiche "rivoluzionarie". Ma ho come l'impressione che, su questa strada, non ci siamo ancora incamminati. La verità, forse, è un'altra il costo di questi sistemi è ancora troppo elevato per le possibilità delle persone che vedono, nella casa, una fonte di costi, più che una potenziale fonte di investimento.
Guardiamo quanti sono gli elettrodomestici troppo vecchi che abbiamo in casa e quanto consumano rispetto ad uno nuovo, potremmo scoprire che, sostituendolo, avremmo un prodotto migliore che, in 3-4 anni si ripagherebbe da solo con i minori consumi, eppure nessuno lo fa o quanto meno molti meno di quanti ne trarrebbero beneficio.
Allora se una cosa così "banale" è tanto poco sentita, chi potrà essere l'acquirente della "casa automatica"?

La risposta non è semplice, investire spesso è un'attività poco sentita, tuttavia, anche in Italia, così come nel resto d'Europa sta crescendo sia la sensibilità ambientale sia la ricerca di semplicità di gestione della vita domestica ed è questo un mercato che non potrà che crescere negli anni a venire con l'avvento di nuovi "consumatori" sul mercato.
Certo 20 anni non sono serviti a fare molti passi avanti e questo dovrebbe spingerci al pessimismo, tuttavia noto un rinnovato vigore nella ricerca di questo mercato potenzialmente molto vasto. I produttori di elettrodomestici come Merloni, sono impegnati su questa sfida, ma aziende come Apple (vedi anche il venturo iTV) o Microsoft (con le sue soluzioni software) puntano con modalità e soluzioni diverse ad avviare questa "rivoluzione".

Magari non arriveremo mai alla casa intelligente che abbiamo visto anche in molti film di fantascienza, ma sarebbe già un bel passo in avanti se divenissero meno "stupide" di oggi. Non credete?
Spero di ricevere vostri commenti ed osservazioni, l'email la conoscete.


Data di pubblicazione: 16-02-2007
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.