Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Archivio > La fine ufficiale del MacOS 9


La fine ufficiale del MacOS 9

Jobs e gli annunci dell' Expo di Parigi sul MacOS 9

MacOS 9 è morto e sepolto.

Steve Jobs l'aveva detto, il MacOS 9 è morto e non ha perso nessuna occasione per ribadirlo a partire da Maggio quando l'annunciò alla conferenza mondiale degli sviluppatori, passando poi per il MacWorld di NewYork e, poi, ai giorni scorsi, con l'annuncio dato a Parigi.

Ma cosa ha annunciato Jobs a Parigi? E perchè è così importante ?

Steve Jobs ha affermato che, a partire dal 1° Gennaio del 2003 tutte le nuove macchine rilasciate da Apple non consentiranno più l'avvio dal vecchio sistema operativo. L'unico supporto al MacOS 9 rimarrà l'implementazione di Classic inserita attualmente in MacOS X. Quindi chi oggi continua a lavorare esclusivamente con il vecchio sistema potrà aggiornare la propria macchina fino ai prodottti presentati di recente e presenti a listino al 31 Dicembre di quest'anno.

Cosa è cambiato rispetto alla situazione ante Parigi?

In teoria poco, in pratica molto. Infatti se si sapeva che Apple, con il rilascio di MacOS X ed ancor di più con il rilascio di Jaguar (Mac OS X 10.2), aveva sostanzialmente lasciato nell'ombra e condannato all'oblio il suo vecchio sistema operativo, tuttavia non aveva ancora deciso di tagliare con il passato togliendo il supporto al MacOS 9 sulle sue macchine.
Dal prossimo Gennaio non sarà più così ed i motivi di questa scelta possono essere tanti.

I motivi di un abbandono

Apple potrebbe aver deciso di chiudere la porta al MacOS 9 per una serie di necessità e di calcoli strategici:

  1. Maggiore sicurezza. MacOS X è un sistema estremamente stabile e sicuro, tuttavia la possibilità concessa di avviare la stessa macchina con un sistema completamente diverso lo rende estremamente vulnerabile. Adesso che Apple punta molte delle sue carte anche su questo aspetto non può continuare a lasciare aperta questa porta incustodita.
  2. Maggiore focalizzazione. Poter dedicare tutte le risorse al nuovo sistema operativo è un vantaggio estremamente chiaro. Non doversi preoccupare di un sistema oramai superato consentirà di procedere con maggiore decisione sulla strada dello sviluppo e del miglioramento continuo di MacOS X. Inoltre anche gli sviluppatori cesseranno di supportare, nelle nuove versioni il MacOS 9, sfruttando così a pieno lenuove caratteristiche di stabilità e velocità di X, nonchè la possibilità di utilizzare davvero il multiprocessing.
  3. Pressing sugli sviluppatori. Benchè MacOS X sia stato accolto bene da molti utenti e da tantissimi sviluppatori, soprattuto provenienti dal mondo Unix, tuttavia è rimasto indietro in alcuni dei campi in cui Apple può contare, ancora oggi, su una fortissima posizione, mi riferisco in particolare al mondo della musica e del desktop publishing.
    Nel primo caso Apple ha acquisito un'azienda impegnata nel settore ed ha così rivoluzionato le carte in tavola, spingendo, realisticamente, gli altri operatori ad accelerare il porting dei loro programmi sotto X.
    Nel campo del desktop publishing, il problema è diverso. Quark, il leader indiscusso con il suo Xpress, ha fino ad oggi praticamente snobbato il nuovo sistema operativo, costringendo, in pratica, buona parte dei suoi utenti a rimanere indietro. Questa mossa costringerà l'azienda ad accelerare i suoi progetti; per aggiungere un po' di urgenza al lavoro dei programmatori della Quark, Apple ha lanciato negli USA e si spera lo farà in Europa un'offerta sull'acquisto dei nuovi G4 con una copia di Indesign in bundle.
  4. Nuove macchine in arrivo. Questo sembra un ulteriore ottimo motivo per abbandonare il MacOS 9. E' realistico pensare che nel corso del 2003, forse già al prossimo MacWorld di Gennaio, possano arrivare nuove macchine, nuove schede madri per i portatili e, soprattutto, nuovi microprocessori. Apple abbandonando oggi il MacOS 9 si dovrà preoccupare di far funzionare le nuove macchine solo con il suo sistema principale e spingerà ancor di più i nuovi utenti a migrare verso MacOS X. Potrà a questo punto far fare quel balzo in avanti nelle dotazioni di serie che servirà per riportarsi all'avanguardia nelle prestazioni effettive.

Che ne sarà di MacOS 9?

E' certo, ormai dalle parole di Jobs che non verrà più sviluppato come sistema a sè, tuttavia sarà ancora supportato ed il Classic potrebbe ricevere un ulteriore aggiornamento per aumentarne la compatibilità e le prestazioni.
Tuttavia appare chiaro a tutti che Apple ha oramai aumentato la velocità di allontanamento dal vecchio sistema ed è quindi consigliabile, per tutti, cominciare ad avvicinarsi al MacOS X per non trovarsi, all'improvviso, tagliati fuori rispetto al resto dell'industria informatica.

Il 2003 sarà il vero anno 0 ?

MacOS X è cresciuto ed oggi è divenuto una vera alternativa al MacOS 9, di questo almeno sono convinti Jobs ed il suo gruppo tanto da scomettere che, entro il prossimo Gennaio, le cose che ancora mancano saranno messe a punto ed ottimizzate.

Il mio consiglio, per chi è ancora rimasto con il MacOS 9 è questo:
Se usate il vecchio sistema con periferiche non ancora supportate cominciate a considerare di aggiornare le vostre attrezzature e pressate le aziende che ancora non hanno aggiornato i loro prodotti a farlo.
Se le periferiche sono supportate vi consiglio di provare il MacOS X perchè oggi è estremamente maturo. Poi, come sempre, chi vivrà, vedrà!

Alla prossima.



Data di pubblicazione: 16-09-2002
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.