Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Archivio > MacOS X beta: è giusto pagare?


MacOS X beta: è giusto pagare?

Apple vende una versione beta del suo MacOS: è giusto o sbagliato?

Dopo una lunga attesa Apple ha finalmente rilasciato la beta di MacOS X, il sistema operativo di prossima generazione, che porterà i macintosh, questa è la promessa, verso nuove dimensioni dell'informatica. La buona notizia, data da Steve Jobs al mondo nel corso dell'EXPO tenutosi a Parigi la settimana scorsa, è stata però accompagnata da una decisione che a molti è suonata offensiva, cioé: la beta sarebbe stata messa in vendita, solo tramite l'Apple store, per 30$, con il cambio attuale circa £.80.000.

Ma è giusto far pagare una beta del sistema operativo? Non era più giusto farsi pagare solo i costi di distribuzione e di duplicazione dei Cd-Rom, dando la possibilità a chi lo desiderasse di scaricarla liberamente da Internet?
Ammetto di essere tra quelli che, almeno inizialmente, ha accolto la notizia in modo molto sfavorevole e per una serie di ragioni:

  1. Apple copiava Microsoft in quello che tutti quanti abbiamo sempre denigrato, farsi pagare per sofware ancora in Beta, M. l'ha fatto con Windows 2000, sfruttando in pratica il lavoro delle persone per mettere a punto un prodotto e senza dare nulla in cambio.
  2. Il prezzo alto avrebbe disincentivato la prova e l'utilizzo del nuovo sistema e reso quindi meno profonda ed intensa l'attività di beta testing.
  3. Con l'acquisto della versione Beta non solo non si acquisisce alcun diritto a ricevere la versione definitiva di MacOS X con uno sconto, ma, leggendo le specifiche e gli accordi di licenza, si scopre che se entro il 15 Maggio dell'anno prossimo non sarà acquistata la versione definitiva i dati rimarranno come "ostaggio" della beta obbligando l'utente ad acquistare il nuovo sistema.

Poi, come sempre accade, ho riflettuto un po' sulla situazione ed ho concluso che, sebbene la scelta non era pienamente condivisibile, Apple non aveva tutti i torti. Infatti, se è vero che far pagare una Beta non è corretto è anche vero che il prezzo chiesto non è elevato.

Ritengo che la scelta sia stata fatta, oltre che per mettere un po' di denaro in cassa, che non fa mai male, anche per tagliare fuori da questa fase di prova, tutti gli utenti inesperti che avrebbero montato X, tanto per godersi l'ultima novità arrecando ad Apple un grosso danno d'immagine; infatti molti avrebbero detto: Ho montato l'ultimo sistema operativo di Apple e mi ha fatto questo, Apple è un'azienda poco seria, rilascia prodotti che non funzionano e così via.

Riguardo la scelta di Apple di non promettere un prezzo particolare a coloro che acquistino la beta, penso che, come nel caso precedente, questo sia fatto per disincentivare le persone poco esperte ad usare X; sono sicurissimo che, se un utente segnalerà dei bachi interessanti, otterrrà lo sconto sul prezzo d'acquisto se non addirittura la versione definitiva gratis.

Non nego che sono emozionato dalla prospettiva di mettere le mani e "provare" in anteprima il nuovo sistema, ma sono anche consapevole che, nonostante l'attenzione e la cura posta nella realizzazione del prodotto è pur sempre una beta e dovrò stare attento. Quanto alla decisione di dare una scadenza alla beta, beh, questo è ovvio, una beta è un prodotto di transizione, quando il prodotto definitivo viene rilasciato o si acquista quest'ultimo (pagando la somma richiesta) o lo si abbandona.

A proposito di MacOS X, attendetevi una grande novità nei prossimi giorni, ma non posso rivelarvi altro.



Data di pubblicazione: 23-09-2000
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.