Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > Le interfaccie grafiche


Le interfaccie grafiche

Una grande opera di nome: Aqua

E' notizia di pochi giorni fa la chiusura ed il fallimento della società Eazel, fondata da alcuni tra i migliori programmatori del mondo, compresi molto degli ideatori dell'interfaccia grafica del macintosh.
Ma perchè fa tanto notizia la chiusura di una società semisconosciuta?
Il motivo è molto semplice ed è una storia che coinvolge MacOS X, Aqua e tutto il mondo Unix.

Unix: solo l'essenziale

Il mondo Unix ha sempre avuto come caratteristica base la solidità ed una complessità abbastanza alta. Unix, nato per operare in ambienti complessi come quelli delle Università e delle grandi aziende, ha sempre mantenuto la sua interfaccia iniziale basata su una lunga serie di comandi da digitare sulla tastiera. Questa situazione se consente una grande flessibilità ed un notevole controllo su tutte le operazioni da svolgere, anche le più complesse, ha sempre reso il sistema molto difficile da usare e poco "amichevole" soprattutto per tutti gli utenti poco avvezzi alle complessità ed alle difficoltà insite nell'utilizzo dei personal computer.
La scelta di un'interfaccia scarna si rendeva anche necessaria perchè i primi computer erano poco potenti ed era necessario sfruttare tutta la loro potenza per effettuare i calcoli.

L'interfaccia grafica

La grande intuizione dei creatori del Macintosh, nel lontano 1984, era che un'interfaccia grafica poteva offrire quasi tutte le possibilità di un'interfaccia a caratterti, ma allo stesso tempo consentire un utilizzo del computer a tutta quell'insieme di persone che mai si sarebbero avvicinate a sistemi così complessi e poco intuitivi o "facili".

Il trionfo della "Scrivania"

E' semplice oggi notare che l'interfaccia grafica ha trionfato su quella a caratteri grazie alle caratteristiche di intuibilità e semplicità. La stragrande maggioranza dei computer è oggi dotata di interfacce più (Macintosh) o meno (Windows) belle e semplici.
Inoltre il forte incremento nelle prestazioni dei computer rende oggi facilmente accettabile un piccolo decadimento delle prestazioni, in cambio di un "ambiente" di lavoro più facile ed intuitivo.

Alla conquista del mondo Unix.

Da alcuni anni vari progetti puntano a sviluppare un'interfaccia grafica per il mondo Unix. L'impresa, perchè di questo si tratta, è stata tentata con alterna fortuna da molti programmatori e da piccole o grandi imprese.
Beh oggi, Apple è riuscita, con la sua interfaccia Aqua a realizzare quello che invano da anni progetti grandi come Gnome agognavano. Certo Aqua non è perfetta, ha ancora molti difetti di funzionamento, soprattutto nel campo della velocità, ma si può affermare, senza dubbio, che Apple oggi dispone della tecnologia più avanzata disponibile sul mercato.

Criticare sì, disperare no.

Sin dall'inizio la maggior parte delle critiche su MacOS X si è concentrata sull'interfaccia grafica, ma quello che molti hanno sottovalutato è che in quasi 30 anni di esistenza le interfacce grafiche in ambiente Unix sono state pochissime e nessuna disponibile su computer diffusi al grande pubblico. Creare interfacce grafiche non deve essere così facile se anche gente molto esperta del ramo, come i fondatori di Eazel e creatori di Nautilus, prima versione del loro ambiente grafico, hanno dovuto gettare la spugna.
Comunque Apple oggi è divenuta la più avanzata azienda software nel campo delle interfacce grafiche in ambiente Unix e, se saprà far fruttare questo vantaggio, il suo futuro sarà finalmente roseo.

Se avete domande, scrivetemi pure e alla prossima volta.



Data di pubblicazione: 22-05-2001
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.