Percorso: ilMac.net > Macopinioni > Articoli > L'ottimismo è il profumo della Mela


L'ottimismo è il profumo della Mela

Riflessioni di fine anno sul mondo Apple

Il 2004 sta per lasciarci. Un altro anno di Mac, un altro anno di mele. Mele che si moltiplicano dappertutto. Basta pensare al numero di pubblicità e articoli a tema sui giornali che sono apparsi negli ultimi mesi, o alle affissioni pubblicitarie nella metro di Milano e Roma. La moltiplicazione del numero di persone con cuffiette bianche in giro per le strade, degli Apple Center e, non ultimo, del prezzo delle azioni Apple: triplicato in dodici mesi. Un anno splendido per Cupertino. Sia dal punto di vista della visibiltà del marchio, che sotto l’aspetto finanziario: utili elevati, zero debiti e qualcosa come 5 miliardi di dollari di liquidità.

Apple e iPod

Un successo trainato da iPod, che da gingillo hi-tech per pochi eletti, in tre anni, è diventata una vera e propria moda. Se il 2003 di Apple è stato “l’anno del portatile”, la parola chiave dell’anno in chiusura, è senz’altro “diversificazione”. Una azienda hi-tech che cambia in parte pelle e si avvicina allo stile di Sony degli anni Ottanta, lanciandosi con successo in un campo dove, dal crollo di Napster, nessun’altra azienda ha avuto tanto successo: la musica digitale. L’iTunes Music Store, dal giorno del suo lancio (aprile 2003) ad oggi, ha venduto oltre duecento milioni di canzoni. Da un calcolo approssimativo, 2 canzoni su 3 vendute su Internet, passano da Cupertino. Rimanendo in tema, ma spostandoci sull’hardware - senza nulla togliere ai G5 - la rivoluzione si chiama iPod. Dal classico modello bianco rinnovato con Clic Wheel, all’iPod mini, passando per la versione special U2. Per il lettore mp3 più amato al mondo, sono anche nati un'infinità di accessori utili (le casse esterne) o meno utili (gli iPodSocks), ma tutti ricercati e sempre cool come solo Apple sa fare. Stando alle statistiche, più o meno ufficiali che siano, iPod sarà uno dei regali più gettonati per il Natale 2004. Un successo tale da spingere Apple a creare una divisione interna dedicata al player digitale, con a capo Jon Rubenstein. L’iPod segna, come e forse più dell’iMac una nuova tappa nella storia dell’informatica di consumo. Un altro successo marchiato con la mela mordicchiata e firmato Steve Jobs.

Ma veniamo a noi

A questo punto chiudiamo la parentesi su Apple e passiamo a stilare un “bilancio” di fine anno relativamente al nostro portale. Anche il 2004 è stato un anno positivo e di crescita. Abbiamo deciso di dare più spazio alle news, curate impeccabilmente dal nostro Marco Freccero, recentemente coadiuvato dalla new entry Steve Mezzadri. Ad arricchire lo staff con i suoi tutorial tecnici dettagliati, anche Mattia Saccucci, che si è meritato l’appellativo di “smanettone del team”. E, a giudicare dai numeri, queste scelte hanno riscosso un apprezzamento da parte degli utenti. Nel mese di novembre, abbiamo servito 20.000 pagine al giorno, visitate da circa 3.000 utenti unici, sempre su scala giornaliera. Il numero di amici che segue la nostra newsletter settimanale è balzato a 2200 iscritti, e il forum si avvia a quota 900 registrati. E con il 25 dicembre ilMac.net compie sei anni di vita. Sei anni di crescita ininterrotta. Sei come il numero di componenti dello staff attuale, più tanti collaboratori (Gabriella, Andrea, Guido, Emanuele) e tantissimi amici sul forum. Da MacEdonia a ilMacBar i messaggi viaggiano fluidi sugli schermi dei nostri Mac. E, a volte, lasciano spazio a qualcosa più che un contatto virtuale o un semplice domanda-risposta tecnica. Ci siamo proposti un 2005 all’insegna del rinnovo. Le novità in serbo per i nostri lettori sono molte, lo staff è affiatato e la passione non manca. Stay iTuned.

Un grazie a tutti

Quando leggerete queste righe, sarete senz’altro presi tra spumante e pandori, ma prima di lasciarvi ai meritati festeggiamenti, concedetemi un ringraziamento ai nostri sponsor Pantarei Srl, Neamedia e Google che anche quest’anno ci hanno supportato, continuando a rendere possibile un’informazione libera e gratuita. Perchè per noi, -con buona pace di Tonino Guerra- l'ottimismo è il profumo della Mela.

RingaziandoVi, lo staff di ilMac.net Vi augura un radioso 2005.



Data di pubblicazione: 23-12-2004
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.