Percorso: ilMac.net > La Rete > Spiegazioni > Fastweb su Mac


Fastweb su Mac

Il banco di prova

Leggete cosa è successo dopo la pubblicazione di questo articolo!

A distanza di quasi un anno dal mio precendente articolo in cui riportavo l'esperienza con FastWeb di Paolo Zellner, ora ho avuto la possibilità di sperimentare la connessione in fibra ottica in prima persona. Eccomi qui a raccontarvi la mia esperienza, dalla telefonata al servizio informazioni fino alla configurazione del Mac.

La richiesta del servizio
Il 13 settembre effettuo una telefonata al servizio informazioni Fastweb, che risponde al numero 192.192. Dopo circa mezz’ora di attesa mi mettono in contatto con un simpatco operatore. Gli dico che ho intenzione di abbonarmi e, una volta comunicati tutti i miei dati via telefono, compila il contratto per me. Dopo soli venti minuti, trovo nella mia casella e-mail il contratto in formato .pdf pronto per essere stampato, firmato e spedito a Fastweb.
Verso i primi di ottobre, non avendo ricevuto alcuna risposta, ricontatto il 192.192 e chiedo spiegazioni. Mi dicono che la procedura per l’attivazione del mio abbonamento è a buon punto e che si faranno vivi appena possibile. Dopo due giorni mi telefonano e fissiamo un appuntamento per il 15 ottobre alle ore 14:00. Una volta tanto, i due tecnici, invece di presentarsi in ritardo, si presentano con largo anticipo alle 12:30, previo avviso in prima mattinata.

Il cablaggio dell'appartamento
Impiegano circa un’ora per portare il cavo di fibra ottica dalla cantina al corridoio del mio appartamento, sfruttando le canaline Telecom preesistenti. In seguito installano una piccola cassetta chiamata HAG (Home Access Gateway) nei pressi di una presa di corrente, dato che quest’ultimo deve essere alimentato di continuo. Nel giro di un’ora ci siamo quasi: dopo aver spostato qualche mobiletto per agevolare i lavori e aver fissato il cavo sulle cornici delle porte con il silicone caldo, alle 14:30 tutto è pronto. Il cavo di fibra ottica con involucro grigio e presina Ethernet è li nei pressi del mio iMac LCD, ma la prima prova spetta ai tecnici.

Installazione software
Dopo i vivi complimenti per l’estetica della mia macchina, i tecnici sfoderano un Toshiba portatile con Windows XP per testare che tutto funzioni correttamente. Ed in effetti tutto va alla grande. Mi consegnano il CD con il software da installare, ma nel mio caso non serve proprio a nulla grazie all’estrema semplicità di configurazione Network di MacOS X, di cui vi parlerò in seguito. Comunque, per chi è alle prime armi viene fornita una utile guida di riferimento passo-passo alla configurazione di MacOS 9 e di Mail. Sbalordisco un po’ i tecnici mostrandogli X e la semplicità di configurazione senza inserire il CD, firmo il certificato di avvenuta installazione della fibra, saluto ma... mi mancano UserID e Password per accedere ai servizi Fastweb come RaiClick. Telefono quindi al 192.193 (Servizio Clienti) e dopo un’attesa estenuante di mezz'ora, mi risponde una centralinista molto cordiale che mi comunica le due chiavi di accesso in pochi minuti. A quel punto sono circa le 15:30: quando apro Opera e inizio con i test...

Speed Test
Apro la home page di Apple nel giro di 4 secondi di orologio. Nella navigazione sul web le performance non sono iperboliche, e chi ha già provato l’ADSL non noterà molta differenza. Ma le prime differenze rispetto all'ADSL non tardano a farsi notare: faccio un salto su Version Tracker per scaricare qualche utility e il Download Manager mi parte a scaricare a 300/400 KBytes al secondo! Se i file sono di 1 MByte molto spesso non faccio neanche in tempo a vedere la barra di scaricamento che il file è già li’ sul mio disco!!
E ora la parola alle immagini che, come si suol dire, valgono più di mille parole:

Il download di ICQ

Quello di iSync dai veloci server di Apple

Il trailer in streaming QT6 di Hulk (25 fps al secondo)

Dopo qualche download mi fiondo a testare ICQ, e sfato la leggenda secondo cui questo programma non funziona con Fastweb: trovo Antonio on line e chattiamo senza problemi. Cambio l’SMTP in Mail e scambio e-mail alla velocità della luce, dato che i 10 Mbit (10 Mbit/sec = 1,25 MByte/sec) al secondo sono sia download che in upload, a differenza delle linee DSL, dove il flusso di dati verso la Rete è molto limitato rispetto al downstream.
In seguito mi collego al sito RaiClick.it, sezione del sito Fastweb riservata agli abbonati dove è possibile vedere alcuni filmati tratti dall’archivio RAI: da SuperQuark a Mediamente, dallo speciale su Pinocchio di Benigni all’ultimo TG. La qualità dei filmati visualizzati in streaming non è molto elevata ed assolutamente inferiore rispetto alle reali potenzialità delle connessione in fibra, e non è neanche basata su QuickTime... Ma -sorpresa!- cliccando sulla sezione “Movie Trailers” di RaiClick, si accede alla pagina dei trailers situati sui server Apple. E qui, grazie al supporto MPEG4 di QuickTime 6, la qualità si eleva molto: filmati visualizzati a 25 fotogrammi al secondo in streaming con tempi di caricamento quasi inesistenti.

L’abbonamento
Ho sottoscritto l’abbonamento “Tutto Senza Limiti”, cioè connessione ad Internet 24 ore al giorno a 10 Mbit/sec, più tutte le chiamate urbane ed interurbane incluse nel prezzo: il tutto a 85 € al mese. Ho potuto anche avvantaggiarmi dell’offerta che prevede i primi 4 mesi di abbonamento a metà prezzo, così che fino a febbraio pagherò soltanto 42,5 € al mese. Il costo dell’attivazione è di 95 €, mentre L’HAG è in comodato d’uso. Segnalo che, purtroppo, rispetto al mese scorso, il canone mensile di questa tipo di abbonamento, ha subito un aumento di 10 €, portandosi dai precedenti 75 €, agli attuali 85 €. La stessa cosa è avvenuta, seppur se con modalità differenti, anche per le altre tipologie di abbonamenti. Se volete restare sempre aggiornati, è sufficiente collegarsi con il sito di Fastweb.

L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.