la babele de ilMac.net...

Lo spazio per parlare, davanti a un drink, di tutto ciò che non è Mac, esclusa la politica ;-)

Moderatori: Collaboratori, ilMac.net Staff

la babele de ilMac.net...

Messaggioda andreafluid » mar set 09, 2003 10:53 pm

Dopo aver letto alcuni post devastanti di Samoa(onore a te)con palmy abbiao avuto l'idea di proporre un 3d,dove potete sfoggiare la lingua della vostra terra,il vostro dialetto!!!
Fatevi sotto,potete dire di tutto,ma sarebbe carino magari un piccolo pensiero verso la vostra terra,o la famiglia :D comunque vi lascio carta bianca :wink:
andreafluid
 

Re: la babele de ilMac.net...

Messaggioda Antonio » mer set 10, 2003 12:23 am

andrea_fluid ha scritto:Dopo aver letto alcuni post devastanti di Samoa(onore a te)con palmy abbiao avuto l'idea di proporre un 3d,dove potete sfoggiare la lingua della vostra terra,il vostro dialetto!!!
Fatevi sotto,potete dire di tutto,ma sarebbe carino magari un piccolo pensiero verso la vostra terra,o la famiglia :D comunque vi lascio carta bianca :wink:


Un vecchio proverbio:
Ti saccio piro all'uorto e zii prevete
Ti conosco pero nell'orto dello zio prete

Ieri piro e nun facivi pere, mo si santo come vo fa i miracoli?
Cambia il mondo una persona alla volta
Avatar utente
Antonio
Staff - Amministratore
 
Messaggi: 1851
Iscritto il: dom nov 11, 2001 2:00 am
Località: Avellino

Messaggioda samoa » mer set 10, 2003 1:21 am

Scusate,visto che sono stato chiamato in causa,saro' ancora piu'
devastante,con una poesia di Trilussa,sperando che il tema ci faccia sempre riflettere ,e che purtroppo si presenta sempre dalle origini dell'uomo,come fosse una maledizione.

"NINNA NANNA DELLA GUERRA"

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vò la zinna :
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfarello
Farfarello e Gujermone
Che se mette a pecorone,
Gujermone e Ceccopeppe
Che se regge co’ le zeppe,
co’ le zeppe d’un impero
mezzo giallo e mezzo nero.

Ninna nanna, pija sonno
ché se dormi nun vedrai
tante infamie e tanti guai
che succedeno ner monno
fra le spade e li fucili
de li popoli civili…

Ninna nanna, tu nun senti
li sospiri e li lamenti
de la gente che se scanna
per un matto che commanna;
che se scanna e che s’ammazza
a vantaggio de la razza…
o a vantaggio d’una fede
per un Dio che nun se vede,
ma che serve da riparo
ar Sovrano macellaro.

Ché quer covo d’assassini
che c’insanguina la terra
sa benone che la guerra
è un gran giro de quatrini
che prepara le risorse
pe’ li ladri de le Borse.


Fa’ la ninna, cocco bello,
finché dura ‘sto macello:
fa’ la ninna, ché domani
rivedremo li sovrani
che se scambieno la stima
boni amichi come prima.
So’ cuggini e fra parenti
nun se fanno comprimenti:
torneranno più cordiali
li rapporti personali.

E riuniti fra de loro
senza l’ombra d’un rimorso,
ce faranno un ber discorso
su la Pace e sul Lavoro
pe’ quer popolo cojone
risparmiato dar cannone!

TRILUSSA -Ottobre 1914

note:
zinna = La poppa.
Farfarello = Il diavolo.
Gujermone = Guglielmo II.
Ceccopeppe=Francesco Giuseppe.
Il piu' bello dei mari é quello che non navigammo.
Il piu' bello dei nostri figli non é ancora cresciuto.
I piu' belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti.
E quello che vorrei dirti di piu' bello non te l'ho ancora detto.
Avatar utente
samoa
ilMac.net Lover
 
Messaggi: 2346
Iscritto il: ven apr 25, 2003 4:28 am
Località: Roma

Messaggioda Rider » mer set 10, 2003 9:14 am

x nn si accontenta mai ...

Sul puse' bel del cagaa, finis la merda !!!
Rider
 

Messaggioda Rider » mer set 10, 2003 9:32 am

Mej un ratt in buca al gatt
che un cristian in man a un aucat

Ovvero...
Meglio un topo in bocca ad un gatto
che un cristiano nelle mani di un avvocato
===========================
Acqua e danee, hin mai asee

Ovvero...
Acqua e soldi non bastano mai
===========================
Sensa vurèe la lüna
Per impienì la cardensa
Var püssee un got de furtuna
Che un mastel de sapiensa

Ovvero...
Senza desiderare l'impossibile
per riempire la credenza
val più un goccio di fortuna
che un mastello di sapienza
===========================

E ora indovinate cosa vuol dire questo

Tì ca ta tachet i tac
tacum i tac.
Mi tacat i tac a tì
ca ta tachet i tac?
Tachesi tì i to tac
che mi ma tachi i me tac



Tutte queste e tante altre colse interessanti, relativamente al dialetto milanese, le trovate qui http://www.scienafregia.it/
Rider
 

Messaggioda Federico » mer set 10, 2003 12:28 pm

RiderGian ha scritto:E ora indovinate cosa vuol dire questo

Tì ca ta tachet i tac
tacum i tac.
Mi tacat i tac a tì
ca ta tachet i tac?
Tachesi tì i to tac
che mi ma tachi i me tac


Allora, ci provo..

Te che ti sei attaccato i tacchi,
attaccami i tacchi.
Io ho attaccato i tacchi a te,
tu hai attaccato i tacchi?
Attaccateli te i tuoi tacchi
che io mi attacco i miei tacchi

Mi sa che ho cannato la prima riga..
Avatar utente
Federico
iChatter ufficiale
 
Messaggi: 39
Iscritto il: mer set 03, 2003 1:01 am
Località: La Spezia

Messaggioda vibat » mer set 10, 2003 7:27 pm

RiderGian ha scritto:E ora indovinate cosa vuol dire questo

Tì ca ta tachet i tac
tacum i tac.
Mi tacat i tac a tì
ca ta tachet i tac?
Tachesi tì i to tac
che mi ma tachi i me tac



Tutte queste e tante altre colse interessanti, relativamente al dialetto milanese, le trovate qui http://www.scienafregia.it/


Tu che hai attaccato i tacchi
attaccami i tacchi
Io ho attaccato i tacchi a te
chè mi attachi i tacchi?
Attaccati tu i tuoi tacchi
che i mi attacco i miei tacchi.

Ce ditu Rider, si podje fà?
L'esie just?
Vadie ben?
:D :D :D

Vibat
Avatar utente
vibat
ilMac.net Lover
 
Messaggi: 741
Iscritto il: dom feb 03, 2002 2:00 am
Località: friuli

Messaggioda Ospite » mer set 10, 2003 11:43 pm

magna dla pida cl'é mei!!!

vero alderino?
Ospite
 

Messaggioda Rider » gio set 11, 2003 1:53 pm

RiderGian ha scritto:E ora indovinate cosa vuol dire questo

Tì ca ta tachet i tac
tacum i tac.
Mi tacat i tac a tì
ca ta tachet i tac?
Tachesi tì i to tac
che mi ma tachi i me tac



Federico e Vibat, ci siete andati molto vicini ... solo qualche piccola imperfezione !!!! Bravi!!!

E' una filastrocca/scioglilingua e parla di due calzolai ...

"Tu che attattchi i tacchi
attaccami i tacchi.
Io attaccare i tacchi a te
che attacchi i tacchi?
Attaccali tu i tuoi tacchi
che io mi attacco i miei tacchi !"
Rider
 

Messaggioda mouette » gio set 11, 2003 2:24 pm

La Pace di Ignazio Buttitta

La vitti ntra la vucca di Maria la paci,
ntra li capiddi biunni di so figghiu la paci,
sutta la cruci e supra di lu celu la paci.

La ntisi ntra lu cantu di l’aceddi,
ntra lu silenziu di li notti bianchi;
ntra li cimi di l’arbuli pusava,
calava nterra
e l’erba accarizzava,
vagnava li simenzi,
li radichi funnuti arrifriscava.

La vitti ntra lu chiusu di li mànnari
allisciari
lu pilu biancu di l’agneddi,
lu mantu di li voj,
la lana di li pecuri ammanzuti:
faceva lu ballettu
dintra la canna di lu friscalettu
di lu garzoni di lu picuraru.

Passava luminosa pi li campi
quadiannu lu jazzu a li cunigghi,
li tani di li vurpi;
si ngnuniava dintra li puddara
arraspannu lu pizzu a li gaddini
sparmannu l’ali a li ciocchi aggiuccati.
Trasìa dintra li casi
e, ntra lu scuru di lu sonnu,
li jnchìa di luci;
aggiustava lu velu di li nachi,
s’appujava la testa a lu capizzu
di l’omini abbattuti.

La vitti mmenzu di li campusanti
la paci,
addinucchiata vicinu li cruci,
parrava cu li morti senza vuci,
si l’abbrazzava senza vrazza e manu,
ci asciugava li lacrimi
senza panni e cuttuni.

La vitti all’alba
sciogghiri lu ncantu,

grapiri li finestri di lu munnu
cu la magia di la so putenza:
un salutu a lu suli,
un salutu a li stiddi,
dari cantu a l’aceddi,
sonu a li vattala,
suspiru a li venti,
tonu a li campani,
l’avvju a li mànnari,
lu friscu a li treni,
lu ciatu a li mantici,
lu focu a lu carbuni,
la forza a li mutura,
all’omini lu passu
e la spiranza.

Paci,
ca ti sucai la prima vota
dintra lu pettu bincu di me matri.
Paci,
ca ti liggìi ntra l’occhi d’idda
e ti tastai a li primi vasati.
Paci ca mi nzignasti cu la manu
a mòviri li pedi ad unu ad unu.
Paci,
ca m’arruspigghi a lu matinu
e mi porti lu sonnu di la sira.
Paci,
ca tuttu duni e nenti voi,
abbràzzati lu munnu
e lassa a mia.

Sfarda sta negghia
càrrica di sangu
chi passa pi lu munnu.
Li matri addinucchiuni
cu li carusi mbrazza,
chiàncinu e ti disìanu.
L’omini, li vrazza all’aria,
gridanu: paci!

Cummuogghia d’ali bianchi di palummi
lu celu d’ogni terra.
Avatar utente
mouette
Superchiacchierone
 
Messaggi: 453
Iscritto il: gio mar 14, 2002 2:00 am


Torna a ilMacBar

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron