RAGAZZI...

Lo spazio per parlare, davanti a un drink, di tutto ciò che non è Mac, esclusa la politica ;-)

Moderatori: Collaboratori, ilMac.net Staff

RAGAZZI...

Messaggioda Ospite » ven set 05, 2003 12:40 pm

...credo che le tossicodipendenze siano un problema davvero grave e nonostante tutto esistano posti dove possono curarvi....
in particolare mi riferisco a te, gottino mio, sai, la terapia di gruppo aiuta, parlane con altri come te, ti sentirai meno solo....
per gli altri me compreso, direi che potremmo chiedere lo sconto comitiva da qualcuno bravo, MA MOOOLTO BRAVO che possa farci vedere la fine del tunnel...
BASTA CON TUTTI QUESTI CANNABINOIDI, STIMOLANTI, NARCOTICI, EXTASY, COCAINA, BENZODIAZEPINE, ACIDI, e quant'altro....
finisce che ci legano! :-D
Ospite
 

Messaggioda gotto » ven set 05, 2003 12:49 pm

probabilmente, se tu rispecchiassi l'arte e la parte del tuo avatar, potresti essere proprio tu la mia medicina ideale...aimè...purtroppo, non posso contare nemmeno su di te...ma in crisi non ci vado MAI..hihihihiii 8) 8) 8)..let's spend the night togheter....now I need more than ever...lallalalalallalala.....
best regards! :wink:
take a lot!
gotto
Moderatore
 
Messaggi: 7810
Iscritto il: ven mar 22, 2002 2:00 am

Acculturiamoci in materia ....

Messaggioda Rider » ven set 05, 2003 1:25 pm

Ecco alcuni estratti dal libro del Dr. Albert Hoffman scopritore dei simpatici effetti sulla psiche prodotti dall'acido lisergico.

La scoperta dell'LSD

da "LSD il mio bambino difficile" di Albert Hoffman


--------------------------------------------------------------------------------

Albert Hoffman scopre i magici effetti della molecola di Lsd, per errore... ecco qui sotto descritto quel momento, a cui molti sono debitori...

Nella fase terminale, durante la purificazione e la cristallizzazione della dietilamide dell'acido lisergico in forma di tartrato (sale dell'acido tartarico), fui costretto a interrompermi a causa di insolite sensazioni. La descrizione che segue di questo imprevisto proviene dal rapporto che inviai al professor Stoll:

Venerdì scorso, 16 aprile 1943, a pomeriggio inoltrato ho dovuto interrompere il lavoro in laboratorio e far ritorno a casa. Ero affetto da una profonda irrequietezza, accompagnata da leggere vertigini. Mi sono sdraiato e sono sprofondato in uno stato di intossicazione niente affatto spiacevole, marcato da una immaginazione particolarmente vivida. In una condizione simile al sogno, a occhi chiusi (la luce del giorno era abbagliante e fastidiosa), riuscivo a scorgere un flusso ininterrotto di figure fantastiche, di forme straordinarie che rivelavano intensi giochi caleidoscopici di colore. Dopo circa due ore questo stato svaniva.

Il decorso di questi sintomi singolari faceva sospettare l'esistenza di un'azione tossica esterna; ipotizzai una relazione con la sostanza con cui stavo lavorando, il tartrato della dietilamide dell'acido lisergico. Questo implicava un'altra domanda: come ero riuscito ad assorbire il composto? A causa della nota tossicità delle sostanze a base di ergot, seguivo sempre abitudini di lavoro molto scrupolose. Poteva darsi che, durante la cristallizzazione, tracce di LSD fossero venute a contatto con la punta delle dita, e da lì fossero state assimilate attraverso la pelle. Se I'LsD era davvero la causa di questa bizzarra esperienza, doveva trattarsi senza dubbio di una sostanza di straordinaria efficacia. Pareva ci fosse un unico modo per fare chiarezza. Decisi di sperimentarlo su me stesso. Con la massima cautela, iniziai la programmata serie di prove a partire dalla più piccola quantità che potevo presumere avesse qualche effetto; considerando l'azione nota all'epoca degli alcaloidi dell'ergot: 0,25 mg (mg = milligrammo = un millesimo di grammo) di tartrato di dietilamide dell'acido lisergico. Segue l'annotazione nel mio diario di laboratorio di questo esperimento, in data 19 aprile 1943.



e segue con

Il primo esperimento con LSD

da "LSD Il mio bambino difficile" di Albert Hoffman



--------------------------------------------------------------------------------


19 aprile 1943.

Autosperimentazione:

19 Aprile, 16.20: 0,5 cc di soluzione acquosa contenente 1/2 promille di tartrato di dietilamide dell'acido lisergico via orale = 0,25 mg di tartrato di LSD. Diluito con circa 10 cc di acqua. Senza sapore.

17.00: inizio vertigini, sensazione di angoscia, distorsioni visive, sintomi di paralisi, desiderio di ridere.

Aggiunta del 21.IV: A casa in bicicletta. Dalle 18 alle 20 circa la crisi più acuta. (Vedi speciale rapporto).
Riuscii a scrivere le ultime parole solo con grande sforzo. Era chiaro, adesso, che l'LSD era stato la causa dell'insolita esperienza del venerdì precedente: le percezioni alterate erano dello stesso tipo, solo molto più intense. Dovetti lottare per parlare in maniera intelligibile. Chiesi al mio assistente di laboratorio, che era al corrente dell'esperimento, di accompagnarmi a casa. Andammo in bicicletta -non c'erano automobili in vista, durante la guerra solo pochi privilegiati potevano permettersele. Sulla via del ritorno, cominciai a sentirmi perseguitato. Ogni cosa nel mio campo visivo fluttuava ed era distorta, come se fosse vista in uno specchio ricurvo.

Avevo inoltre la sensazione di essere bloccato nello stesso posto, anche se il mio assistente mi disse, in seguito, che avevamo pedalato di gran lena. Alla fine arrivai a casa sano e salvo; riuscii appena a chiedere al mio compagno di chiamare il medico di famiglia e di farsi dare un po' di latte dai vicini. Malgrado il mio delirante stato confusionario, avevo brevi momenti di pensiero lucido e sensato -il latte come antidoto generico per intossicazioni.

Le vertigini e la sensazione di svenimento divenivano a volte così forti che non potei rimanere eretto a lungo. Mi adagiai su un divano. L'ambiente circostante aveva assunto ora aspetti più terrificanti. Tutto nella stanza si attorcigliava, gli oggetti familiari e i mobili presero forme grottesche e sinistre. Erano in continuo movimento, animati, come spinti da un'irrequietezza interna. A malapena riconobbi la vicina di casa che mi aveva portato il latte -nel corso della sera ne bevvi più di due litri. Non era più la signora R., ma una strega malvagia e infida dalla faccia colorata. Peggiori delle trasformazioni grottesche della realtà esterna furono tuttavia le alterazioni che percepii dentro me stesso, nel mio più intimo essere.

Ogni sforzo di volontà, ogni tentativo di arrestare la disintegrazione del mondo e la dissoluzione del mio io, parevano vani. Un demone mi aveva sopraffatto, aveva preso possesso del mio corpo, dei miei pensieri, della mia anima. Balzai in piedi e urlai, cercando di liberarmene, sprofondai giù di nuovo, mi sentivo indifeso. La sostanza che avevo voluto sperimentare mi aveva sconfitto. Era il demone a trionfare sprezzante sulla mia volontà.

Fui assalito dal terrore di uscire fuori di senno. Mi sentii trasportato in un altro mondo, in un altro luogo, in un altro tempo. Il corpo sembrava avesse perduto ogni sensazione, senza vita, sconosciuto. Stavo morendo? Era questo il trapasso? A volte pensavo di essermi sdoppiato, e in quel momento avvertivo, da osservatore esterno, la totale tragedia della mia situazione. Morire senza congedarmi dalla mia famiglia -quello stesso giorno, mia moglie, con i nostri tre bambini, era andata a Lucerna a far visita ai suoi genitori. Avrebbero mai capito che l'esperimento non era stato condotto in maniera sconsiderata e irresponsabile, ma con la massima cautela, e che in nessun modo avrei potuto prevedere questo risultato?

La paura e la disperazione aumentarono, non solo perche una giovane famiglia stava perdendo il padre, ma anche perche ero terrorizzato dall'idea di lasciare incompiuti i miei studi di chimica proprio nel mezzo di sviluppi fruttuosi e promettenti. Si formò un'altra riflessione, un'idea piena di amara ironia: questa dietilamide dell' acido lisergico, che avevo messo al mondo, mi costringeva ora ad abbandonarlo prematuramente.

Quando arrivò il medico, l'apice dello stato depressivo era ormai trascorso. Il mio assistente di laboratorio lo informò dell' esperimento, poiché io non ero ancora in grado di formulare una frase coerente. Scosse la testa perplesso, quando provai a descrivere il pericolo mortale che minacciava il mio corpo. Non potè ravvisare alcun sintomo anomalo, a eccezione delle pupille molto dilatate.

Polso, pressione del sangue e respiro erano normali. Secondo il suo parere non c'era motivo di prescrivere alcun farmaco. Mi fece adagiare sul letto e rimase lì a tenermi sotto controllo. Lentamente ritornai da un mondo strano, non familiare alla rassicurante realtà quotidiana. L'orrore si era placato e aveva ceduto il terreno a una sensazione di gioia e di gratitudine, riapparvero percezioni e pensieri più normali; ero quasi sicuro ormai di aver scongiurato definitivamente il pericolo della pazzia.

Adesso, a poco a poco, potevo iniziare a gioire dei giochi di colore e di forme senza precedenti, che instancabili si rivelavano ai miei occhi chiusi. Caleidoscopiche, fantastiche immagini si agitavano dentro di me, si alternavano, variopinte, si aprivano e si richiudevano in cerchi e spirali, esplodendo in zampilli colorati. Poi si riorganizzavano, si incrociavano, in continuo mutamento. Era straordinario il modo in cui ogni percezione acustica, come il rumore della maniglia di una porta o di un'auto di passaggio, si trasformasse in impressioni ottiche. Ogni suono creava una figura vivacemente cangiante, con i suoi colori e le sue forme compatibili.

La sera tardi ritornò mia moglie da Lucerna. Qualcuno per telefono l'aveva informata che stavo soffrendo di un misterioso esaurimento Aveva affidato i bambini ai suoi genitori. Ormai mi ero sufficientemente ripreso per raccontarle l'accaduto.

Esausto mi addormentai. Il mattino seguente mi risvegliai rinvigorito e con la mente lucida, benché mi sentissi ancora un po' stanco fisicamente. Sentivo scorrere dentro di me una sensazione di benessere e di rinnovamento. La colazione aveva un sapore delizioso che mi trasmise un piacere insolito. Quando poi uscii fuori nel giardino, dove il sole risplendeva dopo una pioggia primaverile, ogni cosa brillava e scintillava di una nuova luce. Sembrava che il mondo fosse stato creato di recente. Tutti i miei sensi vibravano in uno stato di estrema percettività, che durò per tutto il giorno.

Questo esperimento dimostrò che I'LsD-25 era una sostanza psicoattiva con proprietà straordinarie. Non esisteva, che io sapessi, un altro farmaco che provocava effetti psichici così profondi a dosaggi così bassi, e in grado di determinare simili drammatici cambiamenti nella coscienza umana e nella nostra percezione della realtà esterna e interna.

Quello che sembrava più ragguardevole era il fatto che potevo ricordare l'esperienza in ogni dettaglio. Questo poteva significare soltanto che l'attività cosciente di memorizzazione non si era interrotta, malgrado il profondo collasso della normale visione del mondo. Per tutta la sua durata ero stato consapevole di prendere parte a questo esperimento, senza tuttavia poter sfuggire al mondo dell'LsD, nonostante tutti gli sforzi di volontà. Avevo vissuto un'esperienza assolutamente reale nella sua dimensione inquietante, inquietante perche l'immagine dell' altro mondo, quello familiare, era ancora preservata nella coscienza, accessibile per il confronto.

Un altro aspetto sorprendente dell'LsD era la sua capacità di provocare uno stato di alterazione intenso e di vasta portata senza lasciare postumi. Al contrario, il giorno successivo mi sentii, come ho già detto, in un'eccellente condizione fisica e mentale.

Pensai che le proprietà di questo nuovo composto attivo avrebbero dovuto essere impiegate in farmacologia, in neurologia e soprattutto in psichiatria, e che avrebbero destato l'interesse degli specialisti. All'epoca non mi sfiorò il sospetto che la nuova sostanza, al di là del suo uso medico, sarebbe stata accolta anche nel panorama degli stupefacenti. Nel mio primo esperimento, I'LsD si era manifestato nel suo terrificante aspetto demoniaco, non potevo quindi prevedere la sua trasformazione in una droga per così dire di piacere.

Oltre a ciò, non riuscii subito a ravvisare il nesso significativo tra le alterazioni causate dall'LsD e l'esperienza visionaria spontanea. Questo avvenne più tardi, dopo ulteriori esperimenti con dosaggi molto più bassi e in circostanze diverse.

Il giorno successivo compilai per il professor Stoll il rapporto già accennato sulla straordinaria esperienza e ne inviai una copia al direttore del dipartimento farmacologico, professor Rothlin.

Come potevo senz'altro prevedere, la prima reazione fu di incredulo stupore. Arrivò subito una telefonata dalla direzione; il professor Stoll domandò: «È sicuro di non aver commesso errori nel peso? La dose dichiarata è corretta?» Anche il professor Rothlin mi fece le stesse domande. Ero sicuro di questa cosa, dato che avevo effettuato il peso e il dosaggio con le mie proprie mani. I loro dubbi tuttavia erano giustificati in un certo senso, poiché fino ad allora nessuna sostanza conosciuta aveva rivelato la benché minima azione psichica in dosi di frazioni di milligrammo.

Un composto attivo di tale potenza pareva quasi inverosimile. Il professor Rothlin in persona e due suoi colleghi furono i primi a ripetere la prova, utilizzando appena un terzo del mio dosaggio. Ma anche a quel livello gli effetti furono molto imponenti e fantastici. Tutti i dubbi sulle dichiarazioni del mio rapporto vennero eliminati.
Rider
 

Messaggioda Ospite » lun set 08, 2003 7:23 pm

ridergian, ne sai a paccchi, di che ti occupi?
Ospite
 

Messaggioda Rider » lun set 08, 2003 9:23 pm

faccio il consulente in ambito informatico ... pero' mi piace informarmi su tutte le cose, anche se poi nn le uso/le faccio tutte 8)
Rider
 


Torna a ilMacBar

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron