Percorso: ilMac.net > Eventi & foto > Eventi > Il MacDay 2000 dalla A alla Z


Il MacDay 2000 dalla A alla Z

Tutto quello che voleva sapere chi non ha potuto esserci

Domenica 21 Maggio 2000 si è svolto il MacDay a Modena.
Cos’è il MacDay è presto detto: un ritrovo di appassionati dei computer della Mela.
Partiti da Udine alle 6:00 in circa 3 ore di auto siamo arrivati a Modena al MacDay (Io, Antonino ed Igor) arrivati un po’ in anticipo, dato che la giornata incominciava alle 10, abbiamo trovato fuori dall’entrata del locale, il MORe un allegro Mac-user che abbiamo poi scoperto essere Stefano Stefani, ovvero l’organizzatore della manifestazione.
Che sul momento ci ha detto di essere ufficialmente chiuso fuori perché in mancanza delle chiavi :-) (cose che succedono :-)), ma poco dopo anche questo piccolo inconveniente si è risolto.

In pochi minuti davanti al cancello del MORe si è radunata una discreta quantità di partecipanti al MacDay e così dopo un paio di presentazioni e dopo alcune discussioni abbiamo iniziato ad entrare.
Con Antonio ci siano trovati all’entrata, prima che iniziasse la manifestazione, ci siamo salutati, abbiamo scambiato quattro chiacchiere e abbiamo discusso un po’ sulle future evoluzioni di ilMAC.net. Non è difficile capire che abitando uno a Udine e l’altro ad Atripalda, in provincia di Avellino, si alquanto difficile riuscire ad incontrarsi di persona dato che circa 870 Km ci dividono :-) così dopo alcune discussioni, appena entrati ho notato che Antonio ha iniziato un acceso dibattito, molto animato, con un simpatico Mac-user. Che poi, dal suo cartoncino identificativo, ho scoperto essere Daniele Volpi, detto il Volpino, ovvero l’opinionista di Tevac.
Antonio sfortunatamente è potuto rimanere al MacDay solo fino alle 11:30 circa, ma vi posso dire che la discussione col Volpino è durata fino alla sua partenza, sempre con toni molto accesi :-).

Vi confesso che questa era la prima volta che andavo al MacDay, per cui alcune cose di quelle che ho detto o dirò sembreranno scontate ai veterani di questo ritrovo, ma questo è quanto un neofita del MacDay si ritrova di fronte partecipando al raduno.
Il MORe altro non è che una piccola discoteca, che però non è adibita solo a tale scopo, infatti li abbiamo trovato già bella e pronta una rete Ethernet e una serie di cavi per collegare i Mac; se ci pensate bene non è da tutti i locali avere queste dotazioni.
Pian piano sono arrivate alcune persone con dei PowerBook, quasi tutti ultimi modelli, e li hanno iniziati a collegare alla rete, dopo poco è arrivata anche una persona trasportando due iMac, che poi ho saputo essere un rappresentante di Apple Italia. Ovviamente anche i due iMac (uno verde e l’altro rosso) sono stati prontamente connessi in rete.
Ma il bello dei questa rete è che non era una semplice connessione locale, ma c’era anche la possibilità di navigare in Internet, e mi sembra quasi scontato dire che non c’era un solo Mac che non stesse navigando in Rete.

Dato che all’interno del MacDay c’era anche un ritrovo del POC (PowerbookOwnersClub) è facile intuire che ci fosse una notevole quantità di PowerBook presenti in quella stanza, con la sola presenza dei due iMac citati e pochi, due o tre, iBook.
Oltre ai computer era possibile trovare una ricca dotazione di accessori, telecamere, macchine fotografiche, hard disk, masterizzatori, removibili e tutte periferiche rigorosamente FireWire o USB. Insomma un utente Mac si sentiva veramente a casa sua al MacDay :-), e poteva vedere e provare un sacco di cose che normalmente si possono vedere solamente nei negozi o sui cataloghi.
C’erano anche dei prodotti hardware di importazione, e dei software “in beta” che ancora da noi non si erano mai visti, quanto meno dal vivo, e vi posso garantire che era un vero spettacolo vederli in azione.
Verso l’ora di pranzo ci siamo portati all’esterno del MORe dove era stato adibito un buffet su un tavolino, e li davvero tutti hanno lasciati incustoditi all’interno del locale i loro preziosi PowerBook per gettarsi, quasi a capofitto, sul cibo (eh l’istinto animale :-)).

Dopo il buffet lo spirito del MacDay è un po’ cambiato, c’è stato anche un ricambio di gente, alcuni se ne sono andati, mentre altri sono arrivati; questo è forse dipeso anche dal fatto che dopo le 14 era possibile entrare gratis, dato che il buffet era già finito.
Il pomeriggio doveva esserci una dimostrazione di prodotti di telefonia correlati al Mac, ma i casi sono due o io me la sono persa o la dimostrazione non c’è stata, mah…
Il pomeriggio non solo c’è stato un ricambio di persone ma anche un ricambio di componenti del Team di ilMAC, infatti andato via Antonio è arrivato al MacDay Zeno, così abbiamo avuto modo di conoscerci (era la prima volta che ci incontravamo di persona) e di parlare un po’ del più, del meno e di ilMAC :-).

Il pomeriggio è trascorso più all’insegna della tranquillità, infatti non ci sono stati più accesi dibattiti fra utenti, c’era in video dell’ultima presentazione di Steve :-)obs che veniva proiettata su un grande schermo al quale però non molti vi badavano.
Sempre nel pomeriggio ho avuto anche modo di conoscere Roberto Rota, il fondatore di Tevac news ed ho avuto un’ interessante conversazione anche con quest’ultimo che si è protratta fino alla fine della giornata.
Quando lentamente la gente ha incominciato ad andarsene il gruppo di presenti si restringeva vistosamente, finché alla fine siamo rimasti in una decina di persone e abbiamo avuto delle interessanti discussioni finali, che hanno riguardato gli ambiti più svariati del mondo Mac. Non posso negare che sono state mosse alcune critiche nei confronti dei responsabili di Apple, ma non critiche che li riguardassero personalmente, ma bensì critiche di carattere generale riguardanti alcune politiche di Apple. Cose che succedono, ma altrimenti non ci sarebbe stato neanche il mordente di questo ritrovo.
Verso le 18 si è concluso il MacDay 2000 con la partenza di tutti gli ultimi partecipanti rimasti.
Che dire a conclusione di questa bella giornata: sicuramente il MacDay è un evento molto divertente e diverso dal solito che va mantenuto e possibilmente ingrandito negli anni, forse l’unica cosa che a mio avviso è un po’ mancata è una qualche iniziativa all’interno di questo evento, tipo la presentazione di qualche prodotto, o magari perché no un mini torneo a qualche videogame.
Lo so alcuni dei veterani di questa manifestazione mi hanno detto che probabilmente non sarebbe stata una cosa del genere ad attrarre più persone, può darsi, ma io non lo dico al fine di una maggior attrattiva, lo dico al fine di coinvolgere un po’ di più tutti i partecipanti presenti, e perché no anche per dare un innovazione a questo bel raduno.

Eccovi il nostro reportage fotografico cliccate qui.

E non dimenticate di leggere il nostro reportage dal MacDay dalla A alla Z.

Ciao all’anno prossimo.



Data di pubblicazione: 31-05-2000
L'intero contenuto di questo sito dal 1998 del Team di ilMac.net, vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.