Percorso: ilMac.net > Eventi & foto > Eventi > Biagini, Apple e innovazione


Biagini, Apple e innovazione

Il CEO di Apple Italia a convegno a Udine

Abbiamo partecipato alla seconda edizione di InnovAction, il salone della Conoscenza, delle Idee e dell’Innovazione che si è tenuto a Udine dal 16 al 18 Febbraio 2007.

L'evento centrale è stato la tavola rotonda su "Creatività e innovazione per competere nel mercato globale" a cui hanno partecipato, tra gli altri, Luigi Nicolais Ministro per la Funzione Pubblica e l'Innovazione (foto a sinistra) ed Enzo Biagini Amministratore Delegato di Apple Italia, nonchè Regional Sales Director Southern Europe di Apple inc.

Parla Biagini: leadership, copyright e innovazione!

Interpellato sul segreto dell'innovazione Biagini ha ribadito l'importanza del capitale umano: "la leadership è un fattore strategico per portare avanti l'innovazione, per portare avanti il cambiamento in una logica di successo sul mercato, soprattutto per gestire quello che è lo sviluppo all'interno dell'azienda".

Nello specifico col rientro di Steve Jobs Apple ha preso una strada diversa, specie a partire dal duemila.
Con il ritorno in evidenza del capitale umano e del concetto di leadership la dirigenza ha avuto il “coraggio di fare scelte strategiche: la prima è stata recuperare il know how e la missione dell'azienda” e secondariamente è stata presa una direzione precisa (per quanto costosa) nel difendere in maniera intransigente il copyright.

Infatti, secondo Biagini, non è vero che ciò sia impossibile anche nel contesto della competizione globalizzata dei nostri giorni: lampante il caso di una nota fabbrica di scarpe italiana (la Geox) che riesce con successo a difendere i suoi brevetti in un mercato difficile come quello cinese. Questa difesa diventa un valore strategico se si vuole seguire una logica di differenziazione come quella che ha perseguito Apple invece di perseguire una leadeship di costo o di bilanciamento tra valore o offerta; i grandi investimenti in termini di ricerca e sviluppo vanno difesi. I risultati non sono stati solo innovazioni di prodotto ma anche di processo: in Apple “i responsabili del design siedono allo stesso tavolo dei progettisti e partecipano come elemento strategico”.

Riguardo al tema della sostenibilità dello sviluppo ha poi aggiunto che grazie ad una accurata ricerca il costo di "smaltimento" dei beni può essere affrontato alla base con una ricerca di materiali ecologicamente sostenibili, inoltre progettare un buon prodotto significa anche aumentarne il ciclo di vita riducendo lo spreco conseguente.

Apple in Fiera

Apple non era presente solo con il suo Amministratore delegato: i Mac erano ovunque, nelle zone dedicate al Design (foto a destra), negli stand delle scuole superiori come in quelli degli istituti di ricerca scientifici.
E quando dividevano lo spazio con i PC ai Mac era quasi sempre riservato il posto d'onore, sia per l'estetica sia perchè spesso erano i computer "personali" dei vari ricercatori.

Una nota di colore si è avuta la domenica pomeriggio, quando il pubblico è accorso in massa allo "Spazio Techwork", tanto da fare fila negli spazi comuni del padiglione 8, per assistere divertito ai filmati "Get a Mac" su un Apple Cinema Display da 30".
Nello stesso stand, grande interesse hanno suscitato l'anteprima di Podcast Producer, adattato tecnicamente dai sistemisti Techwork alle esigenze delle università (presenti in forza ad Innovaction), il cluster di Xserve, le soluzioni di storage e gli ambienti collaborativi.

Apple e Techwork: innovazione e soluzioni

Abbiamo quindi scambiato due parole con Andrea Facchin, titolare della Techwork che è stata scelta come partner tecnico per l'edizione 2007 di InnovAction, una scelta che riconosce non solo i meriti dell'azienda in sé ma del settore in cui compete:

“Mi ritengo assolutamente soddisfatto dell'esito della manifestazione: l'interesse suscitato dalle nostre soluzioni ha dimostrato che c'e' molta richiesta di tecnologia Apple in ambienti Hi-end. Ma si è confermato che vendere macchine affidabili e software stabili non è sufficiente: è necessario possedere le competenze adatte per proporre una soluzione completa e professionale. Per noi di Techwork questo significa aver vinto una scommessa e il riconoscimento che essere leader nella consulenza e assistenza di alto livello, su piattaforma Apple, è la strada giusta”.

Abbiamo chiesto in che modo Techwork, che in qualche modo rappresentava la Casa di Cupertino alla manifestazione, si rapportasse con i suoi rivenditori in un momento di intense novità nella struttura di vendita di Apple Italia.

”E’ un dato di fatto che i nostri eventi portino molti benefici anche ai dealer, che possono finalmente vedere quanto la tecnologia Apple, abbinata a competenze come quelle di Techwork, possa creare nuove opportunità e aprire nuovi mercati, e che da questi eventi ricevono richieste da parte dei loro clienti.
E' per questo che, per il futuro, auspico una sempre maggiore collaborazione tra Techwork e le organizzazioni commerciali sul territorio: solo così si possono strutturare delle soluzioni e delle proposte competitive sul mercato.
Purtroppo, tranne alcuni rari esempi, da parte loro c'è ancora una certa diffidenza verso la collaborazione con strutture esterne, che vengono viste come concorrenti.
Spero che nel futuro ci possa essere più cooperazione, perchè sono assolutamente convinto che il futuro è verso la collaborazione tra le strutture commerciali e aziende come Techwork, che può fornire tutto il know-how necessario per il mercato pro di alto livello”
.
Enzo Biagini si è intrattenuto a lungo con Andrea Facchin e i sui collaboratori (foto a destra), a dimostrazione dell’interesse per questa azienda friulana che opera da leader su tutto il territorio nazionale in un settore così importante per Apple.

A tu per tu con Enzo Biagini

A conclusione della giornata abbiamo potuto constatare quanto il manager Apple sia una persona paziente e disponibile: dopo aver dibattuto con il Ministro di scenari competitivi mondiali si è dilungato rispondendo ai vari appassionati Apple presenti (con tanto di delegazione dell'Apple User Group locale!) che gli hanno fatto varie domande su iMac, iPod e iPhone.

Si è gentilmente prestato per le classiche foto-ricordo (qui a sinistra col vostro inviato) ma, per quanto riguarda lo sbottonarsi sulle novità, niente da fare: Apple difende la sua proprietà intellettuale sempre e comunque!


Data di pubblicazione: 21-02-2007
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.