Percorso: ilMac.net > Economia digitale > Articoli > Apple un titolo al bivio


Apple un titolo al bivio

Analisi del titolo Apple e delle sue prospettive future

Qualche mese fa abbiamo parlato, su queste pagine, del titolo Apple e di come disponesse di elevate possibilità di apprezzamento grazie ai frutti che la recente strategia stava dando.
Le nuove macchine Professionali, i G5, che finalmente sono disponibili in quantità nei canali, hanno contribuito ad elevare le vendite ed i profitti di Apple. I portatili, dopo un doveroso rinnovo, hanno ripreso a correre anche se una parte del mercato si è fermata in attesa di un possibile rilascio di portatili G5 cosa che però non dovrebbe avvenire prima del prossimo anno inoltrato.

iTunes Music Store

La più grande novità di Apple, nel 2003 che si avvia a concludersi, è certamente il lancio, in grande stile, dell'iTunes Music Store, il negozio di canzoni considerato il migliore al mondo e attraverso il quale ha ottenuto la leadership nel nascente mercato della vendita di brani musicali online.
La grande euforia per questo lancio è stata pesantemente affievolita dalle dichiarazioni chiarificatrici fatte da Jobs e da Anderson circa la logica economica dietro questa iniziativa.
Nonostante gli interessanti volumi di vendita ottenuti, sin dall'inizio, dalla nuova iniziativa il Music Store rappresenta un "servizio" in perdita attualmente e che, in prospettiva sarà in grado di dare scarni profitti. La ragione sta, soprattutto, nello scarso margine con cui apple si trova ad operare.
In dettaglio, infatti, considerato il costo dei brani di 99 c. di $, 66 c. vengono girati alle Major, per i loro diritti d'autore, poi ci sono le commissioni per le carte di credito, i costi di predisposizione dei brani e quelli di distribuzione online, quindi rete, server, banda e molto altro.
Perchè, allora, Apple si è lanciata in questa iniziativa?
La risposta è semplice ed è una parola, anzi un prodotto: iPod

iPod, la vera rivoluzione della musica digitale e dei profitti di Apple

Apple ha chiaramente detto che il suo nuovo store le farà vendere molti più iPod ed è su questo prodotto, con i suoi margini interessanti, che a Cupertino stanno costruendo una possibile dominanza del mondo musicale.
L'iPod è, infatti, il lettore MP3 più venduto al mondo, sia in pezzi, che in valore. E questa situazione era già in essere prima della nascita del Music Store. A seguito di questa nuova iniziativa e del successivo rilascio di iTunes per Windows le vendite di iPod sono ulteriormente cresciute visto che, il lettore multifunzione di Apple, si presta a molteplici usi.

Cosa c'è oltre l'iPod? Panther e un futuro chiamato IBM

Ma cosa c'è nel futuro di Apple oltre all'iPod? Diciamo che l'azienda è in fase di transizione, ma che sembra disporre di qualche arma più potente nella sua continua lotta per la sopravvivenza. In primo luogo l'atteso rilascio del G5 a 0,09 micron dovrebbe consentire di rilasciare una serie di nuove macchine necessarie per rinnovare la gamma e renderla sempre più competitiva. Inoltre l'aver lanciato il nuovo G5 con grande enfasi circa le sue prestazioni elevate in confronto al mondo PC costringerà Apple ad accelerare il rilascio delle nuove macchine.
Panther, pur con alcuni problemi che vanno risolti nei prossimi mini aggiornamenti, rappresenta un grosso passo avanti sulla strada del potenziamento del software di sistema. Nei prossimi mesi Apple ottimizzerà continuamente il suo sistema operativo per cercare di ottenere il massimo dai suoi G5.

E il futuro? Un punto interrogativo tra rischi e opportunità

Il futuro di Apple, come sempre, è un grosso punto interrogativo. L'azienda è certamente sana, con una buona posizione competitiva, ha una strategia dei negozi che comincia a pagare e prodotti che sono apprezzati non solo per il loro design, sempre molto particolare ed innovativo, ma anche per le caratteristiche tecniche intrinseche.
I prossimi anni però porteranno sfide interessanti che, se vinte, porteranno Apple ad acquisire quote di mercato, apprezzandosi sul mercato, e, se perse, a rischiare nuovamente di tornare in una piccola nicchia del grande mercato dell'IT.
Quali sono le sfide?
A mio avviso 3:

  1. Rilasciare nuove macchine raccogliendo la sfida mossa da Intel ed AMD utilizzando al massimo la capacità innovativa e produttiva di IBM con i suoi processori G5 ed in futuro G6
  2. Mantenere e rafforzare la leadership nel campo ancora inesplorato, della musica online. Riuscire ad aggiornare e potenziare gli iPod, migliorare il Music Store ed essere sempre e comunque il principale operatore estendendo la propria operatività ben oltre gli Stati Uniti fino a coprire tutto il mondo, soprattutto Europa e Giappone.
  3. Palladium o Longhorn. Microsoft ha preso una direzione, quella della chiusura totale del sistema con l'obiettivo di diventare il controllore dell'utilizzo dei personal computer da parte degli utenti. In questo caso la possibilità per Apple è quella di offrire una maggiore libertà ai propri utenti visto che il pericolo di virus sotto MacOS X, non è lontanamente paragonabile a quello sotto Win.Ovviamente se il sistema Microsoft dovesse affermarsi, sarebbero tempi durissimi per tutte le alternative Apple compresa.

C'è ancora molto da dire, ma per questa settimana è tutto. Alla prossima.



Data di pubblicazione: 10-12-2003
L'intero contenuto di questo sito è © dal 1998 del Team di ilMac.net, è vietata ogni riproduzione senza il consenso scritto da parte degli autori.